LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gli arazzi di Raffaello
Paolo Conti
Corriere della Sera - Roma 18/2/2020

Unemozione nuovissima, per noi contemporanei, ma che ha quattrocento anni di storia alle spalle. Un impatto fortissimo. Di fronte al visitatore, ecco la gloriosa monumentalità delle storie di San Pietro e San Paolo raccontate dagli arazzi disegnati da Raffaello Sanzio sui cartoni preparatori tra il 1515 e il 1516, poi spediti a Bruxelles per la realizzazione nella bottega dal grande tessitore Pieter van Aelst. Giunsero in Vaticano tra il 1519 e il 1521 e Raffaello non li vide mai esposti tutti insieme, perché morì, improvvisamente, il 26 dicembre 1519.

Oggi i Musei Vaticani regalano la straordinaria e irripetibile opportunità di ammirare questi assoluti capolavori di Raffaello, voluti da Papa Leone X Medici, solo fino a domenica, proprio lì, nella Cappella Sistina, esposti nei riquadri più bassi: sotto la Volta di Michelangelo (conclusa nel 1512) e accanto al suo Giudizio Universale (che sarebbe arrivato solo dopo il 1535) ma anche sotto Botticelli, Pinturicchio, Ghirlandaio, che già risplendevano nella fascia centrale della Sistina.

Raffaello ricorre alla sua impareggiabile maestria non solo formale ma anche narrativa, alla sua capacità di tradurre la Fede in ogni singola scena spettacolare, una sconvolgente calamita darte capace di catturare lanima più segreta di qualsiasi visitatore. Il Cristo con labito bianco e dorato che consegna le Chiavi della Chiesa a Pietro, la conversione di Saulo che sembra il frammento di un kolossal cinematografico profetizzato nel cuore del Rinascimento. Solo due gemme tra le tante. E poi le scene di massa che non smarriscono mai la puntualità del dettaglio. Si esce dalla visita quasi travolti da un eccesso di Bellezza.

I Musei Vaticani espongono nella Cappella Sistina i dieci arazzi raffaelleschi solo per pochi giorni, per evitare stress strutturali alle opere, in occasione del V centenario della morte di Raffaello Sanzio. Come spiega il direttore dei Musei Vaticani, Barbara Jatta, lintenzione dei musei del Papa è condividere la stessa Bellezza in omaggio al divino Raffaello a cinquecento anni di distanza. Per comprendere bene Raffaello, bisogna venire in Vaticano.

Gli arazzi, estremamente delicati e sottoposti a continui monitoraggi, sono di solito conservati nelle Collezioni Vaticane ed esposti a turno nel Salone di Raffaello della Pinacoteca Vaticana. Si tratta di una irripetibile rievocazione storico-artistica del loro uso cerimoniale: erano esposti durante le più solenni funzioni religiose. Lampiezza della Cappella Sistina, e lo stesso impianto di illuminazione, aiutano ben più che nella Pinacoteca Vaticana (inevitabilmente più stretta) a comprendere fino in fondo anche il miracolo delle prospettive, tra disegno e tessuto. Grandi trenta metri quadrati , pesanti sessanta chili ciascuno, tessuti in fili doro: Per issarli e posizionarli lassù ha raccontato ieri durante la presentazione la curatrice dei Reparti Arazzi e Tessuti dei Musei, Alessandra Rodolfo sono servite tredici ore.

Lomaggio è stato possibile grazie a un corale sforzo della macchina dei Musei Vaticani. Luso cerimoniale degli arazzi è stato pazientemente ricostruito in anni di studi sulle scarne notizie storiche sulle funzioni solenni in cui venivano esposti.

Raffaello non potè mai ammirare tutti gli arazzi finiti nella Cappella Sistina: morì prima della loro conclusione. Questo privilegio tocca oggi a noi, spettatori stupiti del 2020: la riprova di un genio assoluto, di un supremo Maestro che, nel frutto finale del suo lavoro, ammette anche il suo debito verso Michelangelo, in un tributo evidente e silenzioso.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news