LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sudan. Il laser «gentile» made in Italy per salvare il Tempio di Mut
Pierluigi Panza
Corriere della Sera 12/2/2020

Le innovazioni per preservare il patrimonio artistico in Sudan

Lo sviluppo tecnologico non è solo causa del consumo delle risorse e dell’abbandono verso la conoscenza del passato; talvolta si pone al suo servizio. Tra le nuove tecnologie al servizio della conservazione e rigenerazione del patrimonio storico-architettonico gli sviluppi della tecnologia laser si stanno dimostrando efficaci. A Gebel Barkal, l’antica Napata, in Sudan, dal 2014 la società Renaissance del gruppo fiorentino El.En, con l’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro di Roma e il National Corporation for Antiquities and Museums locale, sta restaurando il Tempio di Mut, patrimonio mondiale Unesco. Il tempio, dedicato alla dea madre egizia, fu realizzato sotto il faraone Taharqa della XXV dinastia tra il 690 e il 664 a.C. Il gruppo di lavoro utilizza laser made in Italy prodotti nelle fabbriche di Calenzano (Deka) e di Samarate (Quanta System). Sono impiegati per riscoprire le pitture murali fortemente degradate da eventi naturali e antropici. Il laser garantisce minima invasività, evitando l’uso di sostanze chimiche, come le resine, o l’uso di materiali abrasivi. Trattandosi di luce, non avviene nessun contatto meccanico con i substrati. Al contempo, il controllo e la precisione sono massimi, nella rimozione degli strati di degrado. Con estrema selettività, lo strato di alterazione assorbe la luce, il substrato la riflette, arrestando quando necessario l’azione pulente del laser. È curioso sottolineare una fertilizzazione incrociata tra le attività del gruppo nei settori arte e medicina. Molte applicazioni che si usano in medicina o chirurgia estetica sono possibili grazie agli studi effettuati sull’interazione tra luce e materia in campo artistico, e viceversa.

Come scrive Luca Ruzza nell’articolo «L’Urban Theatre Experience di Roosergaarde. Nuovi processi di rigenerazione urbana» sul nuovo numero in uscita di “Ananke” (la rivista di Cultura della conservazione del Politecnico di Milano), il laser entra anche nei processi di “rigenerazione” degli spazi urbani del passato. In particolare, il designer-regista Daan Roosegaarde — che ha fondato nel 2007 il suo studio a Rotterdam e ora ne ha aperto uno a Shanghai e ha vinto la medaglia London Design Innovation — ha messo a punto una serie di sistemi luminosi per «riqualificare il Pianeta». Una delle più interessanti applicazioni è Waterlicht, un’illuminazione proiettata che simula l’innalzamento del livello del mare usando luci e laser a led per creare la sensazione di essere sott’acqua: «È forse la più rappresentativa opera di scenografia urbana a grandissima scala legata al concetto di sostenibilità». Il laser di Roosegaarde serve per creare dei «Teatri urbani» che rigenerano vecchi tessuti utilizzando tecnologie compatibili. Dunque, la tecnologia può salvarci dai danni causati dalla tecnologia dell’età industriale consentendoci di rimanere “abitanti” di questo Pianeta.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news