LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Lo sfratto del principe d’Avalos. L’avvocato: «Trattato da criminale»
Paolo Di Martino*
Corriere del Mezzogiorno - Campania 11/1/2020

* Legale della famiglia d’Avalos

Il legale del discendente della nobile famiglia critica le modalità dell’allontanamento da casa

Dopodomani, lunedì 13 gennaio, scade il termine ultimo entro il quale la Vasto Srl della famiglia Ferlaino dovrà presentare il progetto per il recupero di Palazzo d’Avalos e in particolare del piano nobile nel quale hanno abitato ininterrottamente, dalla sua fondazione, i blasonati di origine spagnola venuti a Napoli al seguito di Alfonso d’Aragona. Fino all’altro ieri, quando è andato in scena il triste epilogo di un’annosa vicenda giudiziaria: lo sfratto del principe Andrea d’Avalos — classe 1971, nato a Londra e con una laurea a Oxford — e della sua anziana e malata madre. Da queste colonne abbiamo raccontato le testimonianze di quella che è stata definita «un’irruzione con un dispiegamento di forze irrituali». I risultati ottenuti dall’inchiesta del Corriere del Mezzogiorno sono stati finora due: la messa in sicurezza del prezioso Archivio di famiglia presso l’archivio di Stato. E l’intervento del Mibact che, attraverso il suo direttore generale Salvo Nastasi, in base al Codice dei beni culturali, ha imposto i lavori alla Vasto. Carte e muri sono stati messi in salvo, così non è andata per i d’Avalos in carne ed ossa. Per sbrogliare la matassa legale ci vorrebbero pagine come praterie. Ne offre una sintesi l’avvocato Paolo Di Martino che ha assistito prima Francesco d’Avalos e poi il figlio Andrea. Lo pubblichiamo di seguito.

A

Il Corriere del Mezzogiorno ha seguito con precisione il caso di Francesco d’Avalos, ieri giunto al termine con l’immissione nel possesso, in favore del Ferlaino, dell’intero Palazzo d’Avalos ed il definitivo allontanamento dalla propria dimora del Principe e di sua madre. Ho pure notato che il Corriere del Mezzogiorno , unico giornale ad interessarsi con coraggio della vicenda, ha anche rappresentato con polso le fasi del rilascio, eseguite — come ben narrato da un corposo «commando» di agenti con giubbotti antiproiettili e che, al seguito dell’irruzione nel Palazzo, ha accerchiato il d’Avalos, trattandolo come il più pericoloso dei criminali. Mi sono sorpreso, in tutta sincerità, che poi, all’uscita, non siano stati esplosi in aria anche colpi di pistola per festeggiare e che il corpo del d’Avalos non sia stato trascinato intorno alle mura del Palazzo.

Tuttavia, la narrativa del fatto storico, per quanto in sé toccante, trasudante al contempo sconcerto per le modalità esecutive, non esaurisce la drammaticità dell’accaduto. Ciò che veramente occorre spiegare sono le ragioni per le quali tutto questo è stato possibile.

Nel corso del tempo, infatti, in sfavore del d’Avalos, si sono ripetute, ad opera del Tribunale e della Corte d’Appello di Napoli, sentenze infauste che hanno consolidato in me l’amara consapevolezza dello strapotere della magistratura. Aggrava la perdita di qualsiasi fiducia nel sistema della giustizia la circostanza, benché il d’Avalos abbia denunziato ripetutamente dette arbitrarietà in ogni sede, ed io stesso ne sia testimone, che, sino ad oggi, in molti, ai quali io stesso nell’esercizio del mio mandato mi sono rivolto, nonostante le loro qualità, funzioni e compiti, abbiano immotivatamente deciso di non dover ascoltare. Rimango chiaramente a disposizione della Procura della Repubblica .



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news