LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Plebiscito, il cantiere diventa maxi. Nuova bufera sulle griglie della Linea 6
Walter Medolla
Corriere del Mezzogiorno - Campania 11/2/2020

Le reti arrivano oltre lingresso della Prefettura. Caniparoli: il marciapiede sta collassando

Napoli. Il cantiere dei lavori di piazza del Plebiscito si amplia per permettere la realizzazione delle griglie di areazione previste dal progetto per la realizzazione della metropolitana Linea 6. Il nuovo perimetro disegnato con le reti da cantiere arriva oltre lingresso della Prefettura e resterà così per almeno tre mesi per consentire il proseguimento dei lavori.

Procede tutto come previsto spiega lassessore comunale allUrbanistica Carmine Piscopo , il cantiere è stato allargato per consentire la realizzazione della griglia secondo le modalità approvate dal Mibac. Tra maggio e giugno il cantiere sarà nuovamente ridimensionato e rientrerà verso la parte del colonnato dove è stato fino a pochi giorni fa. Nei mesi passati è stato molto acceso il dibattito tra una parte della società civile, il Comune di Napoli e lallora ministro Bonisoli sulla opportunità o meno di realizzare i lavori delle griglie di areazione nella piazza simbolo di Napoli, questione poi risolta dal Tribunale amministrativo regionale. Nel febbraio del 2019, infatti, il Tar della Campania aveva accolto il ricorso del Comune di Napoli contro lo stop alle griglie al Plebiscito previste dai lavori per la Linea 6 della metro.

I giudici avevano emesso la sentenza che accoglieva le ragioni dellamministrazione comunale dando così il via libera al proseguimento dei lavori la cui interruzione avrebbe potuto mettere a rischio risorse europee, pari a 98 milioni, per il completamento della tratta. Oggi lallargamento del cantiere riapre la questione e rinfocola la discussione sulla decisione di proseguire con dei lavori che secondo alcuni, può mettere in pericolo la staticità di alcuni edifici della zona. Proseguire con i lavori spiega Riccardo Caniparoli geologo e membro dellassociazione Italia Viva è una scelta a dir poco avventata. Sono un profondo studioso e conoscitore del sottosuolo napoletano e le dico che già le conseguenze di quello che potrebbe accadere sono visibili alla fine di via Cesario Console (a pochi passi da piazza del Plebiscito, ndr ) dove parte del marciapiede sta collassando. Si stanno andando a rompere gli equilibri delle falde e delle pressioni che sono presenti al di sotto della piazza, bisogna fermarsi con quei lavori, altrimenti si rischia grosso.

Critiche arrivano anche da associazioni e comitati di cittadini. I lavori della Linea 6 al Plebiscito spiega Antonio Pariante del Comitato Portosalvo sono passati dalla botola al cantiere, è a rischio lequilibrio del sottosuolo in una parte della città molto delicata. Siamo preoccupati più di prima per la statica dellarea monumentale e vigileremo, come fatto fino a ora, su questa situazione che ci preoccupa non poco. Tra laltro si sta operando su una zona che accoglie solitamente concerti e manifestazioni e se si allarga il cantiere sarà meglio inibire eventi di grossa portata al Plebiscito. Lipogeo della piazza è molto fragile.

Una preoccupazione che a San Giacomo non esiste, visti gli studi e i rilievi fatti da tecnici ed esperti. Cè stato un ampio dibattito nei mesi scorsi sottolinea Enrico Panini ma è intervenuta anche la direzione ministeriale e i lavori si svolgono anche sotto lalta sorveglianza dellaSsoprintendenza. E chiaro che sono stati considerati tutti gli elementi che riguardano gli aspetti tecnici e con il parere favorevole della sovrintendenza.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news