LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Palazzo d’Avalos, ieri il trasloco degli arredi
Natascia Festa
Corriere del Mezzogiorno - Campania 28/1/2020

Il principe Andrea ha prelevato mobilio non sottoposto a vincolo. Anche gli scaffali dell’archivio

Napoli. Come la pelle dal corpo ieri dalle pareti di Palazzo d’Avalos sono stati staccati arredi che erano lì da secoli. La società Vasto srl, attualmente proprietaria dell’edificio storico di via dei Mille dopo una lunga controversia legale, aveva dato un mese di tempo al principe Andrea d’Avalos, sfrattato il 9 gennaio scorso, per recuperare quello che rimaneva nell’appartamento storico.

Si tratta di beni personali dell’erede perché quelli vincolati sono stati già trasferiti la settimana scorsa nei depositi della Soprintendenza archeologica a Palazzo Reale. Così come il fondo gentilizio, vincolato anch’esso, è in custodia all’Archivio di Stato di Napoli. Così ieri grandi camion da trasloco hanno oltrepassato il prezioso cancello della dimora e, Corrado Ferlaino presente, hanno raccolto una prima parte degli effetti personali e familiari dei d’Avalos. Si tratta di un mobilio che, pur non essendo sottoposto a vincolo, ha una sua rilevanza perché faceva bella mostra di sé negli appartamenti che nei secoli hanno visto succedersi avvenimenti importanti della storia di Napoli e d’Europa. Basti pensare che la prima volta che il palazzo venne sequestrato fu durante il decennio francese. Per la sua importanza, infatti, era stato scelto come dimora di Giuseppe Bonaparte, ma si rivelò troppo piccolo per le sue esigenze. Fu, dunque, affidato al suo ministro Antoine Saliceti, l’uomo che in Francia aveva letto la sentenza di morte a Maria Antonietta. Nei tempi più recenti, invece, basti per tutti il banchetto dato per Margaret, la sorella della regina Elisabetta. Oggetti che hanno visto sfilare artisti e teste coronate, politici e diplomatici di tutto il mondo.

Per l’ultima volta, dunque, le «cose d’Avalos» sono uscite da «palazzo» facendo svanire le suggestioni del passato. Non tutto è entrato nei camion, però, saranno necessarie altre «sessioni» di trasloco.

Intanto è al vaglio del soprintende archeologico Luigi La Rocca il progetto presentato dalla Vasto per la ristrutturazione degli appartamenti storici, risultato ottenuto dopo una fitta campagna di stampa del Corriere del Mezzogiorno che ha portato all’intervento diretto del ministro Dario Franceschini. È stato, infatti, il direttore generale del Mibact Salvo Nastasi a invocare l’articolo 32 del Codice dei beni culturali che ha imposto ai Ferlaino il restauro dell’ala nobile. «Magari con il principe Andrea a sua madre ancora in loco» aveva auspicato. Così non è stato. Migliore pare la sorte del palazzo che subirà interventi di messa in sicurezza, «sui quali» ha detto La Rocca «sorveglieremo».

Tra gli arredi smontati ieri, anche le antiche scaffalature che conservavano il fondo gentilizio: il principe, con una lettera alla direttrice Candida Carrino, ha espresso la volontà di donarle all’Archivio di Stato così da far ricongiungere contenuto e contenitore.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news