LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

E il premier annuncia: a Firenze il Museo della Lingua italiana
Mauro Bonciani - Giulio Gori
Corriere Fiorentino 22/1/2020

È la sede migliore, Franceschini e il sindaco ne hanno parlato. Obiettivo inaugurarlo già nel 2021

Sabato la telefonata tra il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini e il sindaco Dario Nardella, ieri lannuncio a sorpresa del presidente del Consiglio Giuseppe Conte: Firenze sarà la sede del Museo della Lingua italiana. Un annuncio che ha strappato lapplauso a tutto il Salone de Cinquecento. Ora lobiettivo è il taglio del nastro nel 2021, anno in cui, il 25 marzo, si celebrerà ufficialmente il primo Dantedì, la giornata dedicata a Dante appena istituita.

Firenze è la sede migliore per un museo che celebri e insegni la storia dellitaliano che, come ogni lingua, è lo specchio della società che la parla e, al contempo, tesoro depositato dalle generazioni che, prima di noi, lhanno parlata: essa è veramente uneredità ha detto il presidente del Consiglio nel suo intervento alla cerimonia dapertura dellanno accademico dellAteneo fiorentino So che il ministro Franceschini ne ha parlato col sindaco Nardella, siamo convinti di questa scelta. Facciamo nostra listanza di un gruppo di studiosi che domandano da qualche tempo la creazione di un Museo della Lingua italiana: grande, ricco e tecnologico. Penso che la sede migliore sia proprio Firenze. Conte ha espresso poi lauspicio che la proposta trovi accoglienza presso tutte le istituzioni che possono sostenerla e che il settecentesimo genetliaco di questa Università, nata nel 1321, si saldi con la celebrazione della nostra lingua come bene comune. Sarà bello rivedersi qui per linaugurazione del museo sul tesoro della lingua italiana. La lingua è davvero un bene comune.

Finita la cerimonia il sindaco Nardella ha dato qualche dettaglio in più, tracciando anche lidentikit del luogo che ospiterà listituzione culturale: un edifico storico di pregio oggi non utilizzato, allinterno del centro storico. Sabato ho parlato con il ministro Dario Franceschini, a proposito dellistituzione del DanteDì e lui mi ha detto della decisione di fare a Firenze il museo: non ci poteva essere sede più appropriata ha sottolineato Nardella per unistituzione che vuole parlare alle scuole, ai turisti internazionali, usare le tecnologie, essere interattivo. Siamo entusiasti ed entro un paio di settimane vi diremo dove pensiamo possa essere realizzato, ci sono due o tre ipotesi al vaglio. Sarà un edificio storico non utilizzato, ristrutturabile in tempi brevi, con un allestimento di livello. Sarà pronto per il 25 marzo 2021? Sarebbe un sogno, ci proveremo. Mettendo in rete lAccademia della Crusca, la Società Dantesca, lUniversità, il grande potenziale di Firenze sulla lingua: non sarà una cattedrale nel deserto.

Per la sede si parla di Forte Belvedere, della ex Corte di Appello in piazza San Marco, della ex scuola sottufficiali dei Carabinieri in piazza Stazione ma anche della Fortezza e dellex Capitol in piazza del Grano. Palazzo Vecchio ieri non si sbilanciato, sottolineando solo la soddisfazione per aver vinto su Roma che alcuni avrebbero preferito come sede del museo.

Il modello è quello del Museo del Portoghese, nato in Brasile a San Paolo nel 2006 nella Estação da Luz (Stazione della Luce), una stazione ferroviaria del diciannovesimo secolo, uniniziativa di grfande successo che però si è fermata nel 2015 quando un grande incendio ha distrutto il museo.

Nelle intenzioni non dovrà essere un museo per linguisti, anzi. Al contrario. In un museo del genere non deve esserci solo lesposizione di documenti ma anche contenuti multimediali, avvincenti, rivolti al grande pubblico spiega Claudio Marazzini, presidente dellAccademia della Crusca La storia della lingua è la storia della nostra letteratura, da Dante, a Boccaccio, a Machiavelli, fino a Manzoni, ma anche la storia dei dialetti e delle lingue delle minoranze. Penso anche a contenuti audio, ai libretti dopera, che interessano gli stranieri. Penso alla nostra cucina e al ricettario dellArtusi, alla tecnologia, con i nostri nomi famosi nel mondo: perché non esporre la Vespa o lApe Piaggio. Noi della Crusca conclude Marazzini potremmo esporre lì la lettera con cui Voltaire ci ringraziava per averlo nominato accademico.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news