LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Biennale, la Lega spinge Baratta. «Votiamo in aula la proroga»
Sara D’Ascenzo
Corriere del Veneto 14/1/2020

Colmellere, emendamento al Milleproroghe: «Vediamo chi ci sta». Ma è muro M5S

VENEZIA. Biennale, ora è la Lega a difendere a spada tratta il presidente uscente Paolo Baratta. Da ieri il consiglio d’amministrazione della fondazione veneziana - ai vertici mondiali tra le istituzioni culturali - è scaduto ed è entrato in regime di prorogatio per 45 giorni, ma nel frattempo intorno all’ex ministro, che guida la Biennale ininterrottamente dal 2008, si è alzata la marea dei consensi che non l’ha mai abbandonato. E da ieri, agli endorsement del sindaco Luigi Brugnaro e del presidente della Regione Luca Zaia, che già alla conclusione dell’ultima Mostra del Cinema avevano chiesto a gran voce un nuovo mandato per Baratta, e a quello dell’ex sindaco di Venezia Massimo Cacciari, che ieri sul Gazzettino ha invocato un «mandato a vita più del Papa», si è aggiunto un atto concreto del partito di Matteo Salvini: la deputata trevigiana Angela Colmellere, segretaria della commissione Cultura alla Camera, ha infatti presentato un emendamento al decreto Milleproroghe per allungare di un mandato la presidenza della Biennale «in modo - scrive l’esponente leghista - da rendere possibile un rinnovo dell’incarico a Paolo Baratta».

Per i non appassionati di regolamenti, è bene spiegare che Baratta ha terminato con ieri il suo terzo mandato consecutivo. Per iniziarne un quarto, prima della nomina del ministro, dovrebbe godere di una legge ad hoc, esattamente come quattro anni fa, quando fu proprio l’attuale ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini (Pd), a promuoverla. Così, approfittando della discussione prevista per convertire in legge il Milleproroghe, la deputata leghista ha bruciato tutti sul tempo (il termine per presentare gli emendamenti scade lunedì 20 e la discussione è prevista per il 27).

«Mi auguro che sia accolto e votato – dichiara Colmellere – da tutti coloro che hanno a cuore Venezia e l’apporto culturale che l’Istituzione Biennale possono dare. Governatore e sindaco sono d’accordo per la proroga a Baratta. Non vedo perché se una cosa funziona bisogna ostinarsi ad azzopparla. Chi si oppone, con la solita politichetta del “no” a prescindere, non fa il bene di Venezia e vorrebbe riportare la nomina del presidente della Biennale a Roma, senza ascoltare il territorio. Se verrà ammesso il mio emendamento, vedremo in aula nomi e cognomi di chi risponde a queste caratteristiche, e i veneti ne trarranno le conseguenze», conclude.

Ma il muro eretto dai Cinque Stelle non pare scalfibile. «Mi pare una richiesta eccessiva - dice la senatrice veneziana M5S Orietta Vanin - ha già goduto di questa modifica quattro anni fa. C’è un regolamento e i regolamenti vanno rispettati. Siamo tutti d’accordo sulla professionalità, sul grande lavoro, ma ha già avuto più volte la presidenza, non mi pare il caso di farla diventare una reggenza. Mi pare evidente che l’accordo della Lega col sindaco Brugnaro si rifletta in questo attivismo». Dal canto suo il Pd è in una posizione d’attesa. La nomina spetta a Franceschini, ma non è nelle condizioni di imporre un nome, deve negoziarlo con i Cinque Stelle e fino a dopo le elezioni in Emilia trovare un compromesso appare molto difficile. «Baratta ha fatto un egregio lavoro - dice il senatore veneziano Andrea Ferrazzi del Pd - ha rilanciato la Biennale a livello internazionale e non solo il cinema. Chi sa lavorare bene va riconfermato. L’endorsement della Lega non ci mette in imbarazzo: noi Baratta l’abbiamo sempre sostenuto a differenza di chi voleva mandarlo a casa nel 2011, quando non c’era alcuna scusa legislativa». Il riferimento è a quando il ministro Giancarlo Galan aveva scelto al posto di Baratta il pubblicitario Giulio Malgara e in Commissione Cultura - dove serve la maggioranza dei due terzi per ottenere il gradimento comunque non vincolante di un candidato - la Lega votò per Malgara, anche se ha sempre sostenuto di averlo fatto per la real politik, visto che la proposta veniva da un ministro della stessa maggioranza. Contro Baratta ieri si è levata anche la voce di Vittorio Sgarbi, per contestare la nomina alla guida della Biennale Arte di Cecilia Alemani: «Nomina inopportuna e inaccettabile- ha detto il critico - ha voluto ipo il futuro attraverso la perpetuazione di una tradizione familistica».

Sgarbi a parte, come finirà per la Biennale? I 45 giorni scattati ieri rischiano di passare velocissimi. E se non si troverà un nome condiviso nella maggioranza, si potrebbe arrivare al paradosso di dover commissariare un ente con i conti in ordine come la Biennale. A quel punto le ipotesi sarebbero tre: il ministro potrebbe nominare commissario Baratta «in continuità», oppure potrebbe nominare Salvo Nastasi, segretario generale del ministero, o il sindaco Brugnaro. Ipotesi, quest’ultima, decisamente improbabile. Difficile, anche se se ne parla, che a Baratta venga affidato un mandato di un anno, giusto per far passare questi tempi politici così difficili. Più probabile invece che Franceschini voglia chiudere con un nome «suo». Ma quale? Di tutti quelli fatti finora - da Bray a Cacciari, da Rutelli a Melandri, fino all’ex Soprintendente della Fenice, Cristiano Chiarot, il più gradito al ministro sarebbe Roberto Cicutto, presidente dell’Istituto Luce, veneziano con solidi addentellati romani. Ma pare che trovare qualcuno con cui parlarne nei Cinque Stelle sia quasi impossibile.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news