LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tutti pazzi per il Vate, quasi 280 mila visitatori al Vittoriale
Lilina Golia
Corriere della Sera - Brescia 9/1/2020

A marzo debutta Il «Parlaggio» rivestito di marmo

Il Parlaggio giunge a compimento. Si posano quei marmi rosso Verona che l’architetto Giancarlo Maroni aveva pensato per rendere ancora più elegante l’anfiteatro del Vittoriale degli Italiani, come da volontà di Gabriele d’Annunzio che gli commissionò l’opera. Una culla di suggestione in cui modernità e antico si fondono in architetture e suggestioni spettacolari, tra uno sguardo verso il lago e le note del concerto di una delle star internazionali che nei mesi estivi riempiono i giardini della dimora del Vate. «Quel che non fu fatto, io lo sognai», scriveva nella Laus vitae. E ora il sogno diventa realtà. Dopo 86 anni dalla posa della prima pietra, il 12 marzo prossimo, sarà ufficialmente inaugurato l’anfiteatro così come d’Annunzio lo aveva immaginato, ma mai visto completato. I lavori furono interrotti forzosamente nel 1952, dopo la morte del poeta. La mancanza di fondi lasciò incompiuta la struttura, in grado di ospitare 1.500 spettatori, affacciata sulle rive del Garda, monca, ma, comunque, capace di atmosfere uniche che continuano a fare da scenografia agli spettacoli, musicali o teatrali, allestiti nei mesi estivi. La posa dei marmi, iniziata lo scorso mese di settembre, è stata resa possibile da un contributo di 500 mila euro messo a disposizione dalla Regione Lombardia, grazie all’interessamento dell’assessore alla cultura, Stefano Bruno Galli, a copertura di circa la metà delle spese a capitolato. Per la progettazione del Parlaggio – così lo aveva ribattezzato il Vate – l’architetto Maroni fu mandato a studiare il teatro di Pompei per trarne ispirazione. Una cura minuziosa che caratterizza tutta la dimora che continua ad essere una delle case museo più frequentate al mondo: nel 2019 si sono staccati 279.328 biglietti d’ingresso, con una crescita di 14.182 presenze. Un anno in cui di particolare interesse sono risultate le iniziative dedicate al centenario dell’impresa fiumana di D’Annunzio, tra le quali anche tre giornate di studio che hanno visto al lavoro storici, ricercatori e giovani studiosi. «È un risultato che fa ben sperare di raggiungere entro il 2021, anno del centenario l’obiettivo dei 300 mila visitatori» è l’auspicio del presidente della Fondazione del Vittoriale, Giordano Bruno Guerri. Un museo che porta ad immergersi completamente nell’eclettismo di D’Annunzio, spaziando dalla poesia alla politica, fino alla passione per i motori, conditi con un pizzico di vanità e travolgenti relazioni amorose. Spunti di richiamo per i visitatori di tutto il mondo, ma anche per numerosi studiosi che hanno attinto ai documenti dell’archivio del Vittoriale. «Quest’anno abbiamo avuto 190 esperti, il 30% in più, rispetto al 2018».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news