LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Taranto. Poco personale, MArTa in crisi. La direttrice: «Così chiudiamo»
Francesco Mazzotta
Corriere del Mezzogiorno - Puglia 5/3/2020

Degl’Innocenti lancia l’allarme: «Siamo sotto organico del 50 per cento»

«La situazione è drammatica. Siamo a corto di personale, rischiamo di chiudere». La direttrice del MArTa, Eva Degl’Innocenti, lancia l’allarme scrutando Franco Punzi, presidente della Fondazione Paolo Grassi e del Festival della Valle d’Itria, che le siede accanto, ma a debita distanza di sicurezza anti-contagio, come prevedono gli ultimi dispositivi. Insieme hanno convocato la stampa al Museo di Taranto per annunciare il rinnovo della collaborazione tra le istituzioni. Forse sarebbe bastato un comunicato, vista l’emergenza sanitaria. Nella sala conferenze, i giornalisti devono tenersi prudentemente a distanza tra di loro e dai due relatori. Il Covid19 è in agguato. Ed è pronto a dare un’ulteriore mazzata al settore cultura, già fragile di suo. Eppure, Degl’Innocenti, a tempo quasi scaduto, cioè quando le telecamere stanno per spegnersi e i taccuini sono già stati richiusi, lancia un altro tipo di allarme. Non è il virus a mettere paura. «Al MArTa siamo sotto organico del cinquanta per cento, se continua così - dice - rischiamo il blocco della struttura». E aggiunge: «Se non ci siamo ancora fermati bisogna dire grazie ai pochi che si sacrificano per garantire il servizio». Sarebbe davvero un paradosso che il MArTa mettesse il lucchetto all’ingresso di via Cavour per «carenza di personale», proprio mentre da più parti si sostiene la necessità di riaprire quei musei (tra i simboli dell’Italia amata dagli stranieri) che erano stati chiusi a causa dell’epidemia.

La strambata verso il malumore di fine conferenza arriva dopo una serie di dichiarazioni ottimistiche proprio della direttrice del MArTa. «Martina Franca è ambasciatrice positiva di questo territorio», aveva detto Degl’Innocenti, introducendo i contenuti della collaborazione tra le due realtà, che si rinnova nell’ottica di una maggiore valorizzazione del sistema culturale: il MArTa organizzerà e promuoverà delle visite guidate a tema musicale per chi avrà acquistato un biglietto per il Festival della Valle d’Itria, con percorsi iconografici e dentro i riti dionisiaci della collezione di reperti di epoca magno greca. A loro volta i visitatori del Museo Archeologico potranno assistere agli spettacoli in programma nella cittadina barocca durante la prossima estate con una riduzione sul biglietto. MArTa e Martina a braccetto, dunque, nonostante gli attuali scenari non proprio rassicuranti. Un sodalizio tra prime donne, nato nel 2017, l’anno dell’Orlando Furioso di Vivaldi a Palazzo Ducale e della mostra a tema Amore e Marte curata dal MArTa nella sede della Fondazione Paolo Grassi. Un legame che si traduce, anche quest’anno, non solo in una «reciproca scontistica» sugli ingressi incrociati di melomani e appassionati d’arte, ma in una maggiore integrazione della proposta culturale.

«Le sinergie sono preziose soprattutto quando valorizzano arte e cultura», sottolinea Punzi, anche lui «ottimista nonostante le notizie negative» dovute all’emergenza Coronavirus. Il Festival della Valle d’Itria, al via il 14 luglio con un’opera del pugliese Saverio Mercadante intitolata La rappresaglia , è arrivato a quota quarantasei edizioni. «Non siamo diventati vecchi, solo più adulti», scherza l’intramontabile presidente del festival, che nel 1980 venne sollecitato a prendere le redini della manifestazione dal milanese di Martina Paolo Grassi. Punzi si augura che il protocollo tra le due istituzioni serva maggiormente a «stimolare l’attenzione dei giovani», che per lui sono da sempre una vera ossessione. L’obiettivo è di creare un circuito virtuoso, che al contempo possa da un lato portare i viaggiatori della musica a scoprire i tesori del MArTa e dall’altro stimolare l’interesse al mondo dell’opera dei visitatori del più importante museo sulla storia della Magna Grecia. Si pensa positivo. Anche se sul MArTa al momento ristagnano nubi oscure.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news