LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia, Bruno Racine alla guida di Palazzo Grassi
Stefano Bucci
Corriere della Sera 16/1/2020

Un intellettuale amante dellItalia e con un passato più da letterato che da curatore darte contemporanea in senso classico. Con larrivo di Bruno Racine (nato a Parigi il 17 dicembre 1951) alla direzione di Palazzo Grassi-Punta della Dogana, luniverso artistico (molto contemporaneo) creato da François Pinault per Venezia, quello stesso universo che da aprile a dicembre 2017 aveva catturato oltre 360 mila visitatori con le invenzioni di Damien Hirst, cambia orizzonte, con lintenzione di riaffermare la volontà di uno sviluppo armonico dei due poli museali.

Ieri lannuncio da parte di François Pinault, imprenditore del lusso e mecenate, che ha collocato larrivo di Racine alla direzione di Palazzo Grassi-Punta della Dogana dalla fine del mese di marzo, successivamente allapertura delle mostre della stagione 2020 (tra queste Henri Cartier-Bresson. Le grand Jeu, dal 22 marzo al 10 ottobre 2021).

Da quella data, Martin Bethenod, attuale direttore dellistituzione veneziana (dal 2010) e responsabile della direzione del futuro museo della Bourse de Commerce dal 2016, si dedicherà completamente allapertura e allo sviluppo dellistituzione parigina, la cui apertura è prevista per giugno (progetto dellarchistar giapponese Tadao Ando).

Dopo gli studi in lettere classiche dellÉcole normale supérieure Racine ha poi proseguito i suoi studi allÉcole nationale dadministration, diventando revisore della Corte dei Conti di Parigi nel 1979. Più volte incaricato nellambito degli affari esteri, in particolare per il gabinetto del primo ministro Jacques Chirac (1986-1988), e in seguito per Alain Juppé, ministro degli Affari esteri (1993-1995) e primo ministro (1997), è stato direttore del Centro danalisi e previsione del Quai dOrsay dal 1993 al 1995.

Prima di sbarcare in Laguna Bruno Racine è stato direttore del Centre Pompidou a Parigi e della Bibliothèque nationale de France orientandola in particolare verso larte contemporanea attraverso una serie di mostre sui legami tra artisti e letteratura (tra gli ospiti: Sophie Calle, Richard Prince, Matthew Barney, Anselm Kiefer). Racine ha anche diretto lAccademia di Francia a Roma dal 1997 al 2002, aprendo (anche in questo caso) Villa Medici allarte contemporanea e agli artisti italiani.

Saggista e romanziere, Racine ha pubblicato vari libri sullItalia per Flammarion (Lart de vivre à Rome, 1999; Lart de vivre en Toscane, 2000) e per Puf-Presses universitaires de France (Les Cent mots de Rome, 2018). Strenuo difensore della cultura e della lingua italiana, Bruno Racine presiede il comitato parigino della Società Dante Alighieri. Oltretutto un buon segnale alla vigilia del 2021, anno delle celebrazioni per il settimo centenario della morte del padre della Divina Commedia.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news