LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Lantico digitale
Maurizio Crippa
Il Foglio, 07/02/2020

Alla Braidense hanno digitalizzato tutti i preziosi libri incunaboli, ne è nata anche una bella mostra


In attesa di verificare quali effetti sortirà il nuovo ddl per la promozione della lettura appena fatto approvare dal ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, la Biblioteca Nazionale Braidense può fare festa per conto proprio, nella sua magnifica Sala Maria Teresa (fu la nostra amata imperatrice dAsburgo a fondare la Biblioteca nel complesso di Brera), o meglio può fare festa ai suoi antichi libri ritrovati. E digitalizzati.

La festa infatti è una bella mostra (fino al 28 marzo, ingresso libero) che si intitola Biblioteche ritrovate. Ab artis inventae origine e che arriva a conclusione di un importante lavoro di catalogazione e digitalizzazione del patrimonio, formidabile, dei libri prodotti allinizio dellèra della stampa ovvero gli incunaboli, letteralmente i libri in fasce stampati prima del 1500 e posseduti dalla Braidense. In totale gli incunaboli di Brera sono più di 2.300, e in tre anni di lavoro la biblioteca, con un finanziamento della Regione Lombardia e la collaborazione scientifica del Centro di ricerca europeo libro, editoria, biblioteca (Creleb) dellUniversità Cattolica diretto dal professor Edoardo Barbieri ha realizzato un lavoro esemplare. Sono stati studiati a fondo i volumi, e inseriti nel database internazionale Mei (Material Evidence in Incunabula). Ora sono a disposizione di tutti gli studiosi e gli studenti. Alla fine del lavoro, ecco la mostra curata da Fabrizio Fossati, uno degli studiosi impegnati nel precedente lavoro, con la supervisione del professor Barbieri. Ne è uscito un percorso di scoperte storiche (e di alcune opere a stampa sorprendenti) che è anche un modo per valorizzare un patrimonio di libri antichi che è uno dei maggiori dItalia, ma anche per valorizzare la Braidense stessa, luogo di assoluto valore culturale che fa parte del complesso di Brera e che merita di essere maggiormente conosciuta dai visitatori, in costante aumento, della Pinacoteca.

Ci sono degli autentici gioielli in mostra, sia per qualità tipografica sia per rarità, tra i 120 incunaboli esposti. Come ad esempio la stampa più antica, una Bibbia Monumentale stampata su pergamena (il passaggio dal medium manoscritto al medium libro come lo intendiamo oggi è graduale, come per tutte le cose) stampata a Magonza nel 1462, solo pochi anni dopo la famosa Bibbia di Gutenberg che diede inizio alletà dei libri a stampa. Cè una Peregrinatio in Terram Sanctam con xilografie raffinatissime, stampata sempre a Magonza una ventina danni dopo. Che testimonia non solo della perizia artistica degli stampatori ma anche di quanto fosse tuttaltro che infrequente compiere quel pellegrinaggio, e lasciarne poi una documentazione scritta e di immagini. Oppure un altro incunabolo di cui si conosce solo la copia posseduta dalla Braidense: un Auctoritates de Antichristo, stampato nel 1496, che narra la leggenda dellAnticristo (gli affreschi dellAnticristo di Luca Signorelli a Orvieto sono degli stessi anni) con testo latino e volgare. Le Epistole di Santa Caterina stampate da Aldo Manuzio a Venezia nel 1500 sono il primo esempio di stampa in corsivo della storia. Ma la mostra non è solo lesposizione di questi libri antichi, la prima sezione è dedicata alle tecniche di produzione del libro in quel periodo di autentica rivoluzione tecnologica che fu la seconda metà del Quattrocento. Un passaggio depoca cruciale, analogo, per certi versi, a quello dei nostri anni con la tecnologia digitale. Per usare la metafora del professor Barbieri, specialista di storia del libro e delleditoria, si tratta di immergersi in quel momento cruciale nella storia in cui si è passati dai manoscritti sartoriali, realizzati su misura, ai libri stampati che sarebbero diventati seriali ma che ancora non erano prêt-à-porter come quelli di oggi. Lultima sezione mostra invece il lavoro di catalogazione e digitalizzazione del cospicuo materiale della Braidense.

La mostra si intitola Biblioteche ritrovate, dunque non soltanto libri. Perché grazie allo studio dei fondi antichi si è potuto ricostruire almeno in parte la loro provenienza. La Braidense fu fondata dallimperatrice Maria Teresa a fine Settecento, inglobando una gran parte della biblioteca dei Gesuiti, che in quel palazzo avevano avuto il loro convento in precedenza. Ma prima di loro, molti libri erano appartenuti ad altre raccolte, private o di istituti religiosi, a Milano e non soltanto. Di qualcuno si è addirittura potuto ricostruire per quali mani sia passato. Comprese quelle di Luigi XV di Francia e dellAriosto.



Biblioteche ritrovate. Ab artis inventae origine. Biblioteca Braidense, fino al 28 marzo, ingresso libero.

https://www.ilfoglio.it/ripa-del-naviglio/2020/02/07/news/lantico-digitale-300582/


news

24-02-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 febbraio 2020

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

Archivio news