LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. I faldoni diventano arte e memoria: in mostra i documenti della persecuzione
Pierluigi Panza
Corriere della Sera 23/1/2020

Verbali, lettere, atti: alle Gallerie dItalia i fascicoli sui beni confiscati agli ebrei

Le leggi razziali del novembre 1938 ebbero un forte impatto sui beni patrimoniali ebraici, poiché la normativa impose di non possedere immobili, terreni o beni di valore superiore a un limite prefissato. Leccedenza venne incamerata dallo Stato attraverso un ente di nuova formazione, lEgeli (Ente gestione e liquidazione immobiliare), che affidò la gestione delle pratiche agli istituti di credito fondiario: in Lombardia il Credito Fondiario della Cariplo. Dal 30 novembre del 1943 scattò inoltre la confisca di tutti i beni degli ebrei che venivano deportati. Analogamente si operò per circa 500 beni nemici, ovvero quelli dei cittadini di Paesi in guerra contro lItalia.

I documenti del Fondo Egeli, che testimoniano la sottrazione di questi beni in Lombardia, sono custoditi nei sotterranei delle Gallerie dItalia di Intesa Sanpaolo in piazza della Scala, dove da oggi ne sono esposti una gran parte nella mostra Storie Restituite. I documenti della persecuzione antisemita nellArchivio Storico Intesa Sanpaolo (Gallerie dItalia, sino al 23 febbraio).

Larchivio Egeli è costituito da 300 faldoni per 70 metri lineari dei circa 4 chilometri che occupano i documenti dellArchivio Cariplo, spiega Barbara Costa, responsabile dellArchivio storico di Intesa Sanpaolo. Parte dal 1939, con linizio della liquidazione dei beni ebraici e va fino al 57, data in cui sono già stati quasi tutti restituiti. La mostra, curata dalla Costa e da Carla Cioglia, giunge a conclusione di un progetto biennale che ha realizzato il riordino e linventariazione del fondo. È stato fatto un regesto di ognuno dei 2.000 fascicoli confrontandosi con il Cedec (Centro di documentazione ebraica) per aggiungere immagini delle persone citate nei documenti.

Linventario delle carte e tutta la documentazione del fondo sono messi ora a disposizione di familiari e discendenti delle persone colpite dai provvedimenti, di studiosi, delle scuole, dei cittadini interessati ad approfondire questa vicenda. Larchivio digitale, con regesto dei documenti e immagini, è disponibile in mostra su touch-screen. Il solo inventario è anche disponibile on line (https://asisp.intesasanpaolo.com). Per gli studiosi interessati agli originali la consultazione è normalmente disponibile nella sala studio di via Morone 3.

I beni sottoposti al sequestro sono dettagliatamente descritti nei verbali di presa in consegna stilati dai funzionari della Cariplo. Fra la documentazione figura anche la corrispondenza con i proprietari dei beni o i loro eredi, allatto della restituzione; fra queste carte spesso ci si imbatte nella storia dei perseguitati. La mostra ricostruisce, in particolare, sei storie esemplari scelte tra gli oltre 1.500 fascicoli nominativi. Sono quelle di Rinaldo Jona (dipendente Comit e tessera fascista), Aurelia Josz (docente di pratiche agricole), Gino Emanuele Neppi (medico a Baggio), Alfredo e Piero Sonnino (titolari di un cotonificio di Besozzo) e Schulim Vogelmann, già tipografo presso leditore Olschki e inserito nella celebre Schindler List.

Cè poi quello del pensatore Eugenio Colorni: nato a Milano il 22 aprile 1909, si laureò nella metropoli lombarda con una tesi su Leibniz e insegnò allIstituto Carducci. Antifascista, in contatto con i fuoriusciti, fu condannato al confino nellisola di Ventotene. Qui con Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi preparò il famoso Manifesto di Ventotene per unEuropa libera e unita. Liberato dal confino, il 27-28 agosto 1943 partecipò a Milano alla fondazione del Movimento federalista europeo. Impegnato nella Resistenza a Roma, Colorni morì il 30 maggio 1944 per le ferite inflittegli dai fascisti della banda Koch, pochi giorni prima della Liberazione della capitale.

Spulciando tra i beni sottoposti a sequestro, emergono anche quelli di Giuseppe Segre, nonno della senatrice a vita Liliana. Il sequestro dei suoi beni inizia nel 1943. Si tratta di sei appartamenti e tre negozi in corso Buenos Aires, arredi ed effetti personali nellappartamento di corso Magenta 55 e somma di denaro in contanti. Tra i beni confiscati anche quadri di Carnielli, Lentini, Muzzi, Rossi Vezzani, arazzi, statue e statuette. Al nonno della senatrice viene sequestrata anche la ditta di tessuti Segre & Schieppati, che aveva sede in via Illica. Nel 44 la ditta risultava inattiva e le attrezzature furono vendute dallEsattoria Civica in due aste nella primavera del 44. La somma ricavata non fu, tuttavia, spesa, ma versata su un libretto postale depositato presso la Pretura di Milano, che venne riconsegnato allerede Amedeo Segre.

Per Michele Coppola, direttore di Progetto Cultura, questa iniziativa testimonia limportanza della custodia dei documenti per la trasmissione della memoria e arricchisce lo sforzo di Intesa Sanpaolo nel sostegno dellattività culturale; il direttore del Cedec, Gadi Luzzatto Voghera, sottolinea limportanza della collaborazione tra archivi per ricostruire storie personali, mentre Elisabetta Pallata, direttore della Fondazione 1563 (che si occupa della valorizzazione dellArchivio Storico della Compagnia di San Paolo) ricorda che anche a Torino i fondi Egeli sono stati schedati.

In occasione della mostra è stata anche realizzata una pubblicazione intitolata La Banca Commerciale Italiana di fronte alle persecuzioni antisemite (1935-1945), dove viene evidenziato limpegno della banca guidata da Raffaele Mattioli per il salvataggio di molti dei suoi impiegati ebrei (di imminente pubblicazione online).



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news