LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mesagne. Mamma e bimbo, un abbraccio che dura dal Medioevo: il ritrovamento durante i lavori per la rete idrica
Quotidiano di Puglia, 31/01/2020

La città di Mesagne (Brindisi) continua a rivelarsi uno scrigno pieno di tesori. Nei giorni scorsi, durante i lavori di scavo per la posa delle condotte idrico-fognante che si stanno effettuando nel centro storico, sono emersi dei ritrovamenti archeologici di eccezionale valore. Si tratta di un nucleo di sepolcreti di epoca basso medievale, e delle fondamenta di quella che, probabilmente, era la chiesa di Sant'Anna dei Greci, di epoca bizantina di rito Greco. Il periodo del sepolcreto è databile tra il 1.300 e il 1.500 d. C.. Tuttavia, il rinvenimento davvero raro è la deposizione di uno scheletro di giovane donna con al fianco lo scheletro di un bambino.

Probabilmente si tratta della tomba di una madre che abbracciava il figlio. Il tutto è stato raccolto e trasportato presso i laboratori della Soprintendenza archeologica di Taranto per uno studio approfondito. La notizia è stata comunicata ieri mattina dall'architetto Maria Piccareta, responsabile della Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggistica per le province di Brindisi, Lecce e Taranto. Con lei la direttrice scientifica degli scavi, Annalisa Biffino, l'ingegnere Antonio Carbonara, dell'Acquedotto pugliese. E poi i responsabili dell'impresa Spinosa che sta effettuando gli scavi.

Il sindaco Toni Matarrelli non ha voluto mancare a questo momento di conoscenza storica. Con lui anche il responsabile del centro storico, Mimmo Stella, e il vice sindaco, Giuseppe Semeraro. Si tratta di un ritrovamento importante il cui studio stratigrafico ci sta permettendo di comprendere come e quando è stato costruito il centro storico di Mesagne, ha esordito la soprintendente Piccareta che ha assicurato come questi ritrovamenti non bloccheranno l'esecuzione dei lavori di costruzione della nuova rete idrico-fognante del centro storico. Durante gli scavi sono stati ritrovati dei manufatti e dei monili in bronzo e in argento che sono stati trasferiti presso i laboratori della Soprintendenza di Taranto per la pulitura e lo studio. La direttrice scientifica degli scavi è l'archeologa Annalisa Biffino.
Posso dire ha tenuto a sottolineare l'esperta che il dato archeologico ha confermato le antiche fonti scritte. Il sepolcreto rinvenuto è composto da 5 tombe di varia tipologia che attestano l'esistenza del sepolcreto urbano. Le due tombe a cassa in materiale tufaceo sono accostate a un tratto di muratura, verosimilmente dell'antica chiesa esistente in piazza. Al momento possiamo datare le tombe al periodo basso medievale.

La dottoressa Biffino si è, poi, soffermata sulla deposizione dello scheletro di una giovane, reclinata su fianco destro, con sovrapposto lo scheletro di un bambino. Una deposizione molto suggestiva che studieremo nei nostri laboratori. Le tombe a cassa rinvenute durante gli scavi contenevano due scheletri, alcune monete. Le tombe, fortunatamente, non sono state depredate. Infine, sono state rinvenute delle tombe a colatoio, con almeno cinque scheletri, e vari reperti metallici. Non preziosi, ma interessanti, ha concluso la Biffino. Entusiasta il sindaco Matarrelli che ha offerto alla Soprintendenza la collaborazione incondizionata del Comune. Ogni volta che si scava nel centro storico ci si imbatte in una realtà storica unica a cui noi teniamo molto, ha spiegato il primo cittadino assicurando la costante collaborazione con la soprintendenza, con Aqp e con l'impresa Spinosa. Quest'ultima - ha sottolineato - sta eseguendo molto bene i lavori. Sarebbe bello, al termine della ristrutturazione, mettere insieme quanto ritrovato a beneficio della città. Noi faremo la nostra parte.

A spiegare con dovizia di dettagli cosa sia stato trovato a Mesagne è Simone Carlucci, appassionato archeologo. Sono state scavate, in particolare, 5 tombe, di cui tre in fossa terragna e due a cassa in muratura. Le tombe terragne sono state documentate e rimosse con lo scavo, che è unattività di smontaggio sistematico, mentre le tombe a cassa in muratura, di cui è stato scavato naturalmente il riempimento, sono state conservate in situ.
Una tomba a cassa in muratura in pietre assemblate a secco (tomba 1) conteneva due deposizioni sovrapposte in posizione supina con braccio sinistro addotto al corpo e il destro flesso sul corpo, relative ad individui adulti di cui al momento non è ancora possibile definire sesso ed età. In corrispondenza dello sterno di entrambi gli individui sono state trovate due monete al momento non leggibili, che dovranno essere oggetto di pulizia e restauro.
In altra tomba - prosegue Carlucci - sono stati invece enucleati circa cinque individui e rinvenuti tre anelli, di cui uno in argento, un ditale probabilmente in lega di bronzo (della tipologia definita anello da cucito, con estremità aperta, molto diffuso a partire dal basso medioevo), due fibbie da cintura e altri elementi in bronzo. Ad un primo esame tutti i reperti citati rimandano ad un orizzonte cronologico genericamente basso medievale (sec. XIII-XV), ma solo il restauro e lo studio di dettaglio permetteranno datazioni più puntuali.

https://www.quotidianodipuglia.it/brindisi/scavi_mesagne_scheletri_mamma_bimbo-5019637.html


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news