LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Matera. Tra i Sassi spunta Tam:il Tower Art Museum con un team di trentenni
Marilena Di Tursi
Corriere del Mezzogiorno - Puglia 23/1/2020

In primavera l’apertura: ospiti la crew Canemorto, lo Studio Antani e dagli Usa il writer Momo

Matera. B&b o centro di arte contemporanea? Difficile scegliere in tempi in cui la prima opzione assicura entrate certe, soprattutto in un contesto, il Sasso Caveoso, di sicura attrattiva turistica. E, invece, sfidando un futuro nebuloso ma sostenuto da un equilibrato mix di utopia e intraprendenza imprenditoriale, Mauro Acito, Dario Colacicco, Rita Padula, Silvia Parentini, Debora Russo e Chiara Valzer, Alessandro Simili, un gruppo di under trenta, ha optato per la seconda alternativa.

Nasce così il nuovo Tam, acronimo di Tower Art Museum, nome che traduce letteralmente forma e funzione dell’avita costruzione di prossima apertura nel cuore dei Sassi. Torre Capone, infatti, palinsesto architettonico di difficile lettura, è inscritto nella cerchia muraria, sorge intorno all’anno Mille e subisce alterne fortune fino a un definitivo abbandono e degrado conclusosi il 2017, quando inizia un disboscamento dell’area e un restauro orientato alla sua trasformazione in museo.

Aprirà in primavera, in data ancora da definire, ospitando la crew Canemorto, operante tra l’Italia e il Belgio, l’artista statunitense Momo e Studio Antani, che si occupa di produzione multimediale con base a Matera ma con progetti sviluppati in tutta Europa. Il Tam, peraltro, non casuale ribaltamento di Mat, cioè Matera, segna dunque l’inizio di un nuovo corso per la città con una struttura finanziata e promossa da un soggetto privato senza aiuti pubblici e, pertanto, in controtendenza rispetto a quanto avvenuto in passato.

Al programma espositivo, in un contenitore completamente restaurato, si arriva però dopo un lungo processo che vale la pena di essere raccontato, come del resto hanno già fatto i protagonisti, traducendo i vari step dell’iniziativa in una documentazione digitale, una piattaforma web (www.volevosoloaprireunmuseo) con i passaggi principali di un’avventura tra le secche di una burocrazia inestricabile.

Anche con l’ausilio dei social network, YouTube, Instagram e con i canali di @volevosoloaprireunmuseo, si condivide un processo complesso, per niente scontato per mettere in luce oggettivi intoppi ma soprattutto per presentare contenuti economicamente sostenibili e di lunga gittata per un museo di arte contemporanea privato. Non da ultimo, poi, l’operazione si configura come un virtuoso esempio di impresa culturale con il valore aggiunto di stare a Sud e di essere sostenuta da giovani. Sulla spinta, non ancora del tutto sopita dell’effervescente anno da Capitale Europea della Cultura, Matera promette di capitalizzare l’onda lunga di un’attenzione internazionale e di un ritrovato ottimismo tra le forze locali.

Del programma a oggi sono noti soli i primi nomi ma è già palese la politica culturale del neonato museo che intende produrre mostre relazionate solo al contesto della Torre, quindi assolutamente site specific e, possibilmente, riferite a materiali e a tecniche tipiche del territorio. Su questa traccia si muoverà Momo, artista con una lunga frequentazione in spazi pubblici, nato a San Francisco nel 1974, e con al suo attivo interventi urbani di grande impatto come il murale tra i ponti di Brooklyn e Manhattan, a Dumbo, o quello per la loggia della John Hancock Tower di Boston. Per suo conto, la crew Canemorto, dal nome dell’edificio abbandonato nella serie televisiva «Twin Peack», è formata da tre artisti attivi dal 2007 con una cifra stilistica ispirata a un primitivismo da Art Brut con innesti provenienti dai cartoni animati e dalle sottoculture giovanili. Con sferzate cromatiche e con grottesche figurazioni, sempre devoto a una fede da outsider, come prescrivono i dettami più autentici della street art, Canemorto si è concentrato con brutali deformazioni in un racconto antiestetico del nostro tempo.

Chiude questo primo appuntamento, lo Studio Antani già distintosi per «La Corsa dei poveri Cristi», manifestazione podistica ironicamente rivolta a sublimare, socializzare e superare ogni condizione di emarginazione e disagio. Tutti pronti a portare nuove croci.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news