LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano, Politecnico. «Il taglio degli alberi decisione impopolare. Ma non arretriamo»
Corriere della Sera - Milano 9/1/2019

Il rettore: Politecnico, nuovo dipartimento o perdiamo allievi

Città Studi, che un paio di anni fa lottava per non far «fuggire» le università nell’ex area Expo, oggi è sulle barricate perché il Politecnico vuole costruire laboratori di Chimica al posto di un’area verde. Il tema della protesta è passato dalla desertificazione del quartiere alla sua cementizzazione. A fronteggiare i manifestanti schierati in difesa dei 57 alberi di via Bassini c’è Ferruccio Resta, rettore alla guida di un ateneo da 44 mila studenti, 1.400 docenti, 2 mila tra dottorandi e ricercatori. Resta rivendica la responsabilità di «una decisione impopolare e difficile, la più difficile che ho dovuto prendere nel mio mandato finora».

Rettore, perché allora si è reso «antipatico» dando il via libera al taglio di 35 piante e al trasloco di altre 22?

«Abbiamo dato la disponibilità ad aumentare le compensazioni per gli alberi abbattuti. Abbiamo stanziato 200 mila euro in più e in commissione Ambiente a Palazzo Marino ho detto che siamo pronti a fare molto di più. Ma non siamo disponibili a rimettere in discussione un progetto col rischio che si areni. Le scuole, le università sono infrastrutture, si devono fare anche se ci sono persone contrarie. Ma non ci si può basare sulla popolarità per prendere le decisioni».

A cosa servirà l’edificio in via Bassini?

«Il Politecnico ha deciso di investire 40 milioni di euro in strutture di ricerca. Quella di via Bassini, su una nostra area, ospiterà laboratori di Chimica che oggi non abbiamo. Se non modernizziamo l’università, perderemo studenti e ricercatori che se ne andranno altrove. Agli atenei oggi non basta la qualità degli insegnamenti: servono aule attrezzate, campi sportivi, studentati. E io non sono disponibile a fermare lo sviluppo del Politecnico».

D’accordo, ma questi laboratori non si potevano realizzare in un altro spazio?

«La scelta di mantenerli in Città Studi corrisponde all’impegno preso per non svuotare il quartiere, come si temeva quando la Statale ha deciso di trasferire nell’ex area Expo parte delle sue facoltà. E non possiamo aspettare di occupare gli edifici che lascerà: sono vincolati e inadeguati a nuovi laboratori. Come ente pubblico poi non possiamo acquistare un’altra area, avendone una nostra».

Qualcuno aveva suggerito di spostare il tutto un po’ più in là, dove oggi si trova l’ex reattore nucleare.

«Qui nel 2017 è iniziato il decommissioning. Il processo è avviato, il fascicolo è in mano a vari Ministeri. Anche se si costruisse qui, qualche albero andrebbe sacrificato. Ma è stata una precisa scelta quella di realizzare i laboratori dove oggi c’è l’area verde di via Bassini: la palazzina sarà in continuità con il dipartimento già esistente di Elettronica, il progetto ricorda le corti milanesi. E al posto del reattore sorgerà un grande parco».

Torniamo agli alberi. Il 2 gennaio sono ripresi i lavori per il taglio delle piante. Perché gli operai erano accompagnati dalle forze dell’ordine?

«Il 6 dicembre a Palazzo Marino ho dato la disponibilità ad aumentare le piantumazioni compensative e a valutare di spostare tutte le 57 piante coinvolte, non solo le 22 inizialmente scelte, a patto di poter proseguire coi cantieri. I manifestanti invece hanno continuato nei giorni successivi a impedire agli operai di lavorare. Per questo, d’accordo con la ditta, abbiamo segnalato alle forze dell’ordine di voler riprendere i lavori con l’anno nuovo, col taglio delle 35 piante e il trasloco di 22».

E le compensazioni?

«In primavera pianteremo 126 alberi come da progetto di Renzo Piano. I 22 traslocati andranno nell’area tra via Bassini e via Ponzio. Al termine dei lavori nel campus Leonardo ci saranno 242 nuove piante e siamo disponibili ad altre piantumazioni come da indicazioni della commissione che si sta insediando, coordinata dal Municipio 3 con Statale, Politecnico e Comune».

A proposito di Comune, i manifestanti puntano il dito anche contro Palazzo Marino e il Pirellone.

«La responsabilità è solo mia, questa decisione non mette in dubbio le politiche ambientali né di Milano né della Lombardia».

La protesta, in effetti, è partita dai docenti. Ci vede una critica al suo operato?

«Una parte dei colleghi ha ottenuto che il progetto passasse una seconda volta in Senato accademico. Poi il tema è uscito dall’ateneo e ha coinvolto la città. Sicuramente c’è un’opposizione al mio operato, è una cosa naturale e buona, aiuta a correggere gli errori. Poi ci sono modi e modi di fare opposizione, ma non voglio fare polemica».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news