LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Floridiana, riapertura sempre più . il pino abbattuto giace a terra da mesi
Fabrizio Geremicca
Corriere del Mezzogiorno - Campania 29/2/2020

Albero caduto davanti al «Duca di Martina»

In corso i lavori di messa in sicurezza

Napoli. Sessantasei giorno dopo la sua caduta, che ha determinato la chiusura del parco, il pino è ancora lì dove si era schiantato. Esattamente di fronte al Muso Duca di Martina, ma ad alcune decine di metri di distanza, nel bel mezzo dell’aiuola centrale della Floridiana.

Oltre due mesi non sono bastati, dunque, a rimuovere il tronco e la chioma. «Magari — ironizza uno degli addetti alla biglietteria del museo, al quale si accede dall’ingresso di via Aniello Falcone, perché quello principale su via Cimarosa è sbarrato — sole e pioggia lo consumeranno prima o poi». Si ride per non piangere, perché quel pino abbattuto in mezzo al prato e non rimosso da oltre due mesi non lascia davvero sperare nulla di buono circa i tempi di riapertura al pubblico dell’unico polmone verde di una certa ampiezza nel quartiere Vomero. Se queste sono le modalità di rimozione di una pianta, per quanto grossa, vien da riflettere, l’attesa della parziale messa in sicurezza delle aree aperte al pubblico fino al 23 dicembre potrebbe essere biblica. D’altronde, come raccontava a gennaio il Corriere del Mezzogiorno , il ministero per i Beni culturali, in risposta alle richieste di informazioni di Gennaro Capodanno, l’ex presidente della circoscrizione Vomero, ha scritto, testualmente, che la Floridiana riaprirà entro l’estate. Non basta.

Quel pino che occupa mezza aiuola e che si scorge al di là delle recinzioni induce pensieri di pessimismo anche riguardo all’efficienza ed alla tempistica di utilizzo dei circa due milioni di euro di fondi ministeriali che, secondo annunci risalenti ormai a dodici mesi fa, dovrebbero consentire di restituire al pubblico il parco nella sua interezza come non accade ormai da molti anni. Quei soldi dovrebbero essere disponibili da giugno, ma tra gare di appalti, possibili ricorsi, inefficienze amministrative e lentezze burocratiche il sogno di una Floridiana interamente fruibile, senza più transenne e viali interdetti, rischia di restare tale ancora troppo a lungo. Commenta Ornella Capezzuto, referente a Napoli del Wwf: «E’ fondamentale che si scindano le questioni: quella della manutenzione straordinaria indispensabile a riaprire al pubblico almeno una parte del parco e quella degli interventi più radicali. Auspico che in attesa dei lavori importanti si faccia una rapida verifica della situazione di accesso al prato grande ed alle aree che erano fruibili fino al 23 dicembre affinché con i necessari interventi siano rese di nuovo accessibili».

Parole di buon senso, ma quel pino abbattuto e che sta da due mesi in mezzo al prato racconta che a volte il buon senso è merce rara nella gestione del verde pubblico. Stona, peraltro, il silenzio assoluto del Polo Museale sulla vicenda, che meriterebbe aggiornamenti puntuali alla città che non siano gli stringati avvisi di chiusura pubblicati sul sito ufficiale.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news