LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino, Valentino. Io lo tutelerei con i guardiaparco. Poi, meno movida e più natura
Simona Lorenzetti
Corriere della Sera - Torino 22/1/2020

Chiappero, presidente de La Mandria: Più gente, più sicurezza non vale sempre

Il problema dei parchi urbani è la sostanziale assenza di sorveglianza. E facendo riferimento alla mia esperienza nella gestione del parco della Mandria, e in quello di Stupinigi, posso solo dire che se le aree verdi sono sorvegliate funziona tutto meglio. Il Valentino è sicuramente un parco frequentato e apprezzato da molti cittadini, ma questo non basta.

Luigi Chiappero, avvocato penalista, ex sindaco di Ciriè e oggi presidente del consiglio di gestione Parchi reali (la riconferma è di quattro giorni fa), ha unidea ben precisa per il futuro del Valentino: meno vita notturna e maggiore attenzione allambiente. Se parco è, parco sia. E come tale venga vissuto: come luogo naturalistico e non come locale a cielo aperto in cui fare casino.

Il degrado del Valentino sarebbe legato alla chiusura dei locali, ma può una zona vivere di sola movida e di locali notturni?

Gestisco parchi che vivono di giorno e non di notte. Lidea di rendere un parco sempre accessibile e vivibile è sicuramente positiva, perché con il passaggio delle persone aumenta anche la possibilità di reciproco controllo. Ma non sempre vale il binomio: più gente cè, più sicuri siamo. Aumentare lafflusso di cittadini non basta come misura per rilanciare unarea verde.

E allora, qual è la strada maestra?

Forse sarebbe il caso di cominciare a parla di Asta del Po. Il Valentino ha una conformazione allungata e rappresenta una parte del polmone verde della città. Ma non cè soltanto il Valentino: si parte dalle Vallere e si arriva fino a San Mauro. Credo che lAsta del Po necessiti della presenza di persone che in qualche modo la gestiscano.

Come? E chi?

Comincerei dalla sicurezza. Non metterei vigili urbani, ma guardiaparco. Cioè esperti, adeguatamente formati, che oltre a sorvegliare i frequentatori sorveglino anche lambiente. Personale che sappia spiegare ai cittadini in che contesto si trovano. Che diano informazioni sul tipo di vegetazione, sulla fauna. Potrebbe essere un approccio diverso rispetto alla semplice idea di affidarsi alla luce, allilluminazione, alle telecamere o ai locali. Anche questi sono strumenti utili, ma non sono gli unici a disposizione.

Quindi puntare sul green, su una fruibilità del parco più ecosostenibile?

Meno attività ci sono e più ti godi il silenzio e la tranquillità. Nel caso del Valentino bisogna trovare il giusto equilibrio tra le esigenze dei privati e della pubblica amministrazione, che vogliono creare attività, e il contesto naturalistico in cui ci si muove. Proverei a guardare oltre i locali, nella prospettiva di una grande corona verde arricchita dalle piste ciclabili che già oggi partono dalle Vallere e arrivano a San Mauro. Ci sono molte attività naturalistiche che si possono svolgere lungo il Po.

Quindi, ripartire dalla natura?

Sì. Serve qualcuno che gestisca e sorvegli dal punto di vista ambientale. Chi non si occupa di verde, però, non ha questa sensibilità naturalistica. Per questo penso ai guardiaparco.

Quindi basta con la movida?

La natura ha il suo corso e non prevede la vita notturna, che per un parco rappresenta una forzatura. Siamo noi che vogliamo andare in giro e tirare tardi, al calar del sole animali e piante vanno a dormire. Torino vanta unasta fluviale meravigliosa, ma resta una meraviglia nella misura in cui cè educazione ambientale. E un parco deve essere vissuto per quello che è.

Lei è un runner, un appassionato di corsa. Va a correre al Valentino?

Io ho la fortuna di potermi allenare alla Mandria. Ma molti di coloro che frequentano il nostro parco spesso vanno anche al Valentino. Da me si corre e si cammina in salute, cè unaria buonissima. Ma anche lungo il Po cè la possibilità di immergersi nel verde. E questo va tutelato, non tanto per far casino di notte ma per viverlo di giorno.

Le amministrazioni ragionano anche in termini di bilanci: potrebbero gestirlo i privati?

Non si guadagna nulla dalla gestione di un parco. Ma nel pubblico i soldi non mancano per le spese green. Semmai il problema sono le risorse umane. I guardiaparco in Piemonte stanno scomparendo. Averne qualcuno in più sarebbe una grande risorsa.



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news