LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I rischi di unarcheologia ridotta a show
Paolo Conti
Corriere della Sera 23/2/2020

Dalle Piramidi Bosniache al cranio di Plinio il Vecchio: quegli annunci (azzardati) di scoperte clamorose che non fanno bene alla scienza

Se si ha linteresse, o la necessità, di far apparire una qualunque scoperta archeologica come una novità clamorosa, questo significa che clamorosa non è... Paolo Matthiae è uno dei più autorevoli archeologi non solo italiani ma internazionali. A lui si deve una vera storica scoperta clamorosa: la antichissima città di Ebla, nella Siria settentrionale. Quindi ha lautorità scientifica per sorridere sui continui annunci di ritrovamenti sensazionali che piovono da tutto il mondo.

Pochi giorni fa, sul New York Times, rispondendo alle domande di Franz Lidtz lautorevolissima classicista Winifred Mary Beard dellUniversità di Cambridge (autrice di prestigiosi saggi come Pompeii: the life of a Roman Town, nominata Dame da Elisabetta II per meriti culturali) ha implacabilmente bollato come una notizia falsa al 90% lannuncio del ritrovamento del cranio di Plinio il Vecchio tra i reperti del Museo storico dellarte sanitaria a Roma. Il pilota delloperazione Cranio di Plinio il Vecchio, Andrea Cionci, parla di molte coincidenze e nessun dato contrario.

Altra, recentissima diatriba, sempre a Roma, su unaltra notizia-scoop: la scoperta della Tomba di Romolo nel cuore del Foro Romano, rimbalzata giorni fa con enorme clamore in mezzo mondo: reperti rinvenuti sotto la scala della Curia ricostruita negli anni 30 del 900 da Alfonso Bartoli. Un altro grande archeologo, Andrea Carandini, ha immediatamente (e polemicamente) derubricato il tutto a ritrovamento di elementi già noti: niente tomba ma monumento per un culto successivo alla morte del Fondatore di Roma.

Una posizione durissima. Infatti venerdì scorso il direttore del Parco Archeologico del Colosseo, Alfonsina Russo, ha in sostanza confermato la tesi di Carandini, gettando acqua sui roventi entusiasmi mediatici: Non è la tomba di Romolo ma è un luogo della memoria dove si celebrava il culto di Romolo, un cenotafio, ovvero un monumento sepolcrale privo del corpo di chi si sta celebrando.

Troppo spesso dopo una ammaliante bomba mediatica emerge una banale realtà persino dozzinale. Indimenticabile, nel luglio 1987, lannuncio del ritrovamento subacqueo delle basi del Colosso di Rodi. Emozione planetaria per una delle Sette Meraviglie del mondo antico.

Per giorni le troupe televisive del Pianeta litigarono sul molo per conquistarsi la postazione migliore. Poi si scoprì che le ipotizzate tracce di quattro dita della statua-faro erano il misero, volgare frutto del lavoro di una contemporanea escavatrice su una povera pietra di tufo. Addio al ritrovamento del secolo.

Racconta Andreas Steiner, direttore del mensile Archeo fondato nel 1985: Ogni anno, puntualmente, viene divulgata la notizia del ritrovamento dellArca di Noè, ovviamente dalle parti del Monte Ararat in Turchia. Una superbufala ricorrente, anche perché il Diluvio Universale è un racconto di fatto mitico. Eppure ogni volta trova spazio sulla Rete e su alcuni giornali. E puntualmente in redazione ridiamo come pazzi. Così come abbiamo a lungo riso sulle cosiddette Piramidi Bosniache vicino a Sarajevo, sulla collina Visočica. Sono semplicemente il frutto di formazioni naturali ma cè chi ha costruito un business.

Il riferimento è allo scopritore Semir Osmanagić, piccolo industriale locale e archeologo dilettante, che le ritiene antiche costruzioni umane risalenti a 12.000 anni fa. Ha anche scavato larea, con grande preoccupazione dellUniversità di Sarajevo che ha temuto danneggiamenti per la (vera) città medioevale di Visoki. Ma i giornali sono arrivati e la storia è apparsa su chissà quante prime pagine.

Larcheologia show ha mille inconvenienti, spiega Andreas Steiner: La Rete tende ad amplificare le notizie false, sparate un giorno e destinate a sparire quello successivo. E invece, magari nello stesso momento, non vengono seguite con la doverosa attenzione le autentiche scoperte che, faccio un esempio italiano, continuamente emergono dagli scavi di Vulci. Non cè alcun clamore, ma la sostanza scientifica cè. Quei risultati sì, che dovrebbero fare titolo.

La confusione è enorme, nella comunicazione sullarcheologia. Ne sa qualcosa Ugo Picarelli, fondatore e direttore dal 2015 della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico a Paestum: Ogni anno assegniamo il premio alla scoperta più importante dellanno. Per essere certi del valore scientifico, chiediamo le candidature alle più prestigiose riviste archeologiche europee: in Italia Archeo, in Germania Antike Welt, in Francia Dossiers dArchéologie, in Svizzera Archäologie der Schweiz, in Gran Bretagna Current Archaeology. Abbiamo intitolato il premio allarcheologo-martire di Palmira, Khaled al-Assad, dunque è obbligatoria la massima autorevolezza. Nel 2019 abbiamo premiato il Black Sea Maritime Archaeology Project per il ritrovamento, davanti alla costa bulgara, di una nave sommersa del V secolo avanti Cristo.

Ci vuole, insomma, serietà. Paolo Matthiae cita un episodio che lo riguarda: Nel 1975, quando trovammo gli archivi di Ebla, Sabatino Moscati pubblicò la notizia sul Corriere della Sera. Due giorni dopo mi chiamò il corrispondente del Times di Londra e mi mitragliò di domande. Gli chiesi perché non si fidasse del più autorevole quotidiano italiano. Mi rispose che si fidava completamente e sempre, ma che la loro regola era risalire in ogni caso alle fonti. Il risultato fu un grande articolo in prima pagina sul Times. Altro che archeologia-spettacolo.




news

09-04-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 aprile 2020

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

Archivio news