LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Guida ai tesori (anti paura) nei musei civici
Edoardo Semmola
Corriere Fiorentino 29/2/2020

Acidini spiega i capolavori che domani saranno visibili gratis a Firenze

Sarà una domenica al museo, a metà. Con il Ministero che ha deciso di sospendere la domenica gratuita nei musei statali, mentre i musei civici che la mantengono. Quella di domani sarà la prima a saltare da quando il ministro Dario Franceschini ha reintrodotto questa tradizione. Ma la differenza tra i due approcci non si ferma qui, perché Dario Nardella ha deciso di rilanciare: e anche dal 6 all8 marzo i musei comunali torneranno ad essere aperti e gratuiti contro la fobia da coronavirus. Il suo è un appello ai cittadini, un segnale contro la paura del contagio. Che si combatte con la cultura. Segnale ripreso anche dal sistema museale dellEmpolese Valdelsa che risponde con 20 aperture straordinarie, dal museo di Benozzo Gozzoli a Castelfiorentino a Casa Boccaccio a Certaldo, ai musei Archeologico e della Ceramica di Montelupo Fiorentino.

Il viaggio è lungo e pieno di meraviglie: meglio dotarsi di un esperto Virgilio per accendere la luce sui musei civici fiorentini. Il sindaco Dario Nardella ha lanciato lappello: combattiamo la fobia da coronavirus visitando i musei. Ha confermato la Domenica del fiorentino con lingresso gratuito, domani, nei musei civici che verrà poi replicato a marzo. Sono dieci i musei civici, ma solo sette quelli coinvolti: mancano Palazzo Medici Riccardi e i due ancora chiusi, Galleria Carnielo e Forte Belvedere. Il nostro Virgilio è la storica dellarte Cristina Acidini.
Palazzo Vecchio

Ovviamente partiamo da Palazzo Vecchio. Cristina Acidini non ha dubbi: Insieme alla Cattedrale, è il luogo maggiormente identitario della città. E vale la pena usare tutte le opportunità di visita che concede: dai grandi spazi come i salone dei Cinquecento e dei Dugento, la sala delle Udienze, meravigliosi spazi al piano nobile e al secondo piano, agli appartamenti e alle realtà più nascoste come studioli, passaggi, altane, spesso sfuggenti. Il consiglio che dà Acidini è: Concedetevi tempo. Io ne passerei tanto a guardare anche solo per terra: pavimenti rarissimi e bellissimi di terracotta bianca e rossa di Montelupo, con gli emblemi del duca Cosimo. E altrettanto a lungo si soffermerebbe nella sala degli Elementi che rappresenta uno dei passaggi fondamentali di tutta la mitografia costruita da Vasari in omaggio a Cosimo e al suo potere. Un esempio su tutti: Saturno che castra Urano di Vasari nella corona del potere primigenio della creazione da cui prende vita lintero cosmo. Cè una Nascita di Venere che vede Vasari interpretare e non imitare Botticelli. E gli dei marini che offrono al duca prospera navigazione e il godimento dei suoi domini. Chi ama le allegorie, avrà pan per i suoi denti. E poi la sala è stata restaurata di recente e gli affreschi parietali sono tornati a una luminosità davvero affascinante. Per questo il viaggio lei lo inizia da lì: Dalla creazione, dal punto zero.

Cercare, scovare, incuriosirsi. Palazzo Vecchio offre tutto questo, non una semplice contemplazione del bello. Unaltra caccia divertente da fare è quella agli emblemi dei Medici prosegue la nostra Virgilio e non parlo solo degli stemmi araldici con le palle. Quella parte è facile. Ma quelli nascosti? La tartaruga con la vela, il capricorno con le stelle, le due ancore con la scritta duabus a significare i fondamenti del potere di Cosimo: lalleanza con lImpero e lo Stato di Toscana.

Santa Maria Novella
Non esiterei un attimo a recarmi in Santa Maria Novella. Seconda tappa. Suppellettili religiose, dipinti, sì. Ma è al Cappellone degli Spagnoli, affrescato da Andrea di Bonaiuto, dedicato a temi religiosi e tutti afferenti allordine domenicano, che dobbiamo correre. Il visitatore stia attento a due curiosità. La prima: cosa significano i cani bianchi e neri? Molti non immaginano che alludano allordine domenicano stesso. Lordine dei domini canes, i cani di Dio, con manto bicromo appunto. Si vedevano come cani al servizio del padrone contro i pericoli. Il padrone è Dio. Il pericolo è leresia. Laltra curiosità è la presenza della cupola di Santa Maria del Fiore quasi completa. Comè possibile, visto che al tempo di Andrea di Bonaiuto, il Brunelleschi non era ancora nato? Il motivo sta nel progetto di Arnolfo di Cambio che prevedeva già che la Cattedrale diventasse quasi come la vediamo adesso. Non è Ritorno al futuro ma uno sguardo al futuro, quello di Arnolfo. Basta fare pochi passi ed eccoci nel Chiostro verde. Un capolavoro assoluto di pittura murale purtroppo sofferente per i danni subiti in passato. Alla sua realizzazione hanno partecipato molti pittori ma è da notare il magistrale intervento di Paolo Uccello con la sua lunetta del Diluvio universale: una fuga prospettica mai vista prima.

Museo Novecento
Il Museo Novecento è la terza tappa. Dallaltra parte della piazza. La collezione temporanea è di qualità, costituita in gran parte dalla raccolta Alberto Della Ragione. Particolarmente interessante è il nucleo di donazioni che molti artisti da tutto il mondo fecero quando Firenze venne colpita dallalluvione, su appello di Carlo Ludovico Ragghianti. Per questo si ha un allestimento con elementi di casualità ma lidea stessa di un risarcimento alla città è un progetto culturale.

Museo Bardini
È un peccato che il Bardini sia il meno visitato, perché vi si trova di tutto. Acidini usa una provocazione: È li museo meno provinciale di una città che certo non possiamo dire abbia musei provinciali. Allora, qual è il senso? Il suo pregio è che mentre la maggior parte degli altri musei si concentrano sullarte fiorentina, Stefano Bardini inseguiva la qualità senza porsi limiti geografici. Dallarte del cuoio alle sculture, le arti applicate, la ritrattistica, ha una raccolta sterminata e unica per curiosità e pregio .

Cappella Brancacci
Rifacendoci al famoso proverbio della botte piccola con il vino buono, eccoci al Carmine: Masaccio è il vino buono e la Cappella Brancacci la botte piccola. Ma non cè solo Masaccio, lintera chiesa carmelitana è un gioiello che rimanda a ciò che Luca Giordano darò a Palazzo Medici Riccardi .

Fondazione Romano
Sempre in Oltrarno cè la Fondazione Salvatore Romano con lAngelo adorante di Tino di Camaino e limportante collezione di sculture romaniche di Romano, una delle rare presenze a Firenze dellarte di questo periodo.
Museo Bartali

Lultimo della lista è il Museo Bartali che Cristina Acidini ha visto nascere perché a quellepoca era soprintendente del Polo Museale. È il più giovane dei musei metropolitani, tutto da scoprire.



news

02-04-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 2 aprile 2020

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

Archivio news