LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Perugia. Ereditano reperti etruschi dai nonni e dopo la segnalazione alla Soprintendenza finiscono sotto processo
Umberto Maiorca
Perugia today, 28/02/2020

I beni erano stati dati agli anziani parenti in cambio di un pasto caldo nella loro osteria quasi un secolo fa. Per oltre tre anni non hanno ricevuto risposta dallo Stato su cosa fare di quegli oggetti. Il giudice dà ragione agli imputati: assolti e beni restituiti


Reperti archeologici affiorati dalle campagne attorno alla città e dati al nonno in cambio di un piatto caldo. Un possesso, mai denunciato allinizio del secolo scorso, ma testimoniato dalle fotografie di famiglia, dove due ragazzini posano accanto a delle vetrine con quei beni archeologici sui quali lo Stato avrebbe avuto la prelazione, ma che non ha esercitato neppure quando ne è venuto a conoscenza. Per i due fratelli, eredi anche di quei beni, invece, si sono aperte le porte del tribunale per tutta una serie di violazioni di legge sul rinvenimento e il possesso di beni archeologici.

I due imputati, difesi dallavvocato Michele Capocchi, accusati di aver detenuto per trarne profitto il materiale archeologico di proprietà dello Stato, tentando di venderne una parte a una casa dasta, si difendono e sostengono di aver segnalato più volte alla Soprintendenza e ai Carabinieri di possedere quei beni, ma di non aver mai avuto risposte alle loro istanze. Solo quando hanno deciso di venderli, ad oltre due anni dalla richiesta allo Stato di stabilire se era legittimo il possesso o dovessero entrare nel patrimonio artistico e storico di qualche museo, si sono visti intimare lo stop a qualsiasi azione. Cosa che hanno fatto. Eppure sono finiti sotto processo.

Quei cinquanta pezzi archeologici (oinochoe villanoviano in bucchero; una testa votiva femminile in terracotta; 10 asce in bronzo; una situla e freccia in bronzo; 2 anse in bronzo; 2 unguentari in vetro; 2 statuette votive in bronzo; un anello in bronzo; una collana con elementi in faience)erano venuti in possesso dei due imputati per diritto di successione ereditaria. Loro stessi ricordano di aver visto quegli oggetti nella casa dei nonni e dei genitori da sempre. Molti pezzi erano stati dati ai nonni dai contadini in cambio di un pasto nellosteria gestita dai parenti. Morti i genitori, quando hanno deciso di ripulire labitazione, i due fratelli hanno anche deciso di approfondire la questione e avevano denunciato alla Soprintendenza i reperti. Senza avere risposto.

Passato oltre un anno avevano reiterato la richiesta, portando anche un album fotografico con tutti i pezzi catalogati. Trascorso un altro anno e senza risposta, sulla base del principio del silenzio-assenso, avevano deciso di mettere tutto in vendita. Allimprovviso arrivava la lettera della Soprintendenza: non agire senza aver prima dimostrato la legittimità del possesso. I Carabinieri intervenivano e metteva i beni sotto sequestro. Il principio di legge è quello del 1909: tutti i beni archeologici trovati nel sottosuolo italiano sono di proprietà dello Stato. I privati che possiedono tali beni devono dimostrarne il legittimo possesso (come nel caso delle gallerie e collezioni darte di antiche famiglie nobili, ad esempio). I due imputati, come sostiene il loro legale hanno sempre agito in buona fede e nel rispetto della legge e quei beni, seppur in maniera non dimostrabile con documenti erano in casa loro da quasi un secolo.

Al termine dell'udienza il giudice ha dato ragione agli imputati assolvendoli con formula piena e dissequestrando i beni archeologici. "I miei clienti adesso si confronteranno con la Soprintendenza - ha detto l'avvocato Capocchi - per valutare il valore dei reperti e l'interesse storico archeologico per lo Stato".

https://www.perugiatoday.it/cronaca/reperti-etruschi-dei-nonni-in-casa-denunciati-processo-perugia.html


news

02-04-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 2 aprile 2020

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

Archivio news