LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Unire Paestum e Velia, saggia decisione
Luisa Cavaliere
Corriere del Mezzogiorno - Campania 22/1/2020


Il ministro Franceschini ha, qualche giorno fa, unito il parco Archeologico di Paestum e il parco Archeologico Elea-Velia. Finalmente! Avrebbe gioito Antonio Valiante che non perdeva occasione per sottolineare limportanza della città di Parmenide e lurgenza di un suo rilancio utile a tutta larea circostante e al Cilento nel suo insieme.

È una scelta che va nella direzione giusta e che contrasta la frammentazione che caratterizza liniziativa pubblica in tutto il Cilento. Più ci avviciniamo alle scadenze elettorali, che sono lunico orizzonte strategico, più le testate locali danno notizia di una grandinata di fondi sparsi: per le strade vicinali, per gli impianti sportivi, per lilluminazione, per le panchine Ben venga la decisione di Franceschini che propone un orizzonte unitario per i due siti più belli del Mediterraneo greco. Velia ha una bellezza difficile, priva delle suggestioni che regala Paestum e che ne moltiplicano limpatto emotivo, ma la struttura della città, la sua divisione in quartieri che anticipa moderne scelte urbanistiche, limponenza della cosiddetta Porta Rosa e soprattutto lessere la patria del pensiero di Parmenide e della sua scuola, ne fanno una insorgenza che merita una comunicazione adeguata e un programma di iniziative capace di accompagnarne anche il racconto archeologico e le campagne di scavi delle quali continua ad aver bisogno.

La direzione unitaria dei due siti è affidata a Gabriel Zuchtriegel, direttore di Paestum. Un giovane e brillante archeologo tedesco che racconta di un amore lontano che risale alladolescenza e a un viaggio giovanile col padre a Paestum. Niente più ostacola la definizione teorica e pratica di una iniziativa strategica capace di portare a sintesi feconda le differenze e a trasformare Paestum e Velia in due mete obbligate e attraenti per un turismo colto e appassionato di bellezza, portatore di domande capaci di alimentare un indotto virtuoso. Un turismo di cui ha bisogno il Cilento che arranca privo di una visione strategica che ne componga le differenze, che armonizzi la costa con linterno, che trasformi il fascino silenzioso della collina in una fonte di uno stile di vita fatto di natura incontaminata, di abitudini antiche e moderne sensibilità. Non fondi che producono brevi consensi ma risorse mirate a progetti territoriali che perdano quelle sfumature localistiche che ispirano unazione politica prigioniera di un orizzonte ostruito. Necessario, dunque, attivare sinergie con iniziative nazionali e internazionali e promuovere un grande lavoro capace di stimolare, soprattutto nei ragazzi e nelle ragazze, un senso di appartenenza e lorgoglio fecondo per un passato che parla tantissimo anche al loro presente. Contro una globalizzazione straniante che, se da una parte accentua il bisogno di tornare ad antiche (spesso solo vagheggiate) identità, dallaltra cinicamente conferisce non la cittadinanza del mondo ma lo status del consumatore.

Un presente senza radici e pieno di dimenticanze è certamente un presente fragile che espone a tutte le correnti nefaste del nostro tempo. Decisivo è il ruolo che possono avere le scuole, le sinergie con le Università non solo italiane, gli scambi con esperienze significative. Il decreto Franceschini impone una svolta radicale nelle pratiche, sfida e contrasta lazione che si ferma sui confini dei municipi, offre una possibilità a tutti e a tutte noi che abitiamo questa bella terra dove la bruttezza avanza spesso incontrastata. Velia e Paestum insieme possono portare ricchezza, cultura, benessere. Zuchtriegel che ha gioito con algida moderazione alla decisione del Ministro, farà certamente la sua parte come ha già fatto per Paestum ma, come è avvenuto e avviene per Paestum, se a sostenerlo non scatta un senso collettivo e la consapevolezza diffusa che ci troviamo difronte ad una grande occasione per promuovere un radicale cambiamento, rimarremo nellorizzonte della normale buona gestione. Che va bene ma solo come premessa.



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news