LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La mummia 4.0. Il lungo viaggio di Taririt, da Venaria Reale a Torino, fino a Rio de Janeiro sulla barella hi-tech di Ferno
Sergio Bocconi
Corriere della Sera 12/2/2020

«L’ estate scorsa abbiamo ricevuto la telefonata più strana che io ricordi: era il Centro Conservazione e Restauro “La Venaria Reale”. Dovevano prendersi cura di una mummia che poi sarebbe stata trasportata in Brasile. Ci chiedevano se una delle nostre barelle poteva essere adatta per muoverla e farla viaggiare in sicurezza. Siamo andati da loro». Alice Carletti, responsabile commerciale di Ferno Italia, filale della multinazionale Usa specializzata in attrezzature per il soccorso, racconta così l’inizio dell’avventura sudamericana di Taririt, la mummia che a Rio de Janeiro è diventata la star della mostra «Antico Egitto: dalla vita quotidiana all’eternità». Allestita dal Museo Egizio di Torino con 140 “pezzi” della sua collezione e, inaugurata il 12 ottobre, è stata già visitata da 1,4 milioni di persone.

«Per la pulitura e il restauro delle bende era necessario spostare e posizionare Taririt, reperto umano fragilissimo che presentava alcune problematiche particolari. Come fare? Un amico medico ci ha consigliato di rivolgerci a Ferno», raccontano Roberta Genta e Paola Buscaglia, che operano nei laboratori manufatti tessili e scultura lignea del Centro di Restauro di Venaria Reale e hanno curato l’intervento sulla mummia che risale a 2.700-2.800 anni fa. Hanno dunque chiamato Ferno Italia, che ha inventato e produce le barelle hi-tech “scoop”, vendute in tutto il mondo: con la struttura a cucchiaio e la radiotrasparenza sono state progettate per movimentare pazienti anche in condizioni critiche, assicurandone l’immobilità. «Di fronte alla mummia abbiamo capito che, in fondo, si trattava di una paziente con qualche anno in più…», spiega Alice Carletti. Quindi la Ferno ha donato la “scoop” e i suoi tecnici hanno spiegato come utilizzarla all’équipe del Centro. Alice, che era presente quando la mummia ha lasciato Venaria Reale diretta in Brasile, racconta che «Roberta, Paola e le altre ragazze erano entusiaste ed emozionate. La salutavano dicendo “ciao Taririt”». «Sapevamo che doveva affrontare un lungo viaggio», dice Roberta, «quindi abbiamo condiviso la nostra scelta con il museo, che ha “adottato” la barella».

Taririt ha dunque viaggiato verso il Brasile accompagnata da Valentina Turina e Giulia Gregorio, che fanno parte dell’ufficio collection management del Museo Egizio e sono ex allieve del Centro di Restauro. E alla fine di settembre una carovana composta da due tir con rimorchio che trasportavano una quarantina di casse si è diretta in Lussemburgo, da dove con un aereo cargo ha raggiunto il Brasile. Ovviamente tutte le tratte sono state coperte da aziende specializzate. E le ragazze del Museo hanno sempre viaggiato con la mummia, in camion, in aereo e a piedi con barella. «Taririt, ricoperta da una carta velina speciale, era posizionata sulla “scoop” immobilizzata anche con cinghie e materassino a decompressione. Un altro strato di materiale plastico morbido e traverse in legno vincolate alla cassa bloccavano tutto», spiega Valentina. E sempre in barella la mummia è stata portata alla destinazione: la vetrina dell’esposizione nel Centro Cultural Banco do Brasil. Prima tappa. Nei prossimi giorni ripartirà per andare a San Paolo, Brasilia e Belo Horizonte. Migliaia di altri brasiliani faranno la fila per “conoscere” la signora Taririt. Che però, secondo le ultime diagnostiche di Venaria, potrebbe anche essere stata… un uomo.




news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news