LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano, Porta Ticinese. Larco medievale occupato e il bar da mezzo milione.
G. San.
Corriere della Sera - Milano 4/2/2020

Tutti i misteri dellArea 51. Porta Ticinese antica, unabusiva pagava 230 euro al mese


Cera anche la targhetta sul citofono. Nome e cognome. Delloccupante abusiva nelle case pubbliche del Comune forse più suggestive di Milano.

Case-museo, sviluppate in uno di quei palinsesti architettonici che a volte si creano nei centri storici più antichi, con le abitazioni proprio a ridosso dei monumenti, o che si fondono alledilizia dellantichità: in questo caso, lantica Porta Ticinese medievale, larco e la torre costruiti nel XII secolo, nellarea della Basilica di San Lorenzo Maggiore, a pochi metri dalle Colonne. In quel complesso ci sono due locali commerciali e cinque appartamenti, alcuni dei quali (i due più prestigiosi) inglobano il corridoio sullarco medievale, le stanze della torre, le grandi terrazze.

Lingresso è proprio sotto il portico e bisogna notare lindirizzo, corso di Porta Ticinese 51/A: i tecnici (prima quelli dellAler, poi quelli di Mm) quel palazzo lo definivano Area 51, proprio come la base militare americana nel Nevada al centro da decenni di misteri e complottismi. Area 51 perché quel palazzo comunale emanava, tra le pieghe del suo fascino, trame di interessi e segreti.

Come mai, ad esempio, per anni, nessuno sera preoccupato della donna che pagava poco più di 230 euro di indennità di occupazione, ed era appunto unabusiva, come quelle del Giambellino, del Corvetto o di Niguarda? Forse perché il suo cognome vantava amicizie importanti e un grosso potere economico nella zona, amicizie che provò a tirar fuori quando gli ispettori di Mm nel 2016 andarono a sgomberarla. O forse per quel bar, proprietà pubblica e contratto daffitto col Comune, secondo lantica dizione di equo canone (intestato a un componente della stessa famiglia): che però negli anni dellultimo Risorgimento milanese, lExpo da bere, incassava la cifra stratosferica di oltre mezzo milione di euro lanno.

Non cè illegalità, in questo secondo pezzo della storia, ma il giro daffari nello scenario storico e nella proprietà comunale merita dessere raccontato. Per farlo bisogna tralasciare i due atti notarili con i quali il Comune di Milano acquisì prima larco e la torre (nel 1863, regnando Vittorio Emanuele II, Re dItalia, per grazia di Dio e volontà della Nazione..., prezzo dacquisto: 28 mila lire), poi in seguito gli appartamenti (nel 1934, anno XII dellEra Fascista...), e saltare al 30 luglio 2015. Quel giorno, durante lEsposizione universale, la società che da anni gestisce il baretto sulle Colonne concede lo stesso bar in gestione a una seconda società. Affitto di ramo dazienda. Canone: 102 mila euro lanno. Dunque la prima società, titolare del contratto daffitto col Comune, mette a frutto quella concessione e ne ricava un guadagno piuttosto elevato. Ancor più interessante è però andare a scartabellare il bilancio di questa seconda società, quella che affitta (poche centinaia di euro di capitale): il ricavato è di 116 mila euro nei soli primi tre mesi dattività, e si impenna sopra i 515 mila euro nel 2016 (lutile arriva intorno ai 45 mila). Ecco quanto può fruttare un banale contratto daffitto con unistituzione pubblica.

E infatti la famiglia che ha messo la firma su quel contratto lha conservato per anni. Nel 2009, ad esempio, ci fu una cessione dazienda tra parenti e questo, sempre secondo la legge sullequo canone del 1978, prevedeva un subentro del contratto (come si legge nellatto notarile) stipulato con il Comune di Milano - Settore demanio e patrimonio in data 22 giugno 2005. Non è stato possibile recuperare negli atti depositati in Camera di commercio a quanto ammontasse laffitto dovuto alle casse pubbliche; dai bilanci e dagli atti emerge però la moltiplicazione degli incassi privati. I locali commerciali dove ha sempre avuto sede il bar (più tutti gli appartamenti) compaiono oggi sul portale di Cassa depositi e prestiti dedicato alla valorizzazione del patrimonio immobiliare, dove risultano ancora in concessione alla stessa società che nel 2015 aveva ceduto la gestione. Le case invece sono vuote, affascinanti e pericolanti.



news

24-02-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 febbraio 2020

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

Archivio news