LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. L’idea Montmartre per il Forte (con una cremagliera di vetro)
Mauro Bonciani
Corriere Fiorentino 3/3/2020

L’opera inserita nella variante dell’ex caserma di Costa San Giorgio. L’esempio di Parigi

C’è anche il collegamento a cremagliera tra l’ex caserma di Costa San Giorgio e Forte Belvedere, oltre che nuovi percorsi pedonali tra Boboli ed il Forte, nella variante per il riutilizzo del grande complesso a due passi da Palazzo Vecchio. Una piccola cabina in vetro che, se arriverà l’ok della soprintendenza, del Comune, e tutti i permessi necessari, porterà i cittadini dall’hotel di lusso che nascerà al posto della Scuola di Sanità Militare all’ingresso del Forte posto accanto al cancello da cui si può accedere al giardino e quindi a Palazzo Pitti.

La cremagliera rientra negli atti che Palazzo Vecchio, a gennaio, aveva chiesto al gruppo Lowenstein, proprietario del complesso militare acquistato nel 2017 e su cui sono previsti investimenti per oltre 150 milioni di euro con la nascita di un hotel a cinque stelle dopo aver riqualificato e ristrutturatogli immobili che erano abbandonati da oltre 20 anni. Il voto del Consiglio comunale sulla delibera è slittato alla prossima settimana, complice il dibattito sul coronavirus, ma l’assessore all’urbanistica, Cecilia Del Re, precisa: «Come prescrizioni, abbiamo inserito la fruizione di parte della struttura al pubblico e anche la verifica della fattibilità di un collegamento tra Boboli e il Forte Belvedere. Un’opera che agevolerebbe l’accessibilità del Forte Belvedere e contribuirebbe anche a un miglior governo dei flussi turistici. Per sgombrare il campo da ricostruzioni fantasiose, si tratta di una cremagliera non impattante e nascosta, sullo stile di quella di Montmartre, che deve essere liberamente accessibile ai fiorentini».

Lo studio di fattibilità ha esaminato soluzioni realizzate in altri Paesi come a Lugano e a Parigi appunto, ma anche in Italia, e «l’ascensore» in vetro potrebbe transitare nella ripida stradina a fianco delle mura che collega una parte del parco retrostante la caserma al piazzale davanti alle mura del Forte con i due accessi. Non solo, il progetto prevede che dalla «stazione di partenza» della cremagliera sia possibile andare a piedi a Boboli e Palazzo Pitti, e viceversa, sempre per valorizzare l’intera collina e andare incontro alle richieste dell’amministrazione.

Cuore dell’operazione è però la ristrutturazione dell’ex convento e caserma, ad albergo di lusso: le destinazioni individuate nella variante infatti sono quelle turistico-ricettiva per 86% degli spazi, commerciale relativa alle medie strutture di vendita (9%) e direzionale di servizio (5%), assieme alla sistemazione e utilizzazione delle aree esterne della ex caserma, con l’obiettivo di far rivivere gli antichi orti e le disposizioni ottocentesche a giardino. Gli oneri di urbanizzazione che il gruppo Lowenstein verserà a Palazzo Vecchio saranno utilizzati principalmente per le opere di riqualificazione di costa San Giorgio, dello snodo tra costa San Giorgio e costa dei Magnoli, della scalinata tra costa San Giorgio e piazza di Santa Maria Soprarno. E il piano prevede anche l’apertura al pubblico con visite guidate dei chiostri di San Girolamo e San Giorgio, dell’ex chiesa di San Girolamo, degli affreschi «L’ultima cena», «Le nozze di Cana» e «I quattro santi evangelisti ed i quattro santi martiri coronati» presenti nel complesso le cui parti più antiche risalgono al 1300.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news