LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Veneto. Palazzi in vendita, nelle casse regionali 38 milioni in 9 anni. Il M5s: Patrimonio pubblico svenduto
Ma. Bo.
Corriere del Veneto 14/1/2020

Venezia. Il cruccio di Luca Zaia è villa Rietti Rota, splendida dimora cinquecentesca affacciata sulle rive del Livenza, nel Trevigiano. È completamente arredata, con i bagni, le cucine e tutto il resto... ed è vuota! ha strabuzzato gli occhi il governatore solo qualche giorno fa. È in vendita, ovviamente, a 4 milioni 147 mila euro, parte di un corposo pacchetto di 67 immobili per 84 milioni di euro complessivi che la Regione ha messo sul mercato attirandosi le critiche di una parte dellopposizione: La Regione a guida leghista è una pessima amministratrice del patrimonio pubblico - attacca Erika Baldin del Movimento Cinque Stelle -. Anche il governatore lo ammette e sembra voler correre ai ripari, ma in realtà è peggio la toppa del buco. Mettere sul mercato case e palazzi può solo arricchire gli speculatori, specie in una città come Venezia dove il sindaco spesso sembra stare dalla parte degli affaristi e della monocultura turistica che cancella dal territorio i suoi stessi abitanti. Il M5s vuole che le risorse irrinunciabili restino pubbliche. Staremo a vedere dove finiranno le risorse, tante o poche, frutto di queste svendite.

Zaia, però, non fa marcia indietro ed anzi rivendica con orgoglio i risultati raggiunti da quando, nel 2010, avviò il suo piano di alienazioni infilandoci dentro pure cinque ville venete ed un complesso di particolare valore simbolico come Palazzo Balbi, che ospita proprio la giunta da lui guidata. Nonostante le difficoltà burocratiche e la non facile situazione del mercato immobiliare, il progetto di razionalizzazione sta assicurando un introito importante di risorse da impiegare in quello che interessa veramente ai cittadini. Il 2019 si è chiuso con alienazioni per 6 milioni che ci hanno fatto superare la somma di 38 milioni dal 2010. Stiamo parlando di beni di cui è venuta meno la destinazione a pubblico servizio e linteresse allutilizzo istituzionale, ma dalla cui vendita si aprono nuovi investimenti in settori come la salute, il sociale, la scuola, lambiente e la protezione civile.

Dal 2010 sono stati conclusi positivamente 26 procedimenti di vendita, di particolare importanza a Venezia - di qui le polemiche del M5s - come lHotel Bella Venezia (5,7 milioni di euro), gli ex uffici di Calle del Pistor (342.500 euro), 4 lotti del complesso in Calle Buccari. Il processo di razionalizzazione sottolinea Zaia non è soltanto un piano di vendite, ma è anche funzionale al programma di concentrazione e accorpamento di vari uffici, come sta avvenendo nelle sedi in prossimità della stazione veneziana di Santa Lucia. Questa strategia ci ha già fatto registrare notevoli risparmi in termini di affitti per circa un milione di euro dal 2014. In questo periodo il numero di canoni di locazione attivi è stato ridotto da 28 a 16. Proseguendo su questa linea, per il 2020 è previsto ancora un risparmio di 110 mila euro.



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news