LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Ducale, furto su commissione. non parlano per la ricompensa
Alberto Zorzi
Corriere del Veneto 19/1/2020

Le motivazioni della sentenza. Non è stato un colpo al supermercato

VENEZIA. Lestrema gravità dei fatti contestati e la spiccata capacità a delinquere degli imputati impongono una sanzione congrua. Ma non solo, di mezzo cè andato un simbolo della cultura, della storia e della civiltà italiane, cioè Palazzo Ducale, con conseguente grande allarme sociale e disdoro per il nostro Paese e e la sua immagine. E ancora: Gli imputati non hanno mostrato, neppure dopo larresto e la lunga custodia carceraria, eseguita dopo la loro fuga allestero, segno alcuno di pentimento o ravvedimento, né tantomeno hanno fornito indicazioni sulla sorte dei gioielli trafugati. Ecco perché il giudice Enrico Ciampaglia ha usato la mano pesante nei confronti di Vinko Tomic e Dragan Mladenovic, il capo e il braccio destro della banda croato-serba che il 3 gennaio 2018 fu protagonista del clamoroso furto al Ducale dei gioielli della mostra I tesori del Moghul e dei Maharaja della Fondazione Al-Thani. Non siamo certo alla presenza di un furto occasionale in un supermercato, scrive il magistrato nelle motivazioni depositate nei giorni scorsi, dopo che il 27 settembre aveva comminato 6 anni a Mladenovic e 5 e mezzo a Tomic, quasi raddoppiando le pene già elevate chieste dal pm Giovanni Gasparini.

La banda aveva preso di mira la teca 154 della sala dello Scrutinio e la spilla e il paio di orecchini in essa contenuti: valore quasi 3 milioni di euro, assicurati addirittura per quasi 8. Tomic era il capo e aveva forzato la teca in prima persona. Mladenovic era il palo allinterno della sala per coprirlo, mentre laltro complice Goran Perovic, tuttora latitante, li ha ricevuti in una sala successiva e li ha portati fuori dal Ducale. Altri tre membri, con ruoli minori, hanno patteggiato.

Laccusa riguardava il furto riuscito e i due tentativi del 30 dicembre e del 2 gennaio. I difensori Simone Zancani e Alessandro De Angelis avevano negato che fossero episodi a sé stanti, ma propedeutici al blitz del 3 gennaio. Inoltre la sentenza sorprendentemente non ha preso posizione sul tema della mancanza di sicurezza della mostra, anche riguardo ai tentativi, dice lavvocato Zancani.

Nella pena ha influito anche la successiva mancanza di collaborazione. Il giudice parla chiaramente di furto con ogni probabilità su commissione e scrive che gli imputati non hanno voluto dare nomi di committenti o ricettatori: nellevidente intenzione prosegue di voler assicurare a sé e allintero gruppo criminale lingente profitto.

Diverse pagine delle 12 complessive della motivazione riguardano infine la costituzione di parte civile di uno dei sindacati dei Lloyds, lassicurazione che aveva risarcito la Fondazione con 7,9 milioni di euro. Le difese avevano contestato che potesse dirsi danneggiato, in quanto aveva semplicemente onorato un contratto. Per il giudice, invece, il furto realizza unipotesi prevista dal contratto, ma non certo per questo lecita. Sarà però il giudice civile a quantificare il danno. Quanto al danno allimmagine, il giudice scrive che paradossalmente, limmagine dei Lloyds ne è uscita rafforzata: A seguito del furto di beni di così grande valore ha dimostrato di riuscire a pagare tempestivamente un indennizzo milionario, indice di solidità e solvibilità.



news

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

05-04-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 5 aprile 2020

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

Archivio news