LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze città di pietra: asfaltare la sua pelle è un crimine urbano
Francesco Gurrieri
Corriere Fiorentino 18/1/2020

Firenze è una città di pietra. Palazzi di pietra, pareti di pietra, strade di pietra. La pietra, diversamente cavata sulla riva destra e sinistra dellArno (serena e forte, rispettivamente ) è la vera protagonista dellarchitettura di questa città.

È di pietra dalla sua origine, per trionfare poi nella stagione medievale e rinascimentale. È con la città delle torri che trionfa limpiego della pietra forte. I Villani, il Malispini, il Bruni, furono tra i maggiori esegeti della città, rilevando la determinante presenza dei materiali lapìdei che la costituivano. Il Malispini, che scrisse una Storia fiorentina con non minor freschezza del Villani, descrive con minuzia le torri, tanto da disporre di un vero e proprio censimento:

...E cominciarno a fare il palagio che è dietro alla badia in su la piazza di Santo Apollinare, cioè quello che è di pietre conce colla torre: ché prima non avea palagio di comune in Firenze, ma stava la signoria quando in una parte della città e quando in unaltra. E quando il popolo ebbe presa la signoria e stato, si ordinarono per più fortezza del popolo, che tutte le torri di Firenze (che ce ne avea grande quantità alte braccia centoventi ) si tagliassono e tornassono alla misura di cinquanta braccia e non più. E così fu fatto: e delle pietre si murò poi la città Oltrarno.

Leonardo Bruni, nella sua Laudatio Florentinae Urbis , il più affascinante panegirico mai espresso su Firenze, descrive la bellezza della città, rilevabile dai numerosi aspetti che concorrono alla sua immagine. Certo, allora (siamo ai primi del Quattrocento), la piazza dei Signori era ancora ammattonata, come si evince dalle rappresentazioni del rogo del Savonarola; solo più tardi, in periodo granducale, sarà lastricata (si veda la veduta del Bellotto di Budapest) .

Era stato Filippo Brunelleschi a introdurre con sistematicità, fin dai primi del Quattrocento (allo Spedale degli Innocenti, alla Sacrestia Vecchia di San Lorenzo e, via via, nelle altre sue fabbriche) la pietra serena: che sarà quella delle Cave di Maiano. Mentre per le pavimentazioni si cominciò a impiegare larenaria macigno: un litotipo più duro e più resistente allabrasione che ben si prestava allusura dei carri.

È una stagione curiosa la nostra, che sta normalizzandosi sui livelli più modesti della cultura, e in ciò non è indenne il progressivo degrado dellimmagine della città: immagine che pertiene sia alla qualità dellarchitettura che conforma la città intramurale (dentro le mura dellultima cerchia di Arnolfo) e dunque alle facciate, sia alla natura delle pavimentazioni; le quali non possono essere disgiunte dal contesto. Insomma, la natura del manto in pietra e il suo disegno, la geometria dei conci che costituiscono un lastrico stradale sono parte monumentale della città. È una querelle che affrontammo e approfondimmo in occasione della polemica sulla pavimentazione di piazza Signoria e del processo che ne seguì. Ma fatta questa riflessione, ha invece importanza che vi sia sensibilità e attenzione sullo stato delle nostre strade, che è pelle (ancorché superficie di sacrificio) della città.

Sui lastrici, andiamo alle radici del problema. Radici che sono storiche, di impoverimento professionale, di difficoltà di reperimento dei materiali (la pietra serena, il macigno, la pietra forte), di sempre più sbrigativa pratica tecnico-economica (che si ritrova nei capitolati di appalto). Il primo importante evento che segnò linizio del degrado e il mutamento di atteggiamento fu lesaurirsi del personale comunale addetto alla manutenzione dei lastrici stradali: si abbandonarono le vecchie buone pratiche, appaltando allesterno il lavoro, sommando poi, con altri enti, errori a errori, con prescrizioni esecutive non poco discutibili. Da codesto episodio partì lesternalizzazione dei lavori sui lastrici, con capitolati doneri che sempre più si sono allontanati dai principi del restauro. Il secondo aspetto riguarda la preparazione professionale di un genere estinto: gli scalpellini, che non esistono quasi più, nonostante i generosi tentativi di corsi professionali a ciò finalizzati. I giovani non si iscrivono, evidentemente non interessati ad un lavoro duro (di mazzuolo e scalpello), da farsi prevalentemente allesterno e alle intemperie. Così, fatta qualche modesta eccezione, gli operatori del settore si sono attrezzati, realizzando vere e proprie macchine operatrici a ciclo completo, ove la pietra ancora sbozzata in cava viene trasformata in bozza finita, prefissandone elettronicamente dimensione, nastrino e finitura attraverso nastri di avanzamento ed eccentrici vari per simularne una (impossibile) lavorazione manuale. Le lastre escono tutte perfettamente confezionate e imballate in un involucro di plastica, pronte ad esser montate. Ormai, gran parte delle strade recentemente lastricate di Firenze, della Toscana e della Romagna, si assomigliano tutte: tutte generate da lavorazioni meccaniche ripetitive. Resta dunque la messa in opera, per la quale non si è più in grado di realizzare correttamente un giunto di connessione e tanto meno un quartabono (bisettrice di due campi di lastrico che si incontrano). Così leffetto ghisa o leffetto saponetta è assicurato. Una terza non meno importante ragione concerne la disponibilità della pietra per i lastrici.

Cè dunque una riflessione conclusiva in tutto questo? Certo che cè. Ma suppone un rinnovato impegno di civiltà del lavoro. Cè da condividere il concetto di manutenzione della città e del suo spazio urbano, che potrebbe essere materia degna di un autonomo assessorato. Se si vuole tornare ai lastrici, dimenticando buche e toppe dasfalto, si deve ricostruire una cultura e una preparazione professionale qualitativamente e quantitativamente adeguata. Altrimenti siamo condannati al progressivo degrado e alla bruttezza che non furono mai di questa città.

A questo punto dovrebbe essere sufficientemente chiaro come il lastrico stradale vada considerato parte del volto della città storica, assumendo la dignità di componente organica dellimmagine della città. Pensare di asfaltizzare il nostro centro storico sarebbe un crimine urbano, storicamente imperdonabile. Problema di costi e di risorse? Certo, nessuno vuole negarlo. Ma presa coscienza della organicità del problema, si tratta di passare dal concetto di asfaltatura (termine disgraziatamente assunto anche dal lessico politico) al concetto di restauro della pavimentazione storica, programmandone la spesa.






news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news