LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Cancellate sì o no. Il doppio peso del degrado
Corriere Fiorentino 1/3/2020

Essere costretti a recintare uno spazio pubblico è sempre una sconfitta. Ma ammettere di avere perso una battaglia può essere più saggio che fare finta di nulla, andando incontro ad altre disfatte. Dovrebbe indurre a riflettere quanto sta avvenendo a Firenze, intorno a due chiusure: quella di via dell’Ortone, e quella da tempo reclamata da padre Pagano, priore di Santo Spirito, che chiede la recinzione non della piazza, ma del sagrato della basilica. Stanco di vedere un luogo consacrato ostaggio di tossicodipendenti, ubriachi, vagabondi, il sacerdote ha elaborato un progetto di cancellata che permetterebbe la tutela del monumento. La sua proposta non è stata ancora presa in esame, ma fin d’ora sono trapelate perplessità da parte delle autorità comunali, che invece hanno deciso di concedere il nulla osta alla chiusura notturna di via dell’Ortone, fra piazza Ghiberti e Borgo la Croce. La difformità di trattamento lascia perplessi. E alimenta sospetti di doppiopesismo. Non a caso la prefettura si è precipitata a comunicare di non avere mai autorizzato la cancellata di via dell’Ortone e che deve ancora esaminare la richiesta. Il Comune da un lato permette la privatizza-zione di una strada pubblica, dall’altro non nasconde riserve sulla protezione di un bene proprietà di un ordine religioso. E a questo proposito come non ricordare la chiesa di San Barnaba, che una ringhiera protegge dal degrado di via Panicale? D’altra parte il problema della malamovida non tocca solo Santo Spirito o Borgo la Croce. Quanti vicoli chiederanno di poter recintare l’ingresso nelle ore notturne, per evitare di essere trasformati in luoghi di spaccio od orinatoi? Da vicolo del Panico a piazza de’ Pazzi, per tacere della piazzetta del Giglio, caduta nel degrado dopo la scomparsa di don Stefani, che ne fece la sede del centro culturale Lo Sprone, gli spazi che ambisco-no a essere blindati sono molti. Con che criteri, rifuggendo dalla logica degli «amici degli amici», il Comune selezionerà le richieste? Sono interrogativi da non sottovalutare, alla luce della trasparenza che dovrebbe accompagnare gli atti amministrativi. Nardella non potrà fare a meno di pronunciarsi in prima persona, magari quando l’emergenza Coronavirus si sarà attenuata. Nel frattempo è giusto ricordare che bivaccare su uno spazio sacro non significa farlo vivere, ma calpestarne la dignità, con buona pace di qualche storico inglese che ha trovato l’America a Firenze.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news