LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze, Accademia delle Arti del Disegno. Il mecenate allavanguardia
Francesco Gurrieri
Corriere Fiorentino 28/1/2020

AllAccademia delle Arti del Disegno esposte le opere donate dal collezionista pratese Carlo Palli

Un gesto daltri tempi che riossigena di contemporaneità il patrimonio storico dellistituzione fiorentina


Chi volesse verificare lattuale destabilizzazione dellestetica non ha che da visitare la mostra attualmente allestita a San Marco, nella Sala delle Esposizioni dellAccademia delle Arti del Disegno. LAccademia, voluta da Cosimo I su proposta del Vasari (1563), che ha avuto come primo luogotenente Vincenzo Borghini, è stata tante volte crogiuolo di dibattiti accesissimi e di polemiche laceranti (si pensi alla stagione di Giovanni Colacicchi e Antonio Berti), e ha trovato da tempo dalla presidenza Siviero un suo più pacato e fattivo modulo culturale, soprattutto nella gestione di Francesco Adorno e Luigi Zangheri, ed ora con la competenza di Cristina Acidini.

Ed è proprio in questo ultimo clima culturale che arriva, dirompente, un apporto intenso e inaspettato di contemporaneità e di avanguardia, che non solo non confligge con lo storico establishment accademico, ma lo vivifica, riportandolo alla sua condizione originaria: alla contemporaneità di Michelangelo, del Montorsoli e dello stesso Vasari.

La donazione fatta da Carlo Palli allAccademia delle Arti del Disegno ne riossigena di contemporaneità il patrimonio storico, con un gesto di mecenatismo daltri tempi. Il donatore è un collezionista sui generis, e appartiene ad una cerchia rara, che ha saputo vivere il mondo dellarte (e la mercatura dellarte) con passione e con distacco allo stesso tempo. Le opere donate e attualmente in mostra a San Marco, sono riconducibili alla Poesia Visiva (Miccini, Ori, Pignotti), ai Musicisti davanguardia (Bussotti, Chiari, Cardini, Lombardi), allArchitettura Radicale (Binazzi, Pettena, Poli), alla Scuola di Pistoia (Barni, Buscioni, Ruffi), alla Pittura Analitica e al Cinema dArtista (Fusi, Granchi, Guarneri, Masi, Ranaldi), ai Multimediali, Neo-Dada, Performativi (Ambrogetti, Baroni, Bove, Cantini, Cavallarin, Chiarantini, Ciccia, Della Bella, Kiki Franceschi, Frangioni e altri). Unantologia di opere e di nomi raccolti in catalogo, ove sono i saluti di Cristina Acidini, Giorgio Bonsanti, Andrea Granchi, Irene Sanesi, Enrico Sartoni e Laura Monaldi (curatrice della mostra e dellArchivio Carlo Palli).

Queste opere in ostensione sono, in molti casi, pugni nello stomaco al gusto comune, per il semplice fatto che non si pongono con lintento di essere opere darte in se stesse, ma di provocare sensazioni e interrogativi allo spettatore. Insomma, non godimento estetico, ma provocazione, e nella migliore delle ipotesi, suggerimento concettuale che, appunto, nulla ha a che fare con lestetica tradizionale. Infatti, quando si arriva ai nostri giorni e si fanno prospezioni per il futuro, tutte le scienze cognitive si interrogano e spesso si smarriscono. Così, anche lestetica non è fuori da questo crogiuolo speculativo, come ci ha ricordato già da tempo Sergio Givone, riflettendo proprio sul tramonto dellestetica.

Un tramonto che viene da lontano, anche dal pensiero filosofico di Derrida, dal suo concetto di decostruzione di alcuni decenni or sono, che originariamente non era desiderio iconoclasta, quanto piuttosto volontà di disarticolare le certezze per renderle più consapevoli dei propri condizionamenti. Del resto, anche altri (Vattimo, Bodei) avevano avvertito lineluttabile scivolamento grazie ai media e al successo del kitsch da una società estetica ad una sinestetica, così che, perduti i cànoni tradizionali (quelli crociani, per intenderci), ora navighiamo nellapprossimazione e, sempre più spesso, persino nella mistificazione. Si avverte una spinta verso il nulla: il nulla del nostro tempo, che è posizione critica di sospetto, di rifiuto verso tutto ciò che è storia o eredità recente. Un vero e proprio respingimento culturale, a cui non è estranea lidea della minimizzazione del rischio che sta conquistando molti campi del fare umano. Così, si torna alla personalità di questo singolare collezionista di opere ma anche di documenti, di schizzi, di quaderni di appunti e di tutto ciò che afferisce alla creazione dellopera così da comprenderne lintero iter creativo. Come dice Carlo Palli di se stesso, la mia vita si è svolta tutta nel mondo dellarte. Sono stato mercante, ho avuto gallerie stagionali al mare e in montagna, la Galleria Metastasio a Prato, ho diretto larte contemporanea nelle più prestigiose case dasta italiane; ho iniziato collezionando opere di Poesia Visiva, Fluxus e Nouveau Réalisme: una inesauribile attenzione che oggi deposita i suoi frutti, permanentemente, a Firenze, non certo sempre attenta alle avanguardie artistiche e capace di selezionarne e conservarne le testimonianze.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news