LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Adriano Olivetti. La capacità di legare insieme territorio e proiezione globale
Giuseppe Berta
Corriere della Sera - Torino 26/2/2020

Il grande imprenditore additato ancora oggi come esempio da seguire

È con la dedica ad Adriano Olivetti maestro dellindustria mondiale che si apre il penultimo, controverso romanzo di Paolo Volponi Le mosche del capitale (1989), un racconto acre sulle dinamiche del potere ai vertici del sistema imprenditoriale italiano. Volponi, un olivettiano che peraltro non aveva mai aderito al Movimento Comunità fondato da Adriano, indicava nella sua figura quella del portatore di unalternativa che il capitalismo aveva scartato e rimosso già allindomani della sua scomparsa improvvisa il 27 febbraio 1960. Trentanni dopo, in fondo, non è cambiato molto perché ancora oggi non sono pochi coloro che ravvisano nellartefice del successo internazionale della Olivetti il profilo di un irregolare, destinato a non essere ascoltato dallestablishment economico e politico.

Eppure Adriano Olivetti ai suoi tempi non fu affatto un profeta disarmato. Fu un imprenditore allora glorificato fra i grandi protagonisti del miracolo economico che guadagnò risonanza e consenso nel mondo allItalia industriale e ai suoi prodotti. Come si potrebbe fare la storia del boom senza ricordare manufatti dalla eccezionale fortuna di mercato quali la calcolatrice meccanica Divisumma e la Lettera 22; la macchina per scrivere portatile lanciata col primo slogan glocal che si ricordi: Questa macchina viene da Agliè? In fondo, una delle più originali e resistenti innovazioni di quella Olivetti, della Olivetti di Adriano, era stata di coniugare ladesione al territorio con la proiezione internazionale, Ivrea con la dimensione cosmopolita che gli Olivetti padre e figlio (Camillo prima ancora di Adriano) avevano praticato frequentando gli Stati Uniti fin da giovani. Anzi, additando negli Stati Uniti un modello industriale che bisognava interiorizzare.

Il successo imprenditoriale di Adriano Olivetti fu lungamente costruito. Non negli studi tecnici che aveva frequentato un po di malavoglia, spintovi da Camillo, fino alla laurea in ingegneria conseguita al Politecnico di Torino senza grande convinzione. Ma soprattutto nellapprendimento sperimentale degli anni Venti e Trenta, compiuto attraverso i viaggi di studio in America e in Europa, a osservare organizzazioni più grandi e complesse rispetto a quelle che esistevano in Italia. Così il giovane Adriano aveva imparato che proprio lanalisi dellorganizzazione era la chiave di volta della crescita dellimpresa. Solo che col tempo, già prima della Seconda guerra mondiale, aveva unito agli studi sui modelli che coniugavano la tecnologia con lorganizzazione e la conoscenza, anchessa sperimentale, della pianificazione urbanistica, perché la produzione industriale andava incastonata il più armoniosamente possibile nel territorio. Fino a indurre Olivetti, nella sua maturità, a pensare che fosse possibile ricostruire la struttura istituzionale attorno alla cellula di base della comunità, allo scopo di salvaguardare i caratteri portanti del territorio.

Dalla ricerca del legame organico collambiente e dalla tensione utopica verso una ricostruzione complessiva della società, oltre che dalla attenzione intensa per quanto di nuovo si muovesse sulla scena culturale, deriva la fascinazione che il modello olivettiano ha esercitato sullopinione colta della sua epoca e che i sei decenni trascorsi dalla sua scomparsa non hanno sopito. Olivetti era un uomo della sua epoca con lo sguardo rivolto al futuro, la dimensione in cui era forse più a suo agio. Quando i suoi prodotti meccanici si vendevano benissimo e garantivano elevati livelli di profitto, già presagiva il ruolo che un giorno avrebbe avuto linformatica, un parola nemmeno esisteva.

E poi cera il gusto per il bello trasferito agli oggetti di uso quotidiano e agli ambienti di vita e di lavoro. La bellezza era incorporata in macchine piccole, che la produzione di massa rendeva alla portata di tutti. Così come gradevole doveva essere lo spazio delle fabbriche, dei servizi sociali aziendali, degli asili e delle colonie per i bambini. Chi ha avuto modo di vedere la casa di Adriano Olivetti sulla collina di Monte Navale, a Ivrea, si è potuto rendere conto di quanto diversa sia dalle case dei ricchi. La sua piacevolezza è quella di una quotidianità interpretata in chiave razionalistica, come razionalistica è limpronta che si riscontra negli edifici da lui voluti.

La forza perdurante della traccia olivettiana va colta probabilmente nella varietà degli interventi ispirati da Adriano più che nella chiusa coerenza di un modello oggi ovviamente irriproducibile, tanto grande è la distanza che ci separa dal suo mondo. È chiaro che non cè una lezione olivettiana da tradurre nella realtà attuale e che è giusto ricondurre la personalità stessa di Adriano dal mito alla storia. E tuttavia è altrettanto giusto non dimenticare unesperienza che, oltre a non aver perso il proprio alone culturale, continua a parlare alla sensibilità di chi la vuol conoscere, proponendo una visione straordinariamente articolata dellimpresa, che per contrasto rivela la povertà di tanti stereotipi dominanti.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news