LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il prestito contestato del Leone X di Raffaello. Scontro agli Uffizi
Marco Gasperetti
Corriere della Sera 26/2/2020

Firenze, il comitato scientifico lascia e critica il direttore

FIRENZE. Da Roma era partito per Firenze con una missione straordinaria: rappresentare il Papa, impossibilitato a viaggiare, alle nozze del nipote Lorenzo, duca di Urbino. Ma chiamarlo avatar ante litteram sarebbe un oltraggio perché Il ritratto di Leone X è uno dei capolavori più sublimi e rappresentativi di Raffaello e per questo è tra i tesori custoditi nella Galleria degli Uffizi.

Adesso, cinque secoli più tardi, il dipinto che ritrae il pontefice con i cardinali Giulio de’ Medici e Luigi de’ Rossi, è tornato nella capitale dopo un recente restauro dell’Opificio delle Pietre dure (sponsorizzato da Lottomatica), come prestito alla grande mostra su Raffaello Sanzio in programma alle Scuderie del Quirinale, dal 5 marzo al 2 giugno. Ma il viaggio di «ritorno», se pur temporaneo, ha provocato polemiche velenosissime culminate con le dimissioni del comitato scientifico degli Uffizi nominato da ministero, comune, regione e università. Con tanto di lettera aperta nella quale gli storici dell’arte Tomaso Montanari, Donata Levi, Claudio Pizzorusso e il gallerista Fabrizio Moretti, spiegano di aver lavorato per mesi alla lista delle opere inamovibili del museo, 23 in tutto, lista approvata anche dal direttore Eike Schmidt. E in questo elenco c’era il ritratto di Leone X citato come opera identitaria del museo. «La lista degli inamovibili in assoluto e dunque non trasferibili anche in Italia, era stata approvata il 21 ottobre del 2019 con il parere favorevole del direttore degli Uffizi — spiega Montanari, ordinario di storia dell’arte all’università per stranieri di Siena — ma poi, senza neppure avvertirci e senza spiegare il motivo di questa deroga, Schimdt ha deciso di inviare ugualmente l’opera a Roma, smentendo non solo noi ma anche se stesso».

Un altro ex membro del comitato scientifico, Fabrizio Moretti, segretario generale della Biennale dell’antiquariato di Firenze, dice di «rispettare la scelta del direttore, legittima perché non ha violato alcun regolamento», ma allo stesso tempo sottolinea che «se le nostre indicazione non sono state prese in considerazione, non ha senso restare in carica».

Schmidt: è patrimonio di tutti, non inamovibile

Il direttore della Galleria degli Uffizi, Eike Schmidt, parla invece di una lista di opere inamovibili ancora tutta da verificare confermando, comunque, che l’ultima decisione spetta sempre al direttore. «Raffaello non è proprietà di nessuno, ma unisce nella sua bellezza tutta l’Italia — sottolinea —. L’inamovibilità di un’opera vale solo per l’estero ma non sul territorio nazionale come prevede l’articolo 66 del codice dei Beni culturali. Anche perché il Ritratto di Leone X era già stato inviato a Roma tre anni fa prima del restauro in mostra alle scuderie del Quirinale. E nessuno allora disse niente. Dunque ciò che è accaduto mi sembra una ripicca per motivi personali e politici».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news