LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La mappa dei tesori dAvalos
Sylvain Bellenger
Corriere del Mezzogiorno - Campania 18/1/2020

Il fondo DAvalos è giunto allattuale Museo e Real Bosco di Capodimonte, a seguito di un legato testamentario della famiglia allo Stato italiano datato 1862 a cura del notaio Scotto di Santolo che il 29 settembre 1862 dà il via allinventario dei beni del defunto signor Marchese del Vasto e Principe di Pescara Don Alfonso dAvalos: 305 beni, dati in consegna al signor Gaetano Macaluso delegato dal Museo Nazionale per riceverne la consegna e farli trasportare al Museo Nazionale. Le opere darte della collezione dAvalos, insieme alle altre raccolte di arte medievale e moderna, furono separate dalle antichità archeologiche.

E trasferite al costituendo Museo e Gallerie nazionali di Capodimonte inaugurato nel 1957 e distribuite in parte nelle sale e in parte in deposito. Grazie a questa donazione, e al successivo lavoro di ricognizione, valo-rizzazione e restauro delle opere, buona parte della collezione dAvalos non è andata dispersa ed è custodita, e in gran parte esposta, oggi al Museo di Capodimonte. I grandi capolavori hanno trovato spazio nel Museo prima nellallestimento Molajoli e poi in quello degli anni Novanta di Nicola Spinosa che dedicò alla collezione dAvalos unintera sezione del secondo piano (dalla sala 98 alla 101) esponendo, tra gli altri, Luca Giordano ( Lucrezia e Tarquinio , Venere dormiente con Cupido ), Andrea Vaccaro ( Rinaldo e Armida ), Jusepe de Ribera ( Apollo e Marsia ), Pacecco De Rosa ( Bagno di Diana ) e le nature morte di Giuseppe Recco ( Natura morta con pesci ) e Abraham Bruegel-Giuseppe Ruoppolo ( Natura morta con frutta e fiori ). Sotto la direzione di Spinosa, al fondo dAvalos furono dedicate la grande mostra I tesori dei dAvalos. Committenza e collezionismo di una grande famiglia napoletana a cura di Pierluigi Leone de Castris (Napoli, Castel SantElmo, 22 ottobre 1994-22 maggio 1995) che ricostruì anche il nucleo delle nature morte oggi esposte in sala 92 secondo piano, e nel 1996 unintera sezione allinterno della mostra Napoli! Museo nazionale di Capodimonte presso il Kunst und Ausstellungshalle di Bonn, con i delicati ricami identificati da Linda Martino e restaurati per loccasione.

I capolavori dAvalos continuano ancora oggi ad essere valorizzati sia in mostre temporanee in Italia e allestero, sia nelle collezioni permanenti di Capodimonte: 42 le opere stabilmente esposte tra cui il Parato con le Muse dei maestri ricamatori napoletani nellAuditorium del Museo e la Serie di sette arazzi con epidosi della battaglia di Pavia nella sala ad essi dedicata al secondo piano, prima con illuminazione a luce naturale nellallestimento Molajoli e poi a luce artificiale alla fine degli anni Novanta, con il riallestimento di Nicola Spinosa, dopo essere stati restaurati a Parigi dalla ditta Chevalier grazie al sostegno di Giovanni e Marella Agnelli.

Le opere non esposte non si trovano in sotterranei ma in depositi che garantiscono tutte le condizioni di climatizzazione e umidità necessarie alla loro conservazione e per molte di esse viene prevista una esposizione a rotazione nelle sale allorquando altre lasciano il museo in occasione di prestiti per mostre temporanee.

I delicati ricami vengono esposti per esigenze conservative solo per brevi lassi temporali. Le altre opere restano in deposito perché donate già in cattivo stato di conservazione, con tele lacere o parti mancanti come documentato già dal legato testamentario del 1862 che precisava: molti quadri sono di pochissimo conto per valore artistico e per lo stato di massimo deperimento, di nessun merito o di assoluto scarto, in tela deprezzatissima e senza telaio. Molte di queste furono restaurate ed esposte in occasione della mostra Fulgidi amori, ameni siti e perigliose cacce (Padula, Certosa di San Lorenzo, 10 agosto-15 ottobre 1993) a cura di Vega de Martini.

Di recente, alcune opere del fondo dAvalos in deposito sono state esposte nelle mostre Carta Bianca. Capodimonte Imaginaire (conclusasi l11 novembre 2018) a cura di chi scrive e di Andrea Viliani, in particolare, nella sala curata da Giuliana Bruno, docente di Visual Environmental Studies alla Harvard University e in Depositi di Capodimonte. Storie ancora da scrivere (conclusasi il 15 ottobre 2019), a cura di Maria Tamajo Contarini e Carmine Romano. In questultima mostra, dedicata al ruolo dei depositi nella vita culturale quali custodi del patrimonio inalienabile al di là dei cambiamenti di gusto storico-artistico, sono state esposte 22 tele tra cui il Ritratto di Isabella dAvalos e il Ritratto di Vittoria Colonna, entrambe di un ignoto del XVI secolo.

Alcuni dipinti sono oggi valorizzati in mostre temporanee in Italia e allestero. È il caso di Jusepe de Ribera, Apollo e Marsia ; Pacecco de Rosa, Venere dormiente scoperta da un satiro ; Luca Giordano, Cristo deposto ; SantAlessio morente ; Venere dormiente con Cupido e satiro ; Tarquinio e Lucrezia e Polifemo e Galatea tutti al momento esposti al Petit Palais di Parigi per la mostra Le triomphe de la peinture napolitaine (fino al 23 febbraio 2020) a cura di Stefano Causa e Patrizia Piscitello. Un altro Luca Giordano, Venere, Marte e Cupido , è in mostra negli Stati Uniti nella città di Seattle (fino al 26 gennaio 2020) e poi a Fort Worth (fino al 14 giugno 2020) per lesposizione Flesh and Blood. Italian masterpieces from the Capodimonte Museum. I dipinti di Pierre-Jacques Antoine Volaire, Eruzione del Vesuvio dal Ponte della Maddalena e Notturno napoletano con tarantella in riva la mare , invece, sono esposti al primo piano, sala 43 (sala del Vesuvio) nellambito della mostra Napoli Napoli. Di lava, porcellana e musica (fino al 20 settembre 2020) a cura di chi scrive. Il dipinto di Matthias Stomer, Adorazione dei pastori , è in mostra a Palazzo Abatellis a Palermo mentre Pacecco de Rosa, Il Bagno di Diana, è in mostra a Palazzo Chiericati a Vicenza.

Altre 35 opere del fondo dAvalos, invece, per finalità di decoro istituzionale sono andate in sottoconsegna, tra il 1926 e il 2012, presso vari enti (Senato, Camera dei Deputati, Museo Duca di Martina, Villa Rosebery e altri), e sono sottoposte a monitoraggio periodico.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news