LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nicoletti: «Matera Capitale stimolo per tutti». Parla il neodirettore dell’Apt
Antonella Ciervo
Corriere del Mezzogiorno - Puglia 5/1/2020

Matera. La sua passione, il jazz, ora potrebbe tornargli utile: il respiro ampio, in musica, allontana gli stereotipi, un po’ come nel turismo dove la visione d’insieme è fondamentale. Forse Antonio Nicoletti, 45 anni, materano, neo direttore generale dell’Apt di Basilicata (agenzia di promozione territoriale) deve averci pensato già qualche volta, perché traghettare nel futuro la città che è stata Capitale europea della cultura fino a qualche settimana fa, richiede una visione lungimirante.

Le parole del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, nel suo messaggio di fine anno sono state una consacrazione ulteriore per la città che ha rappresentato un orgoglio per la nazione. Come proseguire nel futuro?

«È motivo di orgoglio dei materani e dei lucani il fatto che nel momento più importante di comunicazione diretta agli italiani, Matera sia stata ringraziata e presa come esempio da seguire. Credo ci si debba interrogare ora sulle motivazioni che l’hanno portata a questo punto e che ora bisogna tenere vive».

Una responsabilità che coinvolge direttamente il suo attuale ruolo

«Fondamentale sarà condividere maggiormente con tutto il territorio lucano gli ingredienti del successo di Matera. Non ci sono ricette ma le lezioni apprese vanno analizzate e applicate anche in altri contesti. Penso, ad esempio, al ruolo della cultura come volano di sviluppo, come accaduto a Matera che è stata capace di risollevarsi dopo la crisi del salotto e quella del 2008».

Un elemento che mai come in queste ore diventa centrale, visto il protagonismo di Venosa e Maratea e il ruolo di Potenza come città europea dello Sport nel 2021.

«La Lucania ha un grande potenziale inespresso e sentire che Venosa si candida a capitale italiana della cultura è bellissimo, perché iniziative del genere favoriscono la definizione di politiche di sviluppo che a livello regionale come Apt accompagneremo al meglio. Per quanto riguarda Maratea, il riconoscimento di risorse per l’area marina protetta è la certificazione come destinazione di eccellenza. Uno dei nostri obiettivi è contribuire alla destagionalizzazione e in questo ci potranno aiutare le aree interne e Potenza, città europea della Sport nel 2021, grazie a un turismo che soffre poco la stagionalità. Per farlo è necessario intervenire anche su dotazioni infrastrutturali e di servizi adeguati, perché così resta una regione del tutta isolata».

In che modo elementi vincenti come quelli di Matera possono essere utili per un settore come il turismo?

«Bisogna puntare sull’attivismo e la cooperazione fra cittadini, la rete fra istituzioni e la creazione di valori come appartenenza e l’identità. Tutti fattori alla base del successo della città: il sentimento di orgoglio che si è costruito lavorando insieme, pur fra mille difficoltà, verso un obiettivo comune, ha creato energie straordinarie e un nuovo modello di sviluppo».

Questo però vuol dire anche essere in grado di gestire i numeri record che hanno caratterizzato l’ultimo anno di Matera evitando di trasformarla in un fenomeno da baraccone?

«I numeri record sono solo quelli legati ai tassi di crescita. Se osserviamo i valori assoluti, le percentuali sono minime e ci sono ancora margini di sviluppo. La vera sfida è offrire ai turisti occasioni per raggiungere tutta la regione, come le Dolomiti lucane o l’area Bradanica o ancora il Metapontino con un’offerta che distribuisca i benefici sul territorio allargata e lavori sul sistema dell’accoglienza».

Fenomeni come l’abusivismo turistico, che sta aumentando anche a Matera, dovrebbero diventare uno degli impegni centrali delle istituzioni su cui anche l’Apt potrebbe puntare?

«Le regole devono essere fatte rispettare per tutelare tutti e questo è il primo importante tassello. Il turismo è un settore economico non autarchico ma radicato in un sistema territoriale che funziona. Sembrerò banale, ma serve un territorio in cui ognuno fa la sua parte e rispetta le regole altrimenti sarà difficile poter lavorare».

Obiettivi nel 2020 per l’azienda territoriale?

«Rinnovare l’intera politica di comunicazione e rafforzare la collaborazione con i territori insieme all’innovazione nell’offerta dei servizi con una strategia turistica che definisca sistemi di servizi digitali per il sostegno al turismo nelle aree interne, ancora troppo isolate, intervenendo sui mercati obiettivo con margini di crescita come gli Stati Uniti e il nord Europa».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news