LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Riapre la Guggenheim con 60 visitatori nelle sale
Camilla Gargioni
Corriere del Veneto 3/3/2020

Venezia, accessi limitati. Rispettiamo le regole

VENEZIA. Manca un quarto dora alluna e davanti al cancello di ferro battuto della Peggy Guggenheim Collection un gruppo di visitatori aspetta di entrare. Venezia si è svegliata ieri mattina in un primo tentativo di ritorno alla normalità: il decreto di domenica, infatti, ha consentito lapertura dei musei. A una condizione: devono rispettare una fruizione contingentata, mantenendo sospese le attività educative alle scuole, alle famiglie e al pubblico in genere. Alla Guggenheim, sparsi tra un Picasso e una scultura mobile di Calder, così come in biglietteria, ci sono flaconcini di gel igienizzante con letichetta for visitors, a disposizione delle 107 persone che ieri hanno visitato il museo.Cè qualcuno che, anche sotto la pioggia, non ha rinunciato alla terrazza sul Canal Grande osserva Karole Vail, direttrice del museo . Abbiamo riaperto seguendo le norme governative. Domani (oggi, ndr) è il nostro giorno di chiusura, riprenderemo mercoledì sperando che la situazione migliori. Il museo ha poi calcolato un massimo di 60 persone che possano stare allinterno delle sale contemporaneamente rispettando la distanza di un metro. Aperto il museum shop e aumentate le distanze tra i tavolini al cafè, che ha così potuto aprire a differenza di quello del Correr in Piazza San Marco. I dipendenti guardano fuori dalle finestre che affacciano sulla piazza: Due, tre, cinque persone contano . Mai vista così vuota alluna del pomeriggio. Per le sale, la norma si rispetta con il buonsenso, evitando di stare troppo vicini agli altri visitatori: un gruppetto di cinque turisti indossa larghe mascherine bianche, mentre una nonna mostra ai due nipotini a casa dalle elementari il gioco di chiaroscuro sui soffitti. Attraversata una Piazza semideserta, si arriva allingresso di Palazzo Ducale: affissi, in bella vista, i dieci comportamenti raccomandati dal ministero della Salute. Zero code. Tra il personale, qualcuno indossa guanti e mascherina e cè chi conta il numero di persone presenti in sala per accertarsi che le norme vengano rispettate, ovvero che si mantenga una persona ogni tre metri quadrati. Una trentina di persone nella sala del Maggior Consiglio, la più ampia, mentre girando nelle prigioni si sentono risuonare i propri passi. Da una scala allaltra, però, si sente parlare inglese, francese, spagnolo, cinese: i turisti non mancano e lo confermano i numeri della giornata di ieri, con ben 650 ingressi. In totale, i Musei Civici hanno contato 900 visitatori, pur con quattro musei chiusi per giornata di riposo o restauro. E oggi riaprono anche le Gallerie dellAccademia, con il ritorno dopo dieci anni della Nuda di Giorgione.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news