LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Verona. Lantica Capitolare si apre al mondo
Angiola Petronio
Corriere del Veneto 22/1/2020

Verona, nasce una Fondazione. Il progetto con il Museo Egizio

Il passato, sedici secoli fa, con quella data e quella firma con cui lamanuense chierico Ursicino certificò, il primo agosto del 517, che quel libro che stava scrivendo era per la cattedrale di Verona. Il futuro, grazie a un progetto realizzato con il direttore del Museo Egizio Christian Greco che la farà diventare un luogo identitario per Verona e di scoperta per chi viene dal resto del mondo e grazie alla collaborazione con luniversità scaligera nel percorso già iniziato di digitalizzazione, ma soprattutto di lettura dei manoscritti, con indagini che permettono di far riemergere pagine che sembravano cancellate o far rifiorire tratti di matita sotto le miniature, senza neanche il bisogno di aprire i codici che la porteranno ad essere tra le tre biblioteche - con quella vaticana e quella di Oxford - più consultabili tecnologicamente al mondo. Il presente. Una biblioteca che si apre al mondo diventando fruibile grazie a una fondazione e facendo diventare le radici culturali europee che contiene semi per fecondare la civitas, la cittadinanza che non conosce confini, portando Verona ad essere ganglio del sapere. Tutto è cominciato da qui. Tutto può ricominciare da qui, ha detto il vicedirettore del Corriere del Veneto e del Corriere di Verona Massimo Mamoli presentando quella che da ora in poi non sarà più solo la Biblioteca Capitolare di Verona, ma la Fondazione Biblioteca Capitolare. Quella che vuole portare il patrimonio della biblioteca più antica del mondo, certificata dalla data e dalla firma poste da Ursicino, a non essere più avviluppato su se stesso, ma a diventare patrimonio consultabile e fruibile. La nuova fondazione è stata battezzata alla presenza del vescovo Giuseppe Zenti e del sindaco Federico Sboarina. Oggi - ha detto monsignor Fasani, presidente della Fondazione - stiamo progettando qualcosa insieme. Quando sono diventato direttore di questa biblioteca sognavo di portarla a essere un polo culturale importante e che una parte diventasse uno spazio museale. Alla realizzazione dei sogni si arriva gradino per gradino. E oggi è il primo di quei gradini. Si pone tre obiettivi fondamentali, la neonata Fondazione Biblioteca Capitolare. Preservare e valorizzare quello scrigno inestimabile che contiene tesori come LIndovinello Veronese, ritenuto latto di nascita della lingua italiana, la prima edizione del De Civitate Dei di SantAgostino, lEvangelario Purpureo scritto su pergamena imbevuta nella porpora con caratteri doro e dargento, lIconografia Rateriana, prima immagine integrale conosciuta di una città medievale. Lattività di ricerca in sinergia con luniversità di Verona ma anche con altri centri di studio nazionali e internazionali. E lattività museale che abbraccerà le visite, le mostre, il laboratorio didattico, eventi e conferenze. Una biblioteca che si trasforma in una cassaforte impenetrabile non serve a nessuno. Qui dentro è custodito un tesoro che deve fare da volano alla cultura, ha detto monsignor Fasani. Un invito colto dalla famiglia Bauli che con la spa è socio fondatore della Fondazione. Entrando qui nasce unintossicante passione. Si rimane presi dalla bellezza che cè, ha commentato Michele Bauli, la cui famiglia da mezzo secolo anni usa sulle scatole del pandoro proprio lIconografia Rateriana. Abbiamo pensato a come far rinascere questa biblioteca e ci siamo detti che piuttosto che cercare finanziatori sarebbe stato meglio cercare un manager, fare un progetto e poi andare avanti. Il nostro ruolo, in questo entrare in campo, è stato quindi fare da rompighiaccio. Un modo concreto per dire noi ci siamo, ora nel cammino servirà laiuto di tutti. E qui entra in gioco il ruolo del Museo Egizio. Con Michele Bauli - ha aggiungo Massimo Mamoli - abbiamo incontrato il direttore, Christian Greco. qui a Verona al Premio Masi. E si è dimostrato subito interessato a questa grande idea. Da anni - ha spiegato Christian Greco, in collegamento da Abu Dhabi - anche noi siamo impegnati nella connessione con il tessuto cittadino. QuellUrbs e Civitas che il Museo Egizio sta portando avanti dal 2004, quando è diventato Fondazione. Il nostro sarà un accompagnamento che renderà la biblioteca sempre più viva. E per prendersene cura è necessaria più conoscenza, più ricerca, più collaborazione. Deve diventare un ente propulsore di progettualità.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news