LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venaria. Lavori in corso alla Reggia. Con l’arrivo dell’estate in giardino tornerà il Ninfeo
Giorgia Mecca
Corriere della Sera - Torino 14/2/2020

Viaggio nel cantiere per il recupero della fontana dell’Ercole

Benvenuti dentro al cantiere di recupero più grande d’Italia. Tre milioni di euro di investimenti e millecinquecento metri quadrati da riportare agli antichi splendori. Dalla prossima estate scorrerà l’acqua nei giardini della Reggia di Venaria, il monumentale complesso progettato da Amedeo di Castellamonte nel diciassettesimo secolo rivedrà la luce dopo tre anni di lavori in corso.

In questi giorni la ditta Costruzioni generali Gilardi è all’opera per liberare la vasca su cui sarà posato l’Ercole. Da adesso in poi, assicurano, la strada che porterà al taglio del nastro dell’ultimo lavoro di recupero della residenza sabauda sarà tutta in discesa.

A metà del Seicento il Ninfeo (guai a chiamarla semplicemente fontana, per carità) era il posto preferito dalla nobiltà e dalle dame di corte. Ma i ricchi sono bizzarri, cambiano idea facilmente. Nel giro di pochi anni cambiarono radicalmente i gusti: statue, giochi d’acqua, busti, conchiglie e tutto lo sfarzo e il lusso barocco diventarono improvvisamente volgari, una specie di vergogna da cancellare. Il nuovo motto era: ordine e semplicità. La zona fu interrata, nascosta, dimenticata. Per un breve periodo divenne palestra di gioco del figlio del duca Amedeo di Savoia. Per il resto campi incolti a perdita d’occhio, e poi ruderi, sterpaglie e prove di artiglieria ai tempi in cui la Reggia era diventata una caserma.

Ritornerà tutto com’era, o quasi. Il nuovo teatro d’acque sarà un dialogo tra recupero dell’antico e tecnologia contemporanea, grazie agli studi dell’architetto Gianfranco Gritella che nel suo progetto ha guardato il passato utilizzando però tecnologie del futuro. «Qui si è fatta la storia del Piemonte», racconta l’architetto della Consulta Mario Verdun. Durante i lavori di scavo sono stati ritrovati numerosi reperti, tra cui statue, teste di epoca romana, sculture che rappresentano cani da caccia, cavalli alati. Ogni opera sarà restaurata e messa in mostra in una nicchia nel lato destro del complesso, che si chiamerà «La stanza delle meraviglie». Il ninfeo, rivestito in legno, sarà allestito proprio come in passato, con i quattro telamoni che saranno posti proprio dietro alla statua di Ercole, che negli anni è sopravvissuta al tempo, all’incuria e all’oblio, chiusa com’era all’interno di una cassa di legno di uno sperduto magazzino del quartiere Vallette. Il restauro del monumentale Teatro delle acque racconta anche la storia della diaspora di tutte le opere d’arte che la componevano e che sono state regalate negli anni dai Savoia ad amici e parenti e oggi abbelliscono castelli e dimore di Agliè, Govone, Racconigi, Cumiana, oltre che palazzo Reale a Torino.

«Si tratta di un investimento molto importante che ha coinvolto 32 aziende del territorio, nonché fondazioni, istituzioni e imprese» ha detto la presidente della Consulta Adriana Acutis. «Il consenso e il coinvolgimento è stato unanime e convinto, un bel segnale per il futuro della nostra città».

In questi mesi il sito archeologico è stato un viavai di persone, ingegneri, architetti, muratori, idraulici, tecnici, falegnami. Con la cultura si mangia eccome, e al posto delle erbacce ritornano alla luce antiche meraviglie.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news