LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Lupi vandalizzati, da Paladino a Horn attacco allarte
Natascia Festa
Corriere del Mezzogiorno - Campania 26/1/2020

Laltra notte, di fronte a Palazzo San Giacomo, linstallazione Wolves coming del cinese Liu Rouwang è stata vandalizzata. E anche con molta forza, visto che gli animali circa trecento chili ciascuno sono stati spostati.

Homo homini lupus secondo Hobbes (luomo è lupo per luomo), ma anche homo lupo lupus (luomo è lupo per il lupo). Soprattutto quando si tratta di lupi-sculture di ferro in una piazza di Napoli. È successo laltra notte, di fronte a Palazzo San Giacomo, dove linstallazione natalizia Wolves coming del cinese Liu Rouwang è stata vandalizzata. E anche con molta forza, visto che gli animali un centinaio di esemplari di circa trecento chili ciascuno sono stati spostati, dalla posizione centripeta verso il cacciatore, in una fila indiana. E ad alcuni esemplari è stato macchiato il muso con venice rosso sangue.

Quello dei napoletani con larte pubblica e non solo con larte è un rapporto contrastato: ciò che non appartiene esclusivamente può deperire. E questo quando si tratta di arredi, panchine, muri, lampioni etc. Figuriamoci per le opere darte incistate nel tessuto urbano. Esempio: la stampa internazionale definisce la Metropolitana dellarte tra le più belle del mondo, i vandali local attentano più volte alla sua integrità. È toccato nel 2015 a lla fermata di Salvator Rosa dove opere di Renato Barisani, Augusto Perez, Lucio Del Pezzo, Nino Longobardi, Riccardo Dalisi, Alex Mocika, Ugo Marano inserite dal progettista Alessandro Mendini, furono oggetto di vandalismi (oltre che di un certo perenne abbandono). E la stessa sorte si abbattè sulla stazione di Toledo firmata da Tusquets Blanca e designata dal The Daily Telegraph addirittura la più bella del mondo (furono spaccati i vetri degli oblò in superficie).

Da un certo punto di vista si potrebbe dire che questa incomprensione, per usare un eufemismo, risale allalba delle installazioni in piazza, al cosiddetto rinascimento bassoliniano che vide sorgere in piazza del Plebiscito la Montagna di Sale di Mimmo Paladino. A quella improvvisa novità, i napoletani reagirono in mille modi, staccando il sale e portandoselo a casa o arrampicandosi e saltandoci sopra come fosse un parkour. Senonché quellinterazione, talvolta stupefatta e piena di poesia, faceva parte del gioco e, in parte, dellintenzione dellartista. Dopo i cavalli di Paladino toccò alle capuzzelle di Rebecca Horn, lisciate con affetto ma anche asportate come benefico totem casalingo. Non se la passò meglio la Spirale di Richard Serra che, per atavica mancanza di servi pubblici, divenne al suo interno una vera toilette. E così via, fino agli orgogliosi lupi ispirati allhirpus di Cervinara.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news