LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Ferragamo torna in piazza Signoria. Via ai restauri delle grandi sculture
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 12/2/2020

Da Ercole e Caco al David (anche al Piazzale): un milione grazie allArt Bonus

Piazza Signoria atto secondo: dopo il restauro della Fontana del Nettuno Ferragamo rilancia e interviene a sostegno degli altri gruppi scultorei della piazza. Quelli di proprietà comunale va escluso dunque tutto il complesso scultoreo della Loggia dei Lanzi che è di proprietà dello Stato saranno tutti rimessi a nuovo grazie a un investimento della maison fiorentino di moda che è pari a 1.093.750 euro stanziati per il triennio 2019/2021.

Si tratta di un impegno che ci assumiamo con gioia e con orgoglio ha detto ieri il presidente della griffe Ferruccio convinti come siamo, come lo erano anche i nostri genitori, che sia naturale favorire lunione tra arte e moda. Anzi consapevoli che la moda dai capolavori dellarte trae spunto per le sue creazioni. Siamo fortunati di poter contribuire a proteggere la bellezza di questa città. Linvestimento è reso possibile grazie ad Art Bonus una misura grazie alla quale il Comune di Firenze ha raccolto 9.000.000 di euro dal 2014 a oggi e che ci ha consentito di mettere a segno delle imprese molto importanti ha detto il sindaco Dario Nardella Ricordo quelle delle Rampe e delle fontane del Poggi per cui ci è stata vicina la fondazione Cr Firenze, quella delle balaustre del piazzale Michelangelo che ha visto in prima linea Elisabetta Fabbri per Starhotels o quelle delle fontane di piazza santissima Annunziata e di Santa Croce, questultima resa possibile grazie a un filantropo non fiorentino.

La nuova sponsorizzazione firmata dai Ferragamo servirà a mettere a segno un piano di interventi che è già stato messo in calendario. Le opere che saranno curate sono quella di Cosimo I de Medici del Giambologna, Ercole e Caco di Baccio Bandinelli, le statue dei Termini e la copia del David di Michelangelo poste allingresso di Palazzo Vecchio; e ancora la copia di Giuditta e Oloferne e la copia bronzea del David al piazzale Michelangelo. La scaletta degli interventi, ricordata dallassessore alla Cultura Tommaso Sacchi, è serrata. Si parte a giugno 2020 dal Piazzale: il restauro dellottocentesco David bronzeo di Clemente Papi loriginale come si sa si trova in Galleria dellAccademia durerà 300 giorni circa e costerà 368.000 euro; andranno tolti graffiti, croste e patine superficiali e andrà ripristinato il colore originario della statua, dopo aver coperto le eventuali fessure che negli anni si sono create in vari punti dellopera. In contemporanea, sempre a giugno di questanno, si inizierà a lavorare sulla statua equestre di Cosimo I commissionata da Ferdinando I per celebrare il padre fu realizzata tra il 1587 e il 1594 per il cui recupero, che prevede interventi analoghi a quelli del David del Piazzale e a quelli per tutti i gruppi scultorei adottati dai Ferragamo, basteranno tre mesi e occorrerà un investimento complessivo di 23.895 euro. Si passa a dicembre 2020 per partire con il lifting della copia del complesso di Giuditta e Oloferne dellArengario si tratta di una coppia del 1988 visto che loriginale di Donatello si trova nella Sala dei Gigli di Palazzo Vecchio che costerà 65.000 euro circa. Gli altri lavori si svolgeranno nel 2021. Il primo della lista per lanno prossimo è lintervento sulla copia del David di piazza della Signoria di Luigi Arrighetti il cui ultimo restauro risale al 2009 a marzo. La ripulitura richiederà 4 mesi di lavori e un investimento di 69.200 euro. Ad agosto via a quello sulle statue dei Termini la divinità femminile è attribuita a Baccio Bandinelli, mentre quella maschile a Vincenzo de Rossi e le opere furono poste lì nel 1542 come reggi-catene per impedire lingresso a Palazzo Vecchio quando qui fu trasferita la residenza dei granduchi. Questi interventi dureranno fino a dicembre e costeranno 125.155 euro. Quasi in contemporanea si metterà mano al complesso di Ercole e Caco di Bandinelli fu commissionato da papa Clemente VII, cioè quel Giulio dei Medici che così voleva fosse rappresentato il trionfo del bene Ercole sul male Caco e per la cui realizzazione Baccio Bandinelli impiegò nove anni lavorando dal 1525 al 1534 con un inizio anticipato a luglio e la fine prevista anche in questo caso per dicembre. Questultimo intervento costerà 89.634 euro.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news