LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Da Atene a Roma: Ora il Regno Unito ci restituisca le opere darte
L. Ip.
Corriere della Sera 20/2/2020

Inserita in una clausola della bozza di divorzio

Londra. Lhanno già chiamata la clausola del Partenone: lUnione Europea ha inserito un codicillo, nelle linee negoziali per la fase 2 della Brexit, che sembra condizionare il raggiungimento di un accordo con Londra alla restituzione delle opere darte custodite nei musei britannici, a partire dai marmi sottratti nellOttocento dallAcropoli di Atene.

I governi europei stanno discutendo in questi giorni la posizione da tenere nelle trattative per un futuro accordo commerciale post-Brexit tra la Gran Bretagna e la Ue. Il documento finale sarà pronto la prossima settimana, ma nella bozza è stato inscritto un passaggio su richiesta della Grecia, ma dietro insistenza anche dellItalia, della Spagna e di Cipro che recita: Le parti dovranno affrontare le questioni relative alla restituzione ai Paesi di origine degli oggetti culturali rimossi illegalmente.

Le autorità di Atene hanno negato che il passaggio si riferisca direttamente ai marmi del Partenone, che vennero portati in Inghilterra fra il 1801 e il 1805 da Lord Elgin, o di aver posto la loro restituzione come condizione per il raggiungimento di un accordo commerciale con Londra. Ma è anche vero che il mese scorso la ministra greca della Cultura, Lina Mendoni, aveva detto di aspettarsi dopo la Brexit il sostegno dellEuropa alla loro richiesta di riavere indietro le sculture dellAcropoli.

È più probabile che la clausola si riferisca alla necessità di maggiore cooperazione contro il contrabbando di opere darte, visto che Londra è una delle capitali del mercato nero per questo tipo di oggetti. Ma è evidente che è bastata solo evocarla per riaprire la questione dei capolavori custoditi nei musei britannici e giunti lì, come i marmi del Partenone, in circostanze non limpidissime.

Lantefatto

La Grecia aveva chiesto il sostegno dellUe per riavere indietro le sculture dellAcropoli

Negli ultimi tempi sono stati soprattutto i Paesi africani a reclamare la restituzione di tesori sottratti in epoca coloniale: la questione ha suscitato un ampio dibattito in Gran Bretagna e diversi musei, incluso il British, hanno cominciato a rimandare indietro la refurtiva e a fare ammenda del loro passato imperialista.

Non tutti però sono daccordo: cè chi sostiene che quelle opere siano meglio conservate nei musei occidentali e rese così accessibili a un pubblico più vasto, che non potrebbe recarsi facilmente nei Paesi dorigine.

Proprio il British Museum, quasi a voler giustificare il possesso dei marmi del Partenone, aveva organizzato non molto tempo fa una mostra su Auguste Rodin, allo scopo di sostenere che il grande scultore francese si era potuto ispirare alle sculture greche grazie al fatto di averle potute ammirare a Londra, mentre gli sarebbe stato difficile fare lo stesso nellAtene di allora.



news

04-04-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 aprile 2020

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

Archivio news