LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bergamo. Mai, la memoria della città
Daniela Morandi
Corriere della Sera - Bergamo 16/2/2020

Unistituzione cittadina sin dalle sue origini settecentesche. Entrando alla Mai ci si sente investiti da riverenza, per il suo palazzo monumentale e per la storia e il patrimonio che conserva e valorizza: oltre 730 mila libri editi dopo il Seicento, 12 mila periodici, 2.500 incunaboli a stampa a caratteri mobili di fine Quattrocento, 12.500 cinquecentine, per citare alcuni numeri. La Mai è La biblioteca della città: è il titolo del volume, con più autori, che sarà presentato martedì alle 18 nel salone Furietti, con Isabella Fiorentini, direttrice dellArchivio storico civico e Biblioteca Trivulziana di Milano, e Claudio Gamba, dirigente della Struttura Istituti e Luoghi della cultura della Regione Lombardia. Edito da Lubrina e realizzato grazie allAssociazione Amici della Biblioteca Mai e al Rotary Club Bergamo Città Alta, con il contributo del Comune e della Fondazione della Comunità Bergamasca, il libro racconta il ruolo sociale e culturale della biblioteca. Da un gioco enigmistico-culturale con la sua direttrice Maria Elisabetta Manca, ne è emerso lacrostico Memoria, Archivi, Inediti, fili conduttori per ordinare la storia di questo luogo, da subito deputato alla conservazione della memoria municipale.

Nata dal lascito del cardinale Giuseppe Alessandro Furietti, che nel testamento del 1760 dispose di donare la propria biblioteca alla città, con lobbligo che fosse di uso pubblico, la Mai è portatrice di memoria a partire dagli edifici civici in cui fu ospitata: nel 1771 fu aperta nellattuale Palazzo Nuovo, dove restò sino al 1797. Poi fu trasferita nella canonica del Duomo sino al 1843, nel Palazzo della Ragione sino al 1927 e stabilita definitivamente nel Palazzo Nuovo dal 1928. È sede della memoria della città, in quanto nata dallazione corale di un nutrito gruppo di intellettuali che, in un clima di fervore per gli studi storici, riscopriva la storia della città a partire dalle fonti e dagli archivi, conservati in questa biblioteca. La convivenza tra biblioteca e archivi è una delle peculiarità della Mai, che conserva quelli storici del Comune, della Misericordia Maggiore, contenenti anche le lettere di Lorenzo Lotto, quello della Camera dei confini, ricco di mappe e disegni che definiscono i limiti tra Stato veneto e quello di Milano illustra Manca . Tra gli archivi anche la collezione delle pergamene, tra cui il Testamento di Taidone del 774 o il diploma imperiale di Federico Barbarossa.

Lelenco prosegue tra gli archivi degli orfanatrofi, del consorzio dei carcerati, di conventi come quello di Astino e i 72 archivi privati di grandi famiglie, con storie patrimoniali e sociali. Tra i fondi di rilievo quelli sul Risorgimento: larchivio Camozzi Danieli, che contiene le carte di Gabriele Camozzi, lattività politica di Giuseppe Gamba, che ebbe rapporti stretti con la famiglia Camozzi, il fondo dello statista Silvio Spaventa, gli archivi delle famiglie Albani, MartinengoColleoni, Suardo, Terzi, VimercatiSozzi, Quarenghi, con la raccolta di disegni. Quelli degli architetti Muzio, Angelini e Pizzigoni. Non solo ci restituiscono le vicende storiche e patrimoniali di importanti personaggi, ma anche gli epistolari, come quello di Guglielmo Lochis, che racconta gli acquisti delle proprie opere darte continua la direttrice . Tra i punti di forza della Mai il suo essere luogo di connessione e rimandi tra diverse tipologie di materiali: uno studioso legge un documento darchivio e poi può trovare notizie da approfondire nei periodici locali. Nellarco di una stessa giornata e luogo, si passa da un testo originale a volumi aggiornati. Non dimentichiamo poi il nostro catalogo online e il lavoro di digitalizzazione del patrimonio librario. La Mai è luogo di inediti, rappresentati dai manoscritti. Davanti a un patrimonio così vasto conclude Manca linedito è allordine del giorno.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news