LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Pronto a restare. Parla Umberto Levra presidente del Museo del Risorgimento
Paolo Morelli
Corriere della Sera - Torino 13/2/2020

Unico limite? La fatica

Siamo in attesa delle designazioni dei tre enti che compongono il museo. Nel frattempo? Siamo in prorogatio. Umberto Levra è il presidente del Museo del Risorgimento, originario di Mathi, classe 1945, è anche uno dei più importanti storici italiani in materia risorgimentale, ma il suo mandato al vertice del museo torinese è scaduto il 10 febbraio. Con lui, che tra i vari mandati ricoperti è in carica dal 2004, ha terminato il proprio incarico tutto il consiglio.

Il nome di Umberto Levra era stato indicato dallIstituto per la storia del risorgimento italiano di Roma, che insieme alla Città di Torino e alla Regione Piemonte indica i cinque consiglieri effettivi (due da Roma, due dal Comune di Torino e uno che sarà scelto da Alberto Cirio). A questi se ne possono aggiungere fino a quattro, cooptati dal consiglio stesso. Nel frattempo il museo è cresciuto racconta Levra , soprattutto negli ultimi tre anni. Una crescita che ha avuto unimpennata, fino a portare lente a richiamare fra i 150 e i 160 mila visitatori allanno, dopo il rifacimento del 2011, per il 150esimo dellUnità dItalia. Il tutto gestito da dieci dipendenti, direttore incluso, che fanno miracoli. I visitatori aggiunge il presidente sono per il 25% stranieri, inoltre abbiamo un 40% che arriva dalle classi di studenti di tutta Italia. In effetti, il museo è in contatto con 22 mila classi in tutto il Paese. Insomma, un ruolo educativo che si è consolidato nel tempo e che viene sottolineato, fa notare Levra, anche dalle collaborazioni, come quella con la Fondazione Bersezio (sostenuta da Compagnia di San Paolo) che si è rafforzata proprio sul piano della didattica. Il Museo conta su una buona parte di autofinanziamento che copre poco più della metà del budget rivela Levra che ammonta a circa 1,2 milioni di euro allanno. Gli introiti arrivano da biglietti ed eventi privati, anzi, da questi ultimi, lo scorso anno, sono arrivati 200 mila euro.

Ed è questa, secondo lattuale presidente, la strada che il museo dovrebbe percorrere in futuro, investendo nellaffitto di spazi e nella promozione di appuntamenti. Magari aggiunge si possono cercare altri sostenitori. Anche perché, come conferma Levra, se da una parte i contributi statali sono puntuali, quelli regionali sono spesso in ritardo, situazione comune a diversi enti, così come la generale contrazione dei fondi pubblici in materia culturale. Storia nota, insomma. Il futuro, però, è tutto da scrivere, perché finché non ci saranno le nuove nomine (intanto la Città di Torino ha già aperto i bandi per trovare i suoi due membri) non si potrà programmare nulla. Levra, però, si mostra disponibile a restare. Lunico limite scherza è dovuto alla fatica. Ma aggiunge che di certo non mi tirerei indietro se qualche ente vorrà designarmi per un altro mandato. Il prossimo consiglio, intanto, dovrà occuparsi subito della ricerca di un direttore, perché lattuale, Ferruccio Martinotti, scadrà a luglio. Laltra prospettiva è quella del riallestimento, perché il museo ha 55.000 oggetti in deposito, di cui soltanto 2.600 esposti nei 10 mila metri quadrati di spazi al momento a disposizione. Senza dimenticare la biblioteca, la più importante al mondo in materia di storia risorgimentale, che conserva anche le serie di 4000 testate giornalistiche dellOttocento, di cui molte rarissime. Palazzo Carignano, ad esempio, ha molti spazi inutilizzati spiega Levra che però sono gestiti dal Polo Museale del Piemonte. Dovremmo trovare con loro un modo per avere a disposizione altri luoghi, oppure cercare altrove, ma non sarebbe una cosa comoda per i visitatori.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news