LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bergamo. Le cure al Trittico del Padovanino
D. Sp.
Corriere della Sera - Bergamo 14/2/2020


Nellaula consiliare di Palazzo Creberg cè silenzio e odore di vernice. I restauratori Alberto Sangalli, Marco Fumagalli, Andrea Lutti e Sabrina Moschitta sono concentrati sul Trittico di SantAndrea del Padovanino. Le tre tele rientrano nel programma dei Grandi restauri finanziati dalla Fondazione Credito Bergamasco e verranno messe in mostra dal 7 maggio.

Il via vai di persone e il chiacchiericcio degli uffici bancari rimangono al piano di sotto, nellaula consiliare di Palazzo Creberg cè silenzio e odore di vernice. I restauratori Alberto Sangalli, Marco Fumagalli, Andrea Lutti e Sabrina Moschitta sono concentrati sul Trittico di SantAndrea del Padovanino. Le tre tele rientrano nel programma dei Grandi restauri finanziati dalla Fondazione Credito Bergamasco, verranno messe in mostra dal prossimo 7 maggio.

Gli oli su tela risalgono al 1630 circa, nel periodo maturo di Alessandro Varotari, detto Padovanino: Le pennellate sono veloci, come se si trattasse di un affresco spiega Sabrina Moschitta . I quadri sono concepiti per essere guardarti dal basso, quasi ci si dovesse sdraiare. Colpisce la modernità, laccostamento audace dei colori, insolito per lepoca: così i drappeggi delle vesti degli angeli sono azzurri e rosa. Le tinte accese, come le ha volute il Padovanino, si svelano al procedere delle fasi di pulitura. La tela del Martirio di SantAndrea dice Moschitta richiede un intervento più lungo. Durante il restauro precedente sono stati usati colori a olio, una tecnica oggi abbandonata perché non permette di riportare facilmente lopera allo stato originale. Per poter lavorare abbiamo fatto degli impacchi con un gel ad hoc sfruttando il divario di circa 400 anni di polimerizzazione del colore. I restauratori a Palazzo Creberg utilizzano vernici reversibili che si sciolgono, anche a distanza di tempo, con un apposito solvente. Il telaio in legno e la foderatura della tela che riproduce il martirio del Santo verranno sostituiti del tutto. Per le altre due opere, gli Angeli musicanti e gli Angeli con le palme, invece non cè bisogno, specifica la restauratrice.

Crediamo fortemente nel valore dellarte, commenta il segretario generale della Fondazione Credito Bergamasco, Angelo Piazzoli. Dal 2008 ad oggi sono novantaquattro le opere restaurate grazie ai finanziamenti della Fondazione, da dieci dipinti del Lotto, allUltima cena di Allori, passando per Previtali e i Bassano, fino a Palma il Giovane. Il tema della prossima mostra, dal 7 maggio al 5 giugno, è Bagliori veneziani in terra di Bergamo. Oltre al Trittico del Padovanino, verrà esposto, dello stesso autore, il Gesù Cristo flagellato, con santi, in fase di restauro nello studio di Antonio Zaccaria, con la collaborazione di Barbara Vitali. Ci sarà poi la Deposizione di nostro Signore di Giulio Carpioni che sta restaurando Fabiana Maurizio, aggiunge Piazzoli.

Delfina Fagnani e Roberto Buda stanno lavorando, invece, alle tavole di Vittore Carpaccio che raffigurano SantAntonio Abate, Dio Padre, San Gerolamo e San Giovanni Evangelista.



news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news