LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Torna la preistoria al Mann. Da marzo appuntamenti con l’arte contemporanea
Corriere del Mezzogiorno - Campania 15/2/2020

Giulierini: «L’archeologia dialoga sempre con il presente, dalla grafica al fumetto d’autore»

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli sempre più sulla linea degli estremi temporali, luogo di tonificante cortocircuito fra l’antichità remota e la contemporaneità più spinta. Il 28 febbraio infatti si riapre con un nuovo allestimento e con una nuova concezione informativa e didattica la sezione dedicata a Preistoria e Protostoria, cui seguiranno il 16 marzo l’inaugurazione della mostra «Gli etruschi e il Mann» e l’8 aprile la presentazione dell’exhibit su «I Gladiatori». Mentre a partire dal 6 marzo il museo diretto da Paolo Giulierini ospiterà in successione quattro appuntamenti con l’arte contemporanea: le street artist anonime Lediesis che raccontano le superwoman della cultura, il fotografo Luigi Spina che viaggia con il suo obiettivo nei depositi del Museo, Davide Cantoni che presenta 25 disegni bruciati per far dialogare cronaca e mito e infine Gaetano Di Riso che immagina una versione pittorica della scultura dell’Adone di Capua.

«L’archeologia – spiega Giulierini - dialoga sempre con il presente, perché anche quell’arte che affiora dalle antiche civiltà, e andando indietro fino alla preistoria, è stata un giorno arte contemporanea. Nella nostra programmazione trovano così spazio vari percorsi di ricerca, dalla scultura alla street art, dalla fotografia alle arti figurative, dalla grafica al fumetto d’autore».

Partiamo allora dal restyling della collezione permanente del Mann relativa a Preistoria e Protostoria, a cui fa da viatico l’appassionante ciclo ricostruito, dedicato alle pitture cavernicole di Lascaux risalenti al Paleolitico superiore (visitabile fino al 31 maggio). La nuova sezione resterà al secondo piano nel lato occidentale del museo e sarà formata da circa tremila reperti, fra cui anche alcune significative novità. Nel complesso otto sale che documentano i piu` interessanti siti preistorici e protostorici della Campania e dell’Italia meridionale, con materiali da collezioni private e scavi, provenienti da contesti come la Grotta delle felci a Capri, la Grotta di Pertosa e la necropoli del Gaudo di cultura eneolitica sviluppatasi nel Sud Italia tra la fine del IV e la prima metà del III millennio a.C. Così denominata per il sito funerario di Spina-Gaudo nei pressi della foce del fiume Sele. Tutti reperti che vanno dal Paleolitico inferiore all’Età del Ferro, alcuni dei quali provenienti dai depositi ed esposti per la prima volta per un viaggio fra manufatti litici, prime testimonianze artistiche, pratiche funebri. E ancora i ritrovamenti provenienti da Capri, Capua, Calatia (oggi nel territorio di Maddaloni), Vivara (Procida) e Palma Campania, come il boccale caprese del IV millennio a.C. o successivamente gli Skyphos, Kotyle e Coppa del Signore dei cavalli, risalenti all’VIII secolo a. C. e quindi al tempo di fondazione di Pithecusae, il sito ischitano prima presenza ellenica in Italia. Che a sua volta costituisce un altro nucleo di cui fa parte anche la ricostruzione della casa in pietra a secco.

Per quanto riguarda il contemporaneo tutto iniziò con Francesco Clemente, Jeff Koons, Anish Kapoor, Richard Serra e Damien Hirst, firme internazionali dello star system dell’arte che fra 2003 e 2004 “violarono” con la forza del proprio lavoro trans, neopop o concettuale, le sacre stanze riservate ai capolavori dell’antichità greco-romana. Il dialogo che ne scaturì, esaltando il confronto-contrasto fra la bellezza classica di opere come i Tirannicidi o il Toro Farnese, spinse anche le successive gestioni a puntare su questo vis a vis millenario fra opere di ieri e di oggi. L’attuale ciclo in programma inizierà il 6 marzo, con le Lediesis che dopo le incursioni in sette città italiane (Venezia, Milano, Bologna, Firenze, L’Aquila, Roma e Bari) giunge a Napoli, con i ritratti di otto famose artiste di tutti i tempi e con una simbologia, legata al numero otto, al marzo mese della donna e alla “S” di “Superwoman” presente in tutte le loro opere.

Dal 26 marzo, nella collezione Villa dei Papiri, Luigi Spina presenterà poi la personale «Sing Sing. Il corpo di Pompei», in cui mostra i risultati del viaggio di ricerca compiuto nelle “celle” dei depositi del museo con 50 scatti, pubblicati anche in un volume, che sveleranno capolavori non ancora noti al pubblico. Dal 9 aprile, Davide Cantoni presenterà invece «Uomini e giganti. I sogni della storia», 25 originali “disegni bruciati”, realizzati imitando, come una sorta di miniatore postmoderno, le immagini di cronaca del New York Times . Infine Gaetano Di Riso che il 22 aprile inaugurerà la personale «...e Adone non lo sa», tredici tele ed una scultura lignea in dialogo simbolico e iconografico con la statua di Adone di Capua, databile alla prima metà del II secolo dopo Cristo e proveniente dall’Anfiteatro campano di Santa Maria Capua Vetere.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news