LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Scoprite l’arte a cielo aperto
Alessandro Martini - Maurizio Francesconi
Corriere della Sera - Torino 29/2/2020

Un itinerario tra statue e installazioni in strade e piazze

Non ci facciamo più caso, ma con i musei chiusi diventano un’occasione di nuova conoscenza

In una città in cui i turisti sono costretti a osservare sconsolati i portoni chiusi di tutti i musei, per fortuna c’è molto da vedere anche all’aperto.

A Torino l’arte riempie strade, piazze e parchi, e non da oggi. Fin dall’Ottocento l’ex capitale d’Italia è anche un fulcro di arte pubblica, celebrativa e non solo. Negli ultimi anni, poi, si sono moltiplicati i progetti di arte urbana con opere posizionate in luoghi anche inaspettati.

Vale dunque la pena, per i turisti in questione (ma anche per molti cittadini), andare a fare una bella passeggiata en plein air, certi oltretutto di sfuggire ai virus acquattati nei bus, pronti a colpire quando uno meno se lo aspetta.

Alla scoperta di aspetti nuovi e inattesi della città, potrebbero spaziare dal centro cittadino per arrivare fin nelle periferie, luogo prediletto (da anni) per progetti di arredo e riqualificazione urbana.

Il piercing di piazza Corpus Domini, il cui vero nome è «Baci Rubati» (1996), è ormai un grande classico. Lo si deve all’ironia di Corrado Levi in collaborazione con gli architetti di Cliostraat. All’inizio guardato con poca convinzione dai torinesi, è ora uno degli orgogli della città, ormai amato anche da quelle signore della buona borghesia che seguono la messa nella chiesa proprio lì davanti e che di piercing sanno ben poco.

Sempre in centro, nel cuore esclusivo di Borgo Nuovo, ci si può spingere fino all’aiuola Balbo dove, tra gli alberi, sta assiso un ospite a sorpresa: il Mahatma Gandhi. La statua fu donata dal Governo indiano alla nostra città e lì è ancora oggi, rassicurante e pacifica.

Proprio davanti alla Gam-Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea fa bella mostra di sé «In Limine», opera di Giuseppe Penone , uno dei più grandi artisti viventi (basti pensare che un suo «albero» si trova al centro del nuovo e grandioso Louvre di Abu Dhabi). L’opera (un enorme tronco sradicato) gli fu commissionata nel 2011 dalla Fondazione De Fornaris, in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Non è una semplice scultura, è poesia pura.

Per gli appassionati di arte urbana, è imperdibile il Mau-Museo d’Arte Urbana, il primo museo diffuso d’arte contemporanea all’aperto in una grande città. Si trova nel Borgo Vecchio Campidoglio ed è anche grazie a questo progetto (170 opere realizzate sui muri delle case e nelle piazze) che il quartiere ha riguadagnato fascino agli occhi dei turisti e dei torinesi.

Mario Merz è invece l’autore della «Fontana Igloo» (2002) posizionata sulla Spina 2. Si tratta di un igloo (come da marchio di fabbrica del maestro dell’Arte Povera) con una struttura ricoperta da lastre di pietra e luci al neon che indicano i punti cardinali.

Poco distante, in largo Orbassano, è «Opera per Torino» (2004-05) del danese Per Kirkeby, anch’essa parte del progetto «13 artisti per il Passante Ferroviario», avviato nel 1998 e tuttora uno dei più ambiziosi interventi di arte pubblica a livello italiano.

Nella vicina piazza d’Armi è «Punti di vista» di Tony Cragg proprio in faccia al Pala Alpitour. L’artista britannico è uno dei grandi nomi della scultura contemporanea, da anni nella scuderia della galleria Tucci Russo, con sedi a Torino e Torre Pellice.

Più a nord, in Barriera di Milano, la star assoluta è Millo. Brindisino, classe 1979, è lo street artist autore dei 13 murales posizionati sulle facciate di molti palazzi del quartiere grazie al progetto B.Art-Arte in Barriera. Allegri e complessi, è impossibile non rimanerne affascinati.

Per chi vuole unire «sacro e profano», il murale di Mr Wany, all’angolo tra via Maria Ausiliatrice e via Cigna, ritrae Don Bosco nelle fasi principali della sua vita. E rimanendo in argomento sacralità si può terminare questa giornata facendo una passeggiata serale fino alla Gran Madre, clamorosa replica del Pantheon di inizio Ottocento, fotografatissima e star assoluta su Instagram. È con il buio, infatti, che si illumina di mille sfumature, grazie all’intervento di Richi Ferrero.

Di fronte, sulle arcate del ponte, è la scritta al neon «Doppio passaggio (Torino)» del grande Joseph Kosuth. Anch’essa da ammirare in notturna.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news