LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Capitale della cultura, quattro comuni veneti in corsa per il 2021. Verona ci spera
Corriere del Veneto 4/1/2020

VERONA. Anno 2021: assalto al titolo di Capitale italiana della Cultura. E ci sono ben quattro centri del Veneto tra i 44 candidati a livello italiano, alcuni dei quali sono comparsi, per la prima volta, nella lista ufficializzata dal Ministero dei Beni Culturali, resa nota ieri. Non ci sono Treviso o Rovigo, che pur avevano manifestato lintenzione di mettersi in gioco lestate scorsa, ma spuntano Belluno, Feltre e Pieve di Soligo, della cui candidatura, finora, non si era molto parlato. Tra le big, Verona, che sul progetto sta investendo da oltre un anno, partendo da una ricorrenza-chiave: il settimo centenario dalla morte di Dante Alighieri, avvenuta, per lappunto, nel 1321. Un elemento di peso, insomma, da mettere sul piatto. Basterà? La concorrenza appare spietata. Ci sono capoluoghi di regione, come Genova e LAquila. Ci sono città che si stanno preparando da tempo, come Livorno, che punta su due progetti: le Livornine (ricordando le antiche leggi medicee) e Livorno delle Nazioni, che coinvolge larea portuale. Ma ce nè una, in particolare, che rischia di essere una concorrente impegnativa: Taranto. A pesare sono le dichiarazioni, rilasciate nei giorni scorsi alla Gazzetta del Mezzogiorno , da Mario Turco, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio in quota 5 Stelle: Il governo appoggerà questa candidatura. Insomma, la città al centro della cronaca per il caso Ilva, ma anche laboratorio di recupero del patrimonio artistico (in particolare quello archeologico) sembra essere la vincitrice in pectore . Causa persa? Da Verona, lassessore alla Cultura, Francesca Briani, sembra crederci ancora: Abbiamo sempre detto che lo scopo principale della nostra candidatura è quello di canalizzare verso un grande contenitore tutte le creatività e le molte realtà culturali della città. Verona sta già vivendo un momento di grande fermento, lo dimostrano le mostre organizzate nei nostri musei, con lesposizione anche di pezzi provenienti dai nostri depositi. Lo dimostra il grande lavoro progettuale che stiamo facendo su Dante per i 700 anni dalla morte, che ricorrono proprio nel 2021. Contenuto che sicuramente avrà un ruolo nel dossier a cui stiamo già lavorando. Il titolo di Capitale italiana della Cultura è stato istituito nel 2014, facendo seguito alliniziativa europea, con la legge sullart bonus. I fondi governativi, per la città vincitrice, ammontano a un milione di euro e sono vincolati alla realizzazione del programma presentato. Il risultato si saprà entro il 10 giugno.

In passato il titolo è andato a Cagliari, Lecce, Perugia e Siena (nel 2015), Mantova (2016), Pistoia (2017) e Palermo (2018). Nel 2019 non è stato assegnato, in quanto Matera aveva già conquistato il titolo di capitale europea. Nel corso di questanno la città designata è Parma. In passato, le candidature venete, che pur non sono mancate, non hanno avuto particolare fortuna.



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news