LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Uffizi, più 30 per cento (e ricavi raddoppiati) con la riforma Franceschini
Edoardo Semmola
Corriere Fiorentino 4/2/2020

L’obiettivo che gli Uffizi si propongono per il 2020 è — parola del direttore Eike Schmidt — quello di «entrare nella Top 10 mondiale dei musei» più visitati al mondo. «Ci stiamo avvicinando» ha detto Schmidt. Ce la faranno? I dati di crescita sono incoraggianti: 4,39 milioni di visitatori nel 2019, un aumento del 6,1% rispetto al 2018 quando si erano «fermati» a 4,1. Il competitor più vicino, verso cui Schmidt punta, è il Museo di Storia Naturale di New York — decimo in classifica — che viaggia appena sopra i 5 milioni di persone l’anno.

Il dato fa ancora più impressione si osserva l’evoluzione in un quinquennio: più 33,2% rispetto al 2014, l’anno della riforma Franceschini, quando i visitatori di Uffizi, Palazzo Pitti e Giardino di Boboli erano 3,29 milioni. Solo gli Uffizi sono aumentati del 5,9% rispetto all’anno prima, Pitti è a +6,9% e Boboli a +6,2%, dati scorporati che «dimostrano uno spostamento dei flussi verso l’Oltrarno» che Schmidt ha voluto e programmato, tra mostre, iniziative e politiche di diversificazione dei prezzi dei tagliandi e «anche il lavoro di destagionalizzazione sta dando ottimi frutti».

I ricavi delle Gallerie nel 2019 sono arrivati a 35,16 milioni, +3,2% rispetto al 2018 e +118,6% rispetto a cinque anni fa. La vendita dei biglietti, dice lo studio promosso dallo stesso museo, è aumentata dl 4% per un totale di 30 milioni di euro, mentre è letteralmente esploso l’abbonamento Passepartout annuale (+254%) va forte anche il Passepartout 3 Days (+42%). Anche la diversificazione dei prezzi per fascia oraria si dimostra una scelta azzeccata visto che a Palazzo Pitti i visitatori sono aumentati del 30% in alta stagione e del 75% in quella bassa mentre le agevolazioni per i pomeriggi invernali addirittura del 154%.

Una crescita che ha portato gli Uffizi a creare «108 nuovi posti di lavoro» attraverso la società in-house del Ministero, Ales, di cui 14 solo nell’ultimo anno. E che ha permesso di operare 230 interventi di restauro, 164 opere architettoniche e 25 gli acquisti do opere d’arte a fronte di 160 donate. Tra le 23 mostre inaugurate nel 2019 le più apprezzate dal pubblico sono state Tutti i colori dell’Italia ebraica , Omaggio a Cosimo I. Cento lanzi per il Principe e la personale di scultura di Tony Cragg al Giardino di Boboli.

Anche la visibilità su web e social è aumentata: più 62,4% su www.uffizi.it fino ad arrivare a 12,5 milioni, più 74,8% di follower su Instagram e più 22% e su Twitter.

Nell’appoggiare la richiesta della Grecia, l’indomani di Brexit, di vedersi restituiti i marmi del Partenone dalla Gran Bretagna, Eike Schmidt ha poi aggiunto che «se quella del Coronavirus non diventerà una pandemia, non si sentiranno ripercussioni perché al calo dei turisti cinesi si registra un aumento di altre nazionalità: la domanda è sempre più alta dell’offerta» visto che agli Uffizi arrivano persone da oltre 100 paesi. Per questo sono stati studiati anche i flussi di gennaio 2020: «Una crescita del 18% di biglietti nonostante tutto».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news