LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Capitali della cultura. Partecipare è già utile... Ma non fate come Pistoia
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 4/1/2020

Candidarsi a Capitale italiana della cultura significa mettere in moto un progettazione che può cambiare la città a prescindere. Parola di Pierluigi Sacco, prof di Economia della cultura. Lesempio da non seguire è Pistoia Capitale nel 2017.


La competizione in Toscana chiama in causa Pisa, Volterra, Arezzo e Livorno. Quattro città, distanti tra loro una manciata di chilometri, concorrono insieme alle altre 40 sparse in tutto lo stivale per aggiudicarsi il titolo di Capitale italiana della Cultura. Quello che accadrà adesso è che entro due mesi dovranno inviare al ministero dei Beni Culturali e del Turismo i propri dossier di candidatura che verranno esaminati da una giuria di sette esperti di chiara fama per arrivare entro il 30 aprile alla selezione di un massimo di 10 progetti finalisti da invitare in audizione. Questo poco tempo dovrà essere utilizzato al meglio e chissà che qualcuno non la spunti. Ma perché, a chi e quanto giova la conquista del titolo? Lo abbiamo chiesto a Pierluigi Sacco, ordinario di Economia della Cultura allo Iulm, direttore dei progetti senesi quando nel 2014 la città del Palio si candidò a conquistare lo scettro di Capitale europea della Cultura e poi, dal 2017 fino a dicembre scorso, consigliere del commissario europeo responsabile del settore.

Professor Sacco, quanto è importante vincere la gara per diventare Capitale italiana della cultura?

Più che vincere è importante partecipare. Candidarsi vuol dire dare il via a un processo di progettazione cui magari senza bando non si mette mano. E che può avere unimportantissima ricaduta sulleconomia del territorio e sulla sua capacità ideativa. Può essere la miccia che accende il fuoco del cambiamento di una città. Penso a quello che è stato fatto a Settimo Torinese, tra le finaliste per diventare Capitale nel 2018 poi battuta da Palermo, che però una volta pianificato il cambiamento lo ha messo in atto diventando un esempio virtuoso di rilancio. (In quel progetto era riuscita a mettere insieme Renzo Piano e Gabriele Vacis, le fabbriche come luogo di cultura e sostenibilità e la Pirelli, lIstituto Italiano di Tecnologia e il Politecnico di Torino, ndr ).

Quindi poco importa chi vince?

Non proprio, ma questanno, con il bando così tardivo (lultima chiamata per la manifestazione dinteresse risale al 16 dicembre e la preselezione si chiude il 2 marzo, ndr ) non so cosa saranno in grado di ideare le città candidate. La vera sfida, infatti, non è mettere a segno un buon calendario di eventi ma mettere insieme tanti soggetti e fare in modo che dalla comune ideazione venga fuori qualcosa che cambi il modo di stare insieme, di crescere e di guardare avanti una comunità. Si deve fare appello a una progettazione condivisa e di lunga durata.

Sono un po le linee guida dei finanziamenti europei e della nuova idea di cultura nel mondo. Chi ha vinto, secondo lei, questa sfida nel passato?

Purtroppo per restare in Toscana non Pistoia. Mentre hanno fatto molto bene Mantova nel 2016 e Palermo nel 2018. A queste ultime due città anche negli anni seguenti è rimasta londa lunga della buona progettazione.

E in termini di Pil?

Guardi, sfatiamo un mito senza grande fondamento. Questa idea dei conti da fare col Pil lascia il tempo che trova. Prendiamo Genova che è stata Capitale europea della Cultura nel 2004. Allora investì tutto il budget in un grande cartellone che richiamò molta gente. Dopo non è rimasto niente o poco, mentre nei casi di cui si parlava prima il beneficio sembra più duraturo.

Poco fa parlava di co-progettazione e di condivisione, di una nuova idea di città, di coinvolgimento dei cittadini, insomma. Quali sono i casi da prendere a esempio?

Sicuramente quello di Theaster Gates nel South Side di Chicago, una delle zone più pericolose e degradate della città che grazie a lui è diventata incubatore di una rinascita senza precedenti. (Lartista ha acquistato alcune strutture abbandonate e ne ha fatto ora una Casa Archivio piena di 14 mila volumi per la comunità nera, ora un contenitore di Cd usati che diventa una Casa dascolto e così via, ndr ). E poi Lille che da Capitale della cultura europea ha dato vita a un progetto di dialogo interculturale che ha coinvolto lIndia e lEst Europeo e che partiva da ogni piccola realtà del territorio, per dire anche le botteghe.

Cosa ne pensa della candidatura di Pisa, Livorno, Arezzo e Volterra?

Penso che quattro candidature di città così vicine siano uno spreco di energie. Che può danneggiare tutte quante.



news

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

07-04-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 7 aprile 2020

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

Archivio news