LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Di Donatello quel Cristo di periferia
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 4/3/2020

Un tesoro a Legnaia: attribuito al maestro il Crocifisso della Compagnia di SantAgostino

La notizia farà sicuramente discutere: dopo il restauro è stato attribuito a Donatello il Crocifisso ligneo della Compagnia di SantAgostino annessa alla chiesa di SantAngelo a Legnaia. È già tornato al sua posto, nelloratorio, e dopo la presentazione di venerdì sarà protetto da impianti antifurto. Attribuito nei secoli a vari artisti pare che sia arrivato qui direttamente dalla bottega di Donatello dopo la morte dellartista, nel 1466.

Hai il volto affilato e gli occhi semichiusi. Dalla bocca, anche quella dischiusa, sembra esalare lultimo respiro. A Legnaia, dentro loratorio della Chiesa vecchia di SantAngelo, cè un Crocifisso ligneo che venerdì sarà benedetto dallarcivescovo di Firenze Giuseppe Betori alle 18,30, dopo un lungo intervento di restauro partito nel 2011, e svelato poche ore prima da chi lo ha avuto in cura per tutti questi anni. Non si tratterà di uno svelamento qualsiasi: lopera, che è alta circa 90 centimetri, è appena stata attribuita a Donatello come spiegheranno il soprintendente Andrea Pessina, Monsignor Timothy Verdon, direttore dellUfficio Diocesano di Arte Sacra della diocesi di Firenze, Gianluca Amato, storico dellarte, Silvia Bensi, restauratrice e Don Giancarlo Lanforti, parroco di SantAngelo a Legnaia.

Era questo Cristo unopera processionale cui la Compagnia di SantAgostino arrivata qui a fine del 1300 dalla sua sede di via Maffia a seguito di una scissione dei confratelli era molto devota. Oggi è tenuto sotto stretta sorveglianza e anche dopo la sua presentazione sarà protetto da impianti antifurto. E forse il prolungamento dei tempi di trasferimento dal laboratorio di restauro alloratorio della Chiesa sono dipesi dallesigenza di tenerlo in sicurezza. Dice la gente del quartiere: La Soprintendenza non voleva ricollocarlo al suo posto prima che fosse attivo un sistema di allarme capace di proteggerlo. Ora a volte si vedono anche delle guardie notturne. La scoperta è di quelle che faranno parlare. Perché questo Cristo, attribuito nei secoli a vari artisti allOrcagna per via di una certa somiglianza con quello di San Carlo a Firenze, ma anche a maestri più tardi della prima metà del Cinquecento sembra sia arrivato alloratorio della Compagnia di SantAgostino annesso alla chiesa di SantAngelo a Legnaia direttamente dalla bottega di Donatello dopo la morte dellartista nel 1466. Pare infatti che lautore di quellaltro celeberrimo Cristo quello che si trova in Santa Croce e con cui gareggiò il Brunelleschi realizzando il suo splendido Crocifisso della Cappella Gondi in Santa Maria Novella lo custodisse tra le opere che teneva per sé perché fungesse da modello per lui e per i suoi allievi. Qui a Legnaia pare ci sia arrivato appunto dopo la morte dello scultore perché donato alla Compagnia di SantAgostino da una delle famiglie nobili che vivevano in zona: gli Strozzi o i Capponi. La storia è in parte ancora da ricostruire: cè molto materiale darchivio nella Chiesa vecchia di SantAngelo quella nuova lì accanto è stata costruita nel 1983 perché loriginale, che risale circa allXI secolo ma che ha un campanile ottocentesco, non era più sufficiente a contenere tutti i fedeli ed è un materiale ancora da studiare e da interpretare. E però sullattribuzione storici dellarte e restauratori non hanno dubbi. La qualità dellopera, i suoi colori originali nei secoli erano stati sovrapposti alla superficie originaria ben cinque strati di altre sostanze coloranti lattenzione al dato naturale che dà davvero limpressione che a quelluomo sulla croce stia accadendo qualcosa nel preciso istante in cui volgiamo il nostro sguardo verso di lui hanno portato chi lo ha studiato a ritenere che sia unopera del maestro a cui Medici chiesero il celeberrimo David per il Palazzo di via Larga.

I primi dubbi li ebbero lex soprintendente Anna Bisceglia e lex parroco Moreno Bucalossi i quali intuirono entrambi che si era davanti a qualcosa di più prezioso e di più pregnante di unopera di anonimo. poi sono arrivate le conferme. Unultima osservazione: guardandolo sembra la sintesi tra quello di Donatello in Santa Croce (1406-1408), e quello di Brunelleschi in Santa Maria Novella (1410-1415) il quale, racconta Vasari, dopo aver visto quello di Donatello e aver commentato che sembrava fosse stato messo in croce un contadino, aveva realizzato il suo per mostrare di cosa era capace. È sempre Vasari a raccontare che Donatello, visto quello di Brunelleschi rimase così sbigottito da lasciar cadere in terra le uova che portava in grembo. Chissà che dopo, ripresosi dallo stupore, non ne abbia fatto un altro proprio questo di Legnaia che pur rivelando il suo stile si ispirava a quello più etereo e affilato, più spirituale e pensoso di Brunelleschi. Su questo sicuramente ci daranno lumi venerdì tutti gli studiosi che, a vario titolo, illustreranno la loro scoperta.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news