LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Raffaello a Roma, una bufera agli Uffizi
Edoardo Semmola
Corriere Fiorentino 26/2/2020

Il « Leone X» nella mostra al Quirinale: il comitato scientifico contesta e si dimette

Raffaello va, Raffaello resta? Ha deciso Schmidt. Punto. Anche se il Comitato scientifico non ci sta, si irrita, si dimette in blocco: Donata Levi, Tomaso Montanari, Fabrizio Moretti e Claudio Pizzorusso, in polemica con il direttore hanno abbandonato la loro poltrona agli Uffizi. Nel silenzio del ministero presieduto da Dario Franceschini che al momento non commenta quanto accaduto nelle stanze del primo museo italiano nella giornata di ieri.

È scoppiato il caso del Ritratto di Leone X di Raffaello. Volato a Roma per la grande mostra dedicata ai cinquecento anni dalla morte del pittore. Il dipinto era stato inserito nella lista delle 23 «opere inamovibili» del museo, stilata dal comitato e controfirmata da Schmidt. Il quale poi, con decisione autonoma (in fondo è direttore di uno dei 20 musei autonomi italiani) ha deciso di non tenere conto di quanto fatto e detto dal comitato, decidendo di mandarlo lo stesso a Roma.

Quando ieri hanno letto che il dipinto si trovava già alle Scuderie del Quirinale — la mostra è in programma dal 5 marzo al 2 giugno, salvo slittamenti da coronavirus, e sono già oltre 70 mila i biglietti venduti in tutto il mondo — i membri del comitato scientifico sono saltati dalla sedia. Anzi, l’hanno proprio lasciata vuota. Irritati loro. Irritato lui, Schmidt. Che gioca di rimessa e parla di «attacco strumentale». E rivendica il suo gesto come «patriottico».

Si era già parlato di quest’opera e di un suo ruolo importante in vista del centenario del pittore, tre anni fa, quando fu annunciato il restauro dell’Opificio delle pietre dure grazie al finanziamento di Lottomatica. In una lettera indirizzata agli enti che li hanno nominati, Ministero, Università e comune di Firenze, Donata Levi, Tomaso Montanari, Fabrizio Moretti e Claudio Pizzorusso scrivono di aver «lavorato per mesi alla lista», al cui numero 21 figurava appunto il Raffaello identitario del museo, e che questa era stata «approvata anche da Schmidt» nella riunione del 9 dicembre scorso. Mesi buttati via, sostengono. «Oggi siamo venuti a conoscenza dalla stampa — scrivono i membri del comitato scientifico — che il dipinto si trova già nella sede espositiva di Roma. Pensiamo che tenerci occupati per mesi nella stesura di liste poi inapplicate vanifica l’esistenza stessa del comitato». E aggiungono: «Pensiamo che le dimissioni collettive renda ineludibile un ripensamento e una ridefinizione del ruolo dei Comitati Scientifici nel governo dei musei autonomi». La risposta di Schmidt non si fa attendere. Ed è dura: «Quello di oggi è un attacco palesemente strumentale, visto che appena tre anni fa il dipinto, prima del restauro, fu mandato proprio alle Scuderie del Quirinale per una mostra. Allora nessuno (e nessun comitato) ebbe niente da ridire. Ma oggi, evidentemente, qualcuno aveva voglia di visibilità a spese di Raffaello e dell’orgoglio italiano». In fondo, sostiene il manager di Friburgo, la mostra «non poteva fare a meno del Leone X , un capolavoro che tra l’altro è in ottima salute e in perfetta condizione di viaggiare».

Ha da dire la sua anche sulla lista, Schmidt: «Fu stesa in risposta alla norma che disciplina l’esportazione dei beni artistici fuori dal territorio nazionale». E Roma «non solo si trova all’interno dell’Italia, ma ne è la capitale». Dunque «rivendico pienamente il patriottismo di questa decisione». Gli Uffizi, aggiunge, «sono orgogliosi di poter contribuire con una cinquantina di opere a un’esposizione che già fin da ora è destinata ad entrare nella storia della museologia mondiale». Per Marco Ciatti, soprintendente dell’Opificio, «il Leone X è in condizioni perfette», nessun «rischio per la sua “salute”». Perché «l’intervento è stato effettuato secondo i più avanzati criteri e metodi: il Papa sta benissimo, non esiste alcuna ragionevole possibilità che gli venga recato danno». Ovviamente da Roma la vedono come Schmidt. E ritengono «giusta e più che opportuna la presenza in mostra del Ritratto di papa Leone X con i cugini cardinali Giulio de’ Medici e Luigi de’ Rossi». Parola degli storici dell’arte che compongono il comitato scientifico della mostra, Sylvia Ferino, Francesco Paolo Din Teodoro e Vincenzo Farinella. Che sottolineano come «l’intero progetto scientifico della mostra si è focalizzato fin dal primo momento intorno a quest’opera cruciale».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news