LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Verona. Maffei. Il Palazzo dell’arte
Veronica Tuzii
Corriere del Veneto 15/2/2020

A Verona apre la dimora seicentesca: ospiterà la collezione Carlon

In mostra capolavori da Magritte a Fontana

Una fiamma aranciata rischiara il fondo nero di un inquieto paesaggio notturno, un ambiente onirico e immobile sormontato da un cielo diurno dalle nuvole galleggianti. Popolato da elementi dall’intricato miscuglio di significati, La fenêtre ouverte (1966) del «saboteur tranquille» René Magritte rimanda all’oltre, invitando lo spettatore ad entrare nel quadro e a guardare più lontano. Il capolavoro magrittiano è un cortocircuito visivo dove il tempo narrativo è sospeso. Lo sono pure Il ratto di Elena (1520-1530 ca.) di Zenone Veronese, in cui il pittore cinquecentesco veste i personaggi del mito in costumi rinascimentali; e l’installazione in vetro e acciaio di Arcangelo Sassolino Qualcosa è cambiato (2019), assemblage che vive del contrasto di forze e conflitti intrinseci. E lo è pure l’imponente scalone elicoidale autoportante, prodigio strutturale «tutto in aria» che attraversa, dalle cantine al tetto, il sontuoso immobile che da ieri accoglie le 350 opere della Collezione Carlon.

Inaugurata alla presenza del sindaco Federico Sboarina e dell’assessore alla Cultura Francesca Briani, è nata a Verona la casa-museo «Palazzo Maffei», frutto dell’attento restauro del più importante edificio seicentesco della città - quinta suggestiva di Piazza delle Erbe - e dell’apertura al pubblico di una raccolta d’arte straordinaria. Un’iniziativa promossa da Luigi Carlon, Cavaliere del Lavoro, imprenditore e collezionista veronese, su progetto architettonico e allestitivo dello studio Baldessari e Baldessari e da un’idea museografica di Gabriella Belli, con contributi scientifici di Valerio Terraroli e Enrico Maria Guzzo. Arditi dialoghi e confronti tematici tra capolavori, nello scenografico palazzo barocco adornato al suo interno da stucchi e pitture murali, acquistato cinque anni fa da Carlon dall’Immobiliare delle Assicurazioni Generali. L’excursus si dipana nelle 18 stanze al piano nobile, oltre 1.000 metri quadri di ambienti dalle atmosfere familiari, che alternano pareti dai decori originali ad altre tinteggiate con colori caldi, arredi di gran pregio di varie epoche, ceramiche rinascimentali, avori, pezzi d’arte orientale, rari volumi. Un percorso che cavalca i secoli, dai fondi oro trecenteschi a capolavori Picasso, De Chirico, Mirò, Kandinsky, Magritte, Fontana, Burri e fino al contemporaneo. «Questo progetto – racconta Carlon - è il punto d’arrivo della mia avventura collezionistica lunga 50 anni. Ho iniziato con le opere metafisiche, in seguito mi sono appassionato all’antico, scegliendo in particolare autori del territorio scaligero. L’opera a cui sono più affezionato? La finestra di Magritte. L’ho comprata da un collezionista di Reggio Emilia, molti volevano quel quadro ed io per paura di perderlo sono partito di notte per essere il primo»».

Prologo di questa scaligera «Wunderkammer» l’opera site specific in neon di Maurizio Nannucci New horizons for other visions/New visons for other horizons che invita il pubblico a leggere l’arte secondo inusuali prospettive. Passeggiando per le sale, una splendida incisione inserita dentro un mobile rapisce lo sguardo, è il Baccanale con Sileno di Andrea Mantegna. Lo «scrigno» di Palazzo Maffei o «Mirabilia» è dedicato alla Mater amorevolissima . Tra due tavole dorate tre-quattrocentesche e antichi fogli miniati, ecco i tagli di Lucio Fontana su fondo rosso (di Fontana se ne contano una decina esposti), mentre un’altra stanza è abitata dalla monumentale Maternità (1932-33) di Arturo Martini. «Il fil rouge del percorso - spiega Belli - è stato dettato dalla volontà di rispettare lo spirito dell’eclettica raccolta di Carlon». Tra eroi e combattenti, santi, Veneri, ecco le lacerazioni della serie Combustioni (1957) di Alberto Burri e la Cleopatra dolce e leziosa di Giambettino Cignaroli del 1770. Nella sala dedicata ai paesaggi veneti spicca la Veduta dell’Adige nei pressi di San Giorgio in Braida (1695) di Gaspar van Wittel, accostata a una potente Composizione di paesaggi (1950) di Sironi. Si susseguono le donne di Boldini, opere di Capogrossi, un cuore rosso di Cattelan, un’espressiva Portinaia (1900 ca.) in cera su gesso di Medardo Rosso, le Compenetrazioni iridescenti n. 1 (1912) di Giacomo Balla, e sfila davanti a noi tutto il futurismo. E ancora, Il Canal Grande a Venezia (1907) dalle vibranti materiche pennellate di Boccioni, la Femme Lisant (1916) di Severini per approdare alla Femme assise (1953) di Picasso. Finale nel contemporaneo con Pistoletto e con la sorprendente Nuvola concettuale dell’argentino Leandro Erlich. A salutare il visitatore, la prima importante entrata nella collezione Carlon: Il Saluto dell’Amico Lontano (1916) di De Chirico.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news